Ripple, c’è uno nuovo pericoloso concorrente all’orizzonte: ZEPH

Si è verificato un forte calo del prezzo di Ripple inferiore a $ 0,3300 simile a Ethereum e Bitcoin rispetto al dollaro USA. La coppia XRP / USD ha addirittura rotto il supporto di $ 0,3200 e si è stabilizzata al di sotto della media mobile semplice su 100 ore. Ha negoziato vicino al livello di $ 0,3100 e si è attestato su un minimo a $ 0,3102. Successivamente, il prezzo ha iniziato una correzione al rialzo a breve termine e ha superato $ 0,3150 e $ 0,3160.

Gli acquirenti hanno spinto il prezzo al di sopra del livello di ritracciamento di Fib al 23,6% della recente scivolata da $ 0,3350 a $ 0,3100. Inoltre, c’è stata una rottura al di sopra di una linea di tendenza ribassista con resistenza a $ 0,3180 sul grafico orario della coppia XRP / USD. La coppia si è scambiata verso il livello di $ 0,3220, che ha agito da solida resistenza.

Tuttavia, non è stato effettuato alcun test del livello di ritracciamento del 50% di Fibra della recente scivolata da $ 0,3350 in alto a $ 0,3100 in basso. Pertanto, ci sono possibilità di maggiori aumenti verso i livelli di $ 0,3225 e $ 0,3250. L’azione sui prezzi è ancora ribassista e sembra che non sarà facile per gli acquirenti azzerare le resistenze da $ 0,3220 e $ 0,3250.

Guardando il grafico, il prezzo di ripple segue attualmente un canale in ascesa con supporto a $ 0,3160. Potrebbe esserci un picco a breve termine verso la resistenza del canale, $ 0,3220 e la SMA a 100 ore. L’incapacità di guadagnare slancio sopra queste barriere potrebbe comportare un nuovo calo a $ 0,3100.

Il MACD per XRP / USD sta per tornare nella zona al ribasso. L’RSI per XRP / USD è attualmente vicino al livello 50, con una distorsione piatta. Il Maggiore livello di supporto – $ 0,3160, mentre il Maggiore livello di resistenza è $ 0,3220.

Ripple collabora con l’istituto di ricerca cinese per realizzare il primo programa Blockchain Technology Research Scholarship

Ripple ha lavorato senza sosta in termini di diffusione della sua portata, con l’azienda che ha recentemente segnato una pietra miliare incrociando oltre 200 partnership in 40 diversi paesi. Secondo Crowd Fund Insider, Ripple ha stretto un’altra partnership con la Tsinghua University, al fine di lanciare un programma di borse di studio.

L’Istituto per la ricerca Fintech, Tsinghua University [THUIFR] prevede di lanciare un programma di borsa di ricerca sulla tecnologia Blockchain [BRSP] per studenti laureati in Cina. E Ripple sosterrà la causa dell’università con questa partnership. THUIFR è un istituto di ricerca ben riconosciuto e leader in Cina e, basandosi sulle sue risorse di ricerca e sui risultati, si concentrerà sulle politiche normative internazionali e sullo sviluppo di tecnologie blockchain.

Ivy Gao, Direttore della Cooperazione e dello Sviluppo Internazionale, THUIFR, ha dichiarato:

“Soprattutto, credo che questo programma sarà di grande aiuto per la loro ricerca futura o carriera nel campo della tecnologia blockchain.”

Eric van Miltenburg, SVP di Global Operations di Ripple, ha dichiarato:

“L’obiettivo del programma: fornire agli studenti opportunità in blockchain ricerca – allinea strettamente con quella di Ripple’s University Blockchain Research Initiative. Siamo entusiasti di sostenere THUIFR in questo sforzo e attendo con ansia il suo lancio.”

Ripple è ben noto per le sue partnership di vasta portata con società collegate al settore finanziario e persino con società e università basate sulla ricerca. La società prevede di supportare e migliorare la ricerca accademica e lo sviluppo di blockchain e criptovaluta. Inoltre, Ripple ha recentemente annunciato di avere alcune banche attive con la loro soluzione blockchain xRapid, che continua a creare un sacco di buzz nella comunità.

Pochi giorni dopo questo annuncio, più di cinque istituzioni finanziarie hanno annunciato i loro piani per collaborare con xRapid. Con la sua collaborazione con l’Università cinese, Ripple si sta lentamente spostando in paesi con regole e regolamenti severi quando si tratta di criptovalute, e questo è considerato come una svolta da parte di alcuni nella comunità.

@coupleofcrypto ha commentato:

“Fantastico. Vai a @Ripple. Il più criticato nello spazio crittografico, eppure di gran lunga il più attivo per ottenere la tecnologia blockchain adottata in tutto il mondo … Questo fa parte della collaborazione di Ripple con le università di tutto il mondo per promuovere lo sviluppo di blockchain. È fantastico, Ripple sta davvero aiutando l’intero spazio crittografico, ma tu fai un passo avanti. E’ solo la mia opinione.”

C’è trepidante attesa per il Blockchain Economic Forum

C’è molta eccitazione tra la comunità di Ripple e XRP riguardo all’imminente confronto tra il CEO di Ripple Brad Garlinghouse e il CEO di Swift Gottfried Leibbrandt sull’imminente Blockchain Economic Forum che si terrà dal 24 al 26 gennaio 2019. Tuttavia, secondo l’aggiornamento elenco degli oratori, Michal Krupinski, presidente del consiglio di amministrazione e capo della banca Pekao discuteranno dell’argomento “La nuova era dei sistemi di pagamento decentralizzati arriverà?” con Brad Garlinghouse sui sistemi di pagamento della tavola rotonda 2020.

Alcuni stanno ora speculando sulla possibilità che Bank Pekao sia un altro partner di Ripple. Questo di seguito è uno dei commenti più interessanti:

“(Bank Pekao) Questa banca era posseduta principalmente da Unicredit (Ripple Partner) fino al 2016, quando Unicredit ha deciso di vendere la maggior parte delle sue azioni ad una compagnia di assicurazioni polacca. Bank Pekao è nota per la sua apertura tecnologica (sono stati i primi in Polonia ad offrire servizi bancari elettronici per esempio) quindi penso che sia molto probabile che Bank Pekao sia un altro Ripple Partner che non è stato ancora annunciato. Forse lo scopriremo la prossima settimana.”

Tuttavia, un altro ha detto:

“Ne dubito davvero. Potrebbero essere un altro cliente x corrente, ma le norme fiscali correnti in Polonia sono sfavorevoli a qualsiasi transazione di criptovaluta. ”

Anche Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti testano la criptovaluta: potrebbero usare Ripple?

Le criptovalute e la tecnologia blockchain stanno iniziando a insinuarsi nelle attività imprenditoriali del mondo reale. Ripple ha già collaborato con oltre 200 istituzioni finanziarie. Il sondaggio globale blockchain 2018 di Deloitte mostra che il 95% delle aziende intervistate sta investendo in tecnologia blockchain e la lista continua.

Le ultime notizie sull’adozione di blockchain positive provengono dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti (EAU), poiché le loro banche stanno adottando la tecnologia blockchain e lanciando una criptovaluta.

Secondo l’agenzia di stampa Emirates, il comitato esecutivo del Consiglio di coordinamento degli Emirati Arabi Uniti ha discusso 7 iniziative che aiuteranno a materializzare la loro visione congiunta dell’integrazione economica, sociale e militare. Le iniziative saranno implementate nel corso del 2019.

Il comitato è composto da 16 membri sia degli EAU che dell’Arabia Saudita. Questi membri rappresentano una delle alleanze economiche più forti del mondo, in quanto i fondi sovrani combinati dei due paesi sono il secondo più grande al mondo. Lanciare una criptovaluta interbancale, considerando la loro iniziativa strategica per l’integrazione bilaterale nei settori dei servizi e dei mercati finanziari, l’alleanza Emirati Arabi ha deciso di sperimentare la tecnologia blockchain nelle loro operazioni finanziarie tra i due paesi.

Durante la loro riunione più recente, i due paesi hanno lanciato una criptovaluta pilota congiunta per facilitare i pagamenti transfrontalieri tra le banche. Inizialmente, la criptovaluta verrà utilizzata rigorosamente a livello sperimentale per comprendere le implicazioni della tecnologia blockchain. Non sono stati forniti dettagli su quale tecnologia di blockchain sottostante la loro criptovaluta sta operando.

Il comunicato stampa ha solo rilevato che la moneta digitale si basa sull’utilizzo di un database distribuito tra le banche centrali e le banche partecipanti di entrambi i paesi. Oltre a quanto sopra, il comunicato stampa ha rilevato ciò che l’alleanza spera di ottenere con il suo progetto sperimentale di criptovaluta: cerca di salvaguardare gli interessi dei clienti, stabilire standard tecnologici e valutare i rischi di cybersecurity.

Il progetto determinerà anche l’impatto di una moneta centrale sulle politiche monetarie. Potrebbe la criptovaluta degli Emirati Arabi usare la tecnologia a catena? Non molto altro è pubblicamente noto su questa iniziativa congiunta di blockchain, ma c’è spazio per alcune speculazioni sui dettagli del progetto.

Per esempio, è più che probabile che la blockchain della criptovaluta sia privata in modo che il pubblico non possa visualizzare l’attività transazionale tra le due nazioni. Poiché la blockchain è centralizzata, è probabile che le autorità centralizzate saranno in grado di invertire le transazioni, se necessario. Inoltre, si potrebbe ipotizzare che l’alleanza Emirati Arabi non stia costruendo la propria criptovaluta e blockchain, ma piuttosto adottando una rete esistente che ha è già stato provato, collaudato e dimostrato di funzionare.

La cripto che l’alleanza sembra probabilmente adottare e sperimentare è Ripple, progettata specificamente per facilitare i pagamenti transfrontalieri tra banche. Inoltre, la tecnologia blockchain di Ripple, e in alcuni casi la sua criptovaluta (XRP), è già stata sperimentata e implementata in numerose istituzioni finanziarie. Una delle integrazioni più importanti di Ripple è con una delle più grandi banche islamiche del mondo, Kuwait Finance House (KFH).

Mentre Kuwait e KFH non fanno parte degli Emirati Arabi Uniti o dell’Arabia Saudita, è un paese di frontiera per entrambe le nazioni. Non sorprende sapere che la tecnologia blockchain di Ripple potrebbe essere alla base del progetto di criptovaluta degli Emirati Arabi Uniti.

Dopo tutto, Ripple è di gran lunga il principale progetto di criptovaluta nel settore bancario, con la maggior parte delle implementazioni, connessioni e reti con le banche di tutto il mondo. In questo momento, se la tecnologia blockchain di Ripple e la criptovaluta sono coinvolte nell’iniziativa criptovaluta degli Emirati Arabi è puramente speculazione.

Dovremo aspettare e vedere come il loro progetto si svolgerà nel corso del 2019.

Bitspark sarà la nuova rivale di Ripple?

Una piattaforma di insediamenti ha svelato un nuovo schema per incoraggiare le transazioni transfrontaliere. Bitspark, con sede a Hong Kong, ha annunciato oggi che gli utenti della loro rete di pagamenti saranno ricompensati con token Zephyr (ZEPH) ogni volta che invieranno una transazione internazionale.

“Con ZEPH token, gli utenti non solo risparmieranno denaro “, ha detto George Harrap, co-fondatore e CEO di Bitspark, “ma faranno anche soldi perché guadagnano ZEPH quando usano Bitspark per inviare denaro in tutto il mondo.”

Fondata nel 2014, Bitspark sta sviluppando servizi per i pagamenti transfrontalieri che utilizzano valute virtuali. La società ha facilitato il primo trasferimento di denaro “cash in cash out” internazionale utilizzando Bitcoin (BTC), anche nel 2014. Fornisce inoltre servizi di prelievo di contanti in alcune località dell’Africa e dell’Asia, in particolare a Hong Kong. Anche se Bitspark utilizza la tecnologia blockchain, gli utenti finali non hanno bisogno di convertire la valuta fiat in criptovaluta. Tutte le parti complicate sono state realizzate da Bitspark sul backend.

I token ZEPH, basati sulla blockchain Bitspark, sono stati originariamente venduti in un ICO nel 2017 per finanziare lo sviluppo di Bitspark. Simile a Binance Coin (BNB), Bitspark prevede di riacquistare i gettoni dagli investitori su base mensile con alcune delle commissioni guadagnate attraverso i loro prodotti.

Il token era precedentemente negoziabile solo sullo scambio decentralizzato, BitShares, ma è stato aggiunto oggi all’Exchange centralizzato di Dubai: RightBTC.

Le ambizioni di XRP SeatBitspark come sistema di pagamento e regolamento potrebbero metterlo in concorrenza diretta con uno dei leader negli accordi DLT, XRP. Ma ci sono diverse differenze chiave, secondo i dirigenti di Bitspark. Anche se gli investitori al dettaglio sono liberi di comprare XRP, non sono gli utenti previsti.

Protocolli come xRapid – che consentono il trasferimento del valore sotto forma di XRP – sono progettati per le istituzioni finanziarie. Negli ultimi anni, Ripple Labs, creatore di xRapid, ha spinto per il maggior numero possibile di partnership bancarie e finanziarie. Bitspark sottolinea che la sua rete può essere utilizzata da utenti retail o istituzionali. Maxine Ryan, il COO della compagnia, dice che questo rende il loro prodotto utile nelle economie emergenti, che hanno proporzioni molto più alte di persone che rimangono senza busto.

“Non dimentichiamo che Ripple serve solo individui che sono collegati al sistema finanziario formale e il denaro contano ancora nella maggior parte delle economie in via di sviluppo” Ryan ha scritto in una e-mail a Crypto Briefing.

“Nei mercati emergenti e di frontiera, che sono trascurati dalle istituzioni finanziarie, gli individui non sarebbero in grado di utilizzare la loro soluzione giorno per giorno.” Nella mitologia greca, Zephyr era il dio del vento occidentale. Allo stesso modo, Bitspark spera di poter rappresentare il vento del cambiamento, aprendo servizi finanziari a tutti.

Distribuire i token ZEPH gratuiti significa scuotere il mercato.

Piattaforme affidabili per investire in Ripple

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

 

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY