Ripple, Sostack rincara le accuse e il prezzo crolla

I mercati delle criptovalute, insieme ai mercati tradizionali, sono in subbuglio con molti dei più grandi token digitali, tra cui Ethereum, XRP di ripple e Litecoin che hanno registrato cali a due cifre nelle ultime ore di trading.

Il prezzo dei bitcoin è stato in bilico sui $ 10.000 dalla fine di giugno ma ha faticato a salire molto oltre quel livello. Soprattutto dopo che i regolatori globali hanno versato acqua fredda sui giganti dei social media. In particolare, sui piani di Facebook di lanciare il proprio rivale di bitcoin l’anno prossimo, pensato da molti come il principale motivo del freno al prezzo del Bitcoin nel 2019.

Ora, ancora una volta il bitcoin è sceso sotto il segno psicologico di $ 10.000 prima di riprendersi un po’, lasciando i trader e gli investitori a guardare nervosamente le ulteriori potenziali perdite.

“Ancora una volta bitcoin è alla ricerca di supporto e ha difficoltà a trovarlo” sostiene Mati Greenspan, analista senior di mercato senior per il prestigioso Broker eToro. Mentre bitcoin è sceso del 6% circa nell’ultimo giorno, bitcoin cash, un variet del bitcoin originale, ha portato il mercato ad abbassarsi, perdendo oltre il 10%.

Ethereum, XRP di Ripple e litecoin, che tra loro compongono le prime cinque criptovalute per capitalizzazione di mercato, sono tutte in calo di poco meno del 10%, circa $ 20 miliardi dal valore totale di tutte le criptovalute in un solo giorno.

Riepiloghiamo dunque le caratteristiche di Ripple e vediamo qual è il modo migliore per investirci e comprarla. Ad esempio si possono sfruttare piattaforme regolamentate e sicure come 24option (clicca qui per visitare il sito ufficiale) che grazie agli strumenti come segnali sono il massimo per chi vuole iniziare.

Perchè le criptovalute sono in affanno?

Alcuni analisti di bitcoin e criptovalute hanno ipotizzato che il calo dei prezzi dei bitcoin sia una risposta a una ripresa dello yuan cinese, mentre altri hanno cercato problemi nei mercati azionari globali causati dall’escalation della guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti. A ciò occorre poi aggiungere la Germania con la sua economia barcollante e la Brexit da parte del Regno Unito.

“I volumi di Bitcoin e delle altre criptovalute sono tornati alla normalità oggi in tutto il mercato, ma il prezzo sembra gradualmente diminuire”. Aggiunge Greenspan. “Molti analisti hanno fatto del loro meglio per legare le ultime mosse nel mercato delle criptovalute all’incertezza in geopolitica, ma è difficile dire esattamente quanta connessione ci sia davvero.”

Le azioni di tutto il mondo sono crollate su minimi di oltre due mesi quando i mercati asiatici hanno aperto giovedì, in seguito alla prima scivolata di Wall Street. Dopo che un indicatore di recessione ha attentamente monitorato i rendimenti sui titoli del Tesoro USA decennali. I quali hanno dato un avvertimento agli investitori.

L’investitore veterano e amministratore delegato di Euro Pacific Capital Group, Peter Schiff, hanno twittato l’ultimo calo del mercato dei bitcoin e delle criptovalute. E ciò è il risultato dei recenti acquirenti che si sono ritirati dal mercato.

“Ora che la tensione commerciale con la Cina è diminuita, la pressione sullo yuan è diminuita”, ha detto Schiff. “Coloro che hanno acquistato bitcoin per speculare sull’acquisto di un porto sicuro cinese, che non è mai successo, stanno togliendo le loro chips dal tavolo.”

Il prezzo del bitcoin ha perso circa $ 1.000 per bitcoin negli ultimi 24 ore di trading. Altrove, i bitcoin e gli investitori in criptovalute sono stati delusi questa settimana quando la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha nuovamente ritardato la decisione su tre proposte di ETC (bitcoin exchange traded fund).

Una decisione finale su ciascuno degli ETF, proposta all’inizio di quest’anno dai gestori patrimoniali Bitwise Asset Management, VanEck e SolidX e Wilshire Phoenix, è attesa alla fine di settembre e metà ottobre.

Ripple crescono le accuse di Bradley Sostack

Ripple è stata presa di mira da un sostenitore seriale di Bitcoin (BTC) questa settimana, dopo che le notizie sono emerse e si è intensificata una causa contro l’azienda. Ripple sentirà l’ira dei regolatori statunitensi, afferma VaysRipple, che controlla teoricamente il token noto come XRP in tribunale da un investitore, Bradley Sostack. Il quale sostiene la società impegnata nella vendita di titoli non registrati.

Appannaggio di quanti non lo sapessero, lo scorso anno Ripple è stata citata in giudizio dall’investitore Bradley Sostack, il quale sostiene che l’azienda avrebbe venduto beni azionari senza l’autorizzazione delle autorità federali.

Se in un primo momento tale denuncia non aveva sortito particolari attenzioni, ora, anche alla luce delle nuove norme della SEC, Sostack sta rincarando la dose.

Come riportato da Cointelegraph, la posta in gioco è aumentata questa settimana, dopo che Sostack ha modificato la sua richiesta originale includendo le nuove normative introdotte in questo periodo dalla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti.

Secondo i rapporti, le ultime dichiarazioni della SEC danno peso all’argomento di Sostack e un deposito ora mostra che Ripple deve rispondere alle accuse il mese prossimo.

Nel frattempo, commentando gli eventi, Tone Vays, il trader veterano e conduttore del podcast Bitcoin Law Review, ha lanciato aspre critiche a Ripple.

“La SEC sta usando il Martello di Thor”, ha scritto su Twitter il 14 agosto, chiamando apertamente XRP un token truffa. Vays ha promesso di discutere la causa nel prossimo episodio del podcast. La controversia intorno a Ripple e XRP è stata quasi costante negli ultimi anni.

Dichiarazioni contrastanti sulla relazione dell’azienda con il token, insieme al famigerato comportamento dei loro sostenitori dei social media, hanno fatto guadagnare alla terza criptovaluta una reputazione non invidiabile. In uno sviluppo separato questa settimana, lo scambio di criptovaluta Beaxy ha annunciato di aver smesso di fare trading dopo che un attacco coordinato su Ripple ha visto un enorme svendita sul suo portafoglio ordini. Facendo scendere i prezzi XRP del 40% sullo scambio.

XRP / BTC è attualmente scambiato a il suo livello più basso da novembre 2017. Periodo d’oro per le criptovalute.

Ripple, la criptovaluta dalla doppia vita

Insomma, tempi duri per Ripple. Criptovaluta dalla vita alquanto paradossale. Se da un lato continua ad incassare sempre nuove importanti partnership con Banche e Money transfer, dall’altro si vede accusata pesantemente con enormi rischi di sanzioni e provvedimenti da parte della SEC.

Insomma, se la Blockchain Ripple riscuote grande successo, l’altra sua natura, quella di criptovaluta, è in costante affanno. Per effetto di ciò, se risulta ancora essere la terza criptovaluta per capitalizzazione di mercato, il suo prezzo è inferiore a tutte le criptovalute fino al 36mo posto. Visto che è scambiata, al momento della scrittura, su soli 0,2 USD.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY