Ripple: per il CEO Bitcoin è controllato dalla Cina

Ripple ha dimostrato che non si tratta solo dell’ennesimo progetto di una criptovaluta, ma di una soluzione pienamente funzionante per il problema globale delle transazioni internazionali. La tecnologia blockchain e la valuta XRP non stanno solo persuadendo la crittosfera di quanto siano utili, ma stanno anche attirando alcune delle più grandi aziende del mondo che non si sarebbero avvicinate altrimenti alla tecnologia blockchain.

Recentemente, il Banco Santander ha annunciato il rilascio di OnePay FX, un’app blockchain pensata per rendere le transazioni internazionali più rapide, sicure ed economiche. Ed è basato sulla tecnologia di Ripple (a volte usa anche la moneta). La partnership con Banco Santander è un affare enorme. Questa è la banca considerata migliore al mondo ad oggi e ha una presenza ovunque in Europa e nelle Americhe. Santander utilizzerà la blockchain e la piattaforma di Ripple per eseguire i suoi trasferimenti internazionali, migliorare drasticamente il servizio clienti e risparmiare un sacco di soldi lungo la strada.

Questo rende Ripple un giocatore essenziale in questo campo come una delle poche monete crittografiche che sono riuscite a trovare la sua strada verso il mainstream e fornire un servizio di vita reale per persone reali e ditte reali. Tenete presente che il settore finanziario è molto conservatore e molto contrario al cambiamento. Se Ripple li ha persuasi ad adottare la loro piattaforma e la moneta (in una certa misura, fino ad ora limitata) a fare le cose in modo diverso, è perché il servizio che stanno fornendo è davvero prezioso. E nuove collaborazioni con alcuni dei i grandi giocatori del mondo continuano a essere annunciati frequentemente. Western Union, MoneyGram, InstaRem, BeeTech e molti altri sono già a bordo e godono dei vantaggi.

Questo crea confidenza e curiosità per altre istituzioni finanziarie che non sono ancora nella Ripple Net, ma può solo significare che molti di loro si uniranno presto. Ripple dunque può solo crescere.

Circa un paio di settimane fa, il team di Ripple annuncia il rilascio di Ripple 1.0.0. L’aggiornamento è già in corso da sei anni. Include molti miglioramenti per le piattaforme di Ripple. Questo aggiornamento renderà la rete decentralizzata matura e gli utenti e gli operatori più stabili e attuali saranno incoraggiati ad aggiornare alla versione più recente. Migliora anche il registro XRP, che è al centro del servizio di Ripple.

SBI è uno dei maggiori servizi bancari del Giappone e ha appena lanciato una piattaforma per le valute virtuali. Questa è un’ottima notizia per la moneta XRP di Ripple perché le tariffe di trasferimento useranno XRP e quindi creeranno nuova domanda e miglioreranno le prestazioni del bene. SBI ha in programma di aggiungere altre funzionalità il prossimo mese; i progressi nel sistema di SBI avranno sicuramente un impatto positivo su XRP dato che è impostato come valuta principale sulla piattaforma.

Naturalmente, lo scambio crittografico di SBI Holdings e il rilascio di 1.0.0 di Ripple sono solo un paio di ragioni per credere che questa criptovaluta sia destinata a volare. Ripple mostra come una criptovaluta può fare la differenza nel mondo reale migliorando le soluzioni tradizionali ai problemi esistenti. È più veloce, più scalabile, più disponibile di Bitcoin e sta diventando la moneta crittografica più utilizzata in tutto il mondo. E al di sopra di tutto, è ancora molto economico ($ 0,56 al momento in cui scriviamo).

Ripple, CEO Brad Garlinghouse non ha dubbi: Bitcoin controllato da Cina

Il CEO di Ripple, Brad Garlinghouse, è stato intervistato da Lee Simpson, Stifel Tech Analyst. Ecco cosa ha detto Garlinghouse: “Blockchain non distruggerà le banche. C’è molta follia nella blockchain, ma ci sono tre indicatori dei vincitori del mercato (…) Blockchain non disturberà le banche …” – ha aggiunto – “ma svolgerà un ruolo importante nel modo in cui funziona il nostro sistema. È una visione miope…”

Poi ha proseguito: “Bitcoin non è la panacea che pensavamo fosse…” Ha parlato del prodotto XRP di Ripple. Ha detto: “Ecco come verrà gestita la liquidità in futuro.” Si è concentrato sui mercati emergenti. XRP è stato descritto come “il miglior asset digitale per il regolamento”. Ha detto: “Oggi Bitcoin impiega 45 minuti per regolare una transazione”. Mentre l’XRP potrebbe impiegare 4 secondi per stabilirsi, afferma Garlinghouse: “Le banche useranno ciò che è più efficiente e meno costoso e se fornisci un prodotto migliore a un prezzo migliore…lo useranno”.

Il CEO di Ripple spiega perché non c’è “Bit” o “Coin” nel nome di Ripple. Ha detto: “Circa due anni e mezzo fa, il Ceo di una delle più grandi banche in Australia nel suo ufficio gli disse: “La cosa più intelligente che hai fatto non è stata inserire “bit” o “coin” nel suo nome.

Il CEO di Ripple ha poi detto al pubblico presente: “Un numero di persone di spicco, anche Steve Wozniak, ha detto di vedere un mondo in cui Bitcoin è la valuta principale. Penso che sia assurdo. Pensa che qualsiasi economia importante permetterà che ciò accada, ma non ha senso.” Continua dicendo: “Ti racconterò un’altra storia sottostimata, ma che merita attenzione. Il Bitcoin è davvero controllato dalla Cina: ci sono quattro miners in Cina che controllano oltre il 50% di Bitcoin. Come sappiamo che la Cina non interverrà? Quanti paesi vogliono usare una valuta cinese controllata? Non accadrà mai.” Poi prosegue Garlinghouse : “Lo riconosco, sono a lungo criptico, consiglierei alla gente di investire solo in cripto ciò che si è disposti a perdere. È presto per dire come andrà a finire. Penso che sia una strategia di investimento piuttosto buona.”

Garlinghouse ha prima fatto una pausa poi ha detto: “Non sono un consulente finanziario, ignora tutto quello che ho appena detto!” La folla è scoppiata a ridere. Ma forse non ha tutti i torti.

A prima vista potrebbe sembrare paranoia, ma quando ci immergiamo nelle statistiche, è chiaro che Garlinghouse non sta parlando solo di aria fritta. BTC.com, Antpool, F2Pool e BTC.TOP hanno tutti due cose in comune: sono tutti cinesi e rappresentano un’enorme quota del potere di mining totale di Bitcoin.

Aggiungendoli tutti, rappresentano il 58,9% di hascate di BTC. È abbastanza per incasinare il consenso della rete. Se dovessimo sommare tutte le principali attività minerarie cinesi (oltre il 2% sul totale), avremmo finito con il 75,3% di controllo del potere di hashing. Quello che manca a Garlinghouse, tuttavia, è il fatto che i miners indipendenti si unirebbero probabilmente ad altri qualora il governo cinese inizi improvvisamente a dare il suo consenso al Bitcoin.

Ancora, non c’è alcuna garanzia che Bitcoin possa sopravvivere a un attacco del genere, rendendo questo un difetto intrinseco nelle monete proof-of-work. È un gioco di gatto e topo tra gli interessi della Cina, la possibilità di apatia dei miners e la possibilità di prestare attenzione alle piscine in cui stanno scavando. In quest’ultimo scenario, se Bitcoin soccombe alle pressioni di un governo il cui territorio ospita la maggior parte del potere di hashing del mondo, assisteremo al fatto che le persone migreranno in gran numero altrove.

Ripple e l’Internet of Value

David Schwartz, Chief Cryptographer di Ripple, ha parlato oggi su MoneyConf di Internet of Value. In una conversazione con Ivana Kottasova della CNN, ha parlato della sua visione di un mondo in cui il denaro si muove alla stessa velocità delle informazioni. Ha parlato del motivo per cui Bitcoin ha causato l’interesse che ha fatto e perché la gente pensava che sarebbe stato rivoluzionario.

Crede che la gente fosse interessata ai Bitcoin poiché erano frustrati dal siloing di liquidità nei sistemi legacy. Quando i sistemi di pagamento non si comunicavano tra loro, ciò comportava inefficienza e frustrazione nel trasferire valore. Ha fornito un esempio di come si potrebbe guardare il sito Web di un’azienda in Sud Africa, ma è “molto difficile inviare denaro, in particolare piccoli pagamenti”. Ha poi parlato di come lo spazio di criptovaluta abbia generato il problema che ha cercato di risolvere, creando più silos di valore in diverse criptovalute, causando un generale trapping di valore.

La soluzione a questo era Internet of Value. Egli ha detto: “Internet of Value è abbattere l’effetto siloing (della conservazione), fare soldi allo stesso modo di quello che Internet ha fatto per le informazioni … [e] fare in modo che i soldi possano fluire con la stessa facilità delle informazioni.”

Nella sua visione del concetto, ha detto: “La visione più semplice è che potresti pagare qualcuno tramite un indirizzo di pagamento universale, e non importa se stanno usando PayPal o una banca o un Bitcoin o un sistema di pagamento mobile … Il denaro troverà solo un percorso da seguire.” Ha anche elaborato la sua visione a lungo termine per Internet of Value nei prossimi 10 anni. Ha affermato che i pagamenti di Internet of Value dietro le quinte cambieranno il mondo in modi che non sono così ovvi.

In un’altra occasione David Schwartz, nel corso di una conferenza presentata da Voxpro, intitolata “The future of money” a Dublino, ha espresso come le persone spesso sbagliano la sua designazione di “coreografo” e quanto sia significativo il suo lavoro in Ripple, anche in che modo aiuta spostare denaro per i suoi clienti.

Parlando del suo insolito ruolo in Ripple, Schwartz ha detto che è un ruolo “creato” dal team Ripple team, con tanto di nome coniato: Chief Cryptographer. Un Chief Cryptographer, secondo Schwartz, è qualcuno che fa un sacco di messaggistica esterna per l’azienda, parla alle persone di quello che stanno facendo e diffonde le notizie. Ha anche aggiunto che parla ai clienti per quanto riguarda i pagamenti globali e la rimozione di finzione da pagamenti internazionali. Sta anche cercando di mantenere Ripple allineato con la tecnologia, assicurandosi che continuino ad essere in esecuzione per i propri clienti.

Quando ha chiesto informazioni sulla situazione attuale del mercato e in che modo influisce sulla morale di Ripple in particolare, Schwartz lo ha definito come “qualcosa che è una distrazione ed è completamente disconnesso ‘. Secondo lui, le fluttuazioni dei prezzi possono diventare una distrazione e ovviamente non riflettono il successo dell’azienda. Ripple ha avuto il miglior trimestre questa volta e ora vede anche nuove partnership bancarie.

Questo il pensiero di Schwartz: “Stavamo andando molto bene e il mercato fa solo quello che deve fare, non credo che nessuno sappia cosa sta succedendo lì. Penso che fondamentalmente solo una distrazione non sembra riflettere i fondamentali. Ovviamente, le persone sono molto arrabbiate nel tenere traccia di quei numeri, in particolare quelli che hanno una parte significativa del proprio patrimonio in queste risorse digitali. Ma non sembra riflettere il progresso di nessuno di questi progetti, in termini di tecnologia che stanno costruendo e partnership. E’ completamente disconnesso. È piuttosto sconcertante.”

Alla domanda sul prodotto xRapid e sul perché le persone dovrebbero usarli separatamente da quello del token stesso, Schwartz ha spiegato che richiedere alle persone di usare un token è completamente una strategia sbagliata. Hanno provato questa strategia nei primi tempi ed è stato un processo molto lento. Nessuno ha voluto effettuare pagamenti perché non c’è liquidità e nessuno vuole fornire liquidità perché non ci sono pagamenti.

Poi conclude: “Cercando di costringere le persone a utilizzare una risorsa che non è la migliore per il caso d’uso, costruirà un sistema terribile che nessuno vorrebbe usare. Stiamo cercando di costruire piattaforme neutre e universali e crediamo che XRP possa vincere per il caso d’uso. Puntiamo a sistemare i pagamenti internazionali perché è il più veloce e il più economico”.

Hacking minaccia le criptovalute e la loro credibilità

I continui attacchi hacker sicuramente raffreddano l’interesse per Bitcoin, Ethereum, XRP e altre criptovalute nel breve periodo, ma nel lungo periodo le renderà più forti. L’acquisto di criptovalute è sempre stato una cosa spaventosa per gli investitori di criptovaluta. Sembra una corsa alla banca nei vecchi tempi in cui non esisteva una banca centrale per garantire i depositi. Ecco perché gli investitori hanno venduto quasi tutte le criptovalute in seguito alla notizia che l’Exchange di criptovalute Coinrail con sede in Corea del Sud era stato violato.

La Corea del Sud è uno dei più grandi mercati di criptovalute del mondo e il buzz setter. Il buzz di criptocurrency inizia di solito in Asia, in Corea, dove gli investitori li vedono come veicoli per sfuggire ai controlli valutari governativi e sono disposti a pagare un premio di mercato per loro .

Questo è diventato particolarmente vero da quando il governo cinese ha interrotto gli Exchanges del paese. Ecco perché l’hacking dello scambio di Coinrail ha avuto un così grande impatto sui mercati delle criptovalute. Ancora, l’hacking non è una novità per le criptovalute. Già nel mese di gennaio è stato violato l’Exchange giapponese di Coincheck Inc., che ha causato molti danni agli investitori di criptovaluta. E l’hacking non andrà via presto.

“Gli hacker sono sempre esistiti e la probabilità che essi svaniscano è molto bassa”, ha detto l’industriale Blockchain ed ex-professionista degli investimenti in Banca Mondiale Mary Saracco. “Detto questo, lo spazio crittografico in particolare deve essere estremamente diligente nelle sue misure di sicurezza improntate, in quanto la sicurezza informatica svolge un ruolo più importante nel settore.

“Mentre l’hacking è doloroso per gli investitori di criptovaluta nel breve periodo, li renderà più forti a lungo raggio, secondo alcuni esperti. Christian Ferri, Presidente e CEO di BlockStar, è uno di loro. “Come in ogni tecnologia, l’hacking sarà doloroso per alcuni a breve termine; ma sarà un importante motore nel rafforzare l’ecosistema cripto, rendendolo più sicuro, il che è fondamentale per l’adozione di massa.”

Amy Wan, CEO e cofondatore di Sagewise, è d’accordo. “Ci sarà sempre una comunità di entusiasti delle criptovalute, nonostante tutti gli hack, ma blockchain e cripto non diventeranno più mainstream a meno che e fino a quando lo spazio non risolva questi problemi fondamentali dell’infrastruttura e fornisca agli utenti sicurezza e certezza transazionale.” Nel frattempo, gli investitori di criptovaluta dovrebbero prepararsi a una grande quantità di turbolenze.

Ripple presto su Coinbase

Coinbase, il più grande Exchange di criptovalute, brokeraggio e wallet con sede negli Stati Uniti, ha integrato Ethereum Classic il 12 giugno in vista di altre importanti criptovalute come Ripple ed EOS.

La comunità è stata sorpresa dalla decisione improvvisa di Coinbase di aggiungere ETC alla sua piattaforma, dato che è la diciottesima criptovaluta più importante del mercato globale e ci sono più di una dozzina di criptovalute con una valutazione e un volume di mercato maggiori. Dan Romero, vicepresidente e general manager di Coinbase, ha riconosciuto che la comunità di criptovaluta in genere ha risposto al Integrazione ETC con stupore.

Ha sottolineato che la decisione di Coinbase di integrare ETC è stata principalmente alimentata dalla sua conformità alle normative locali. “Continueremo ad aggiungere il maggior numero di risorse possibile in modo sicuro e conforme. Costruire un marchio che è più affidabile e offre ai clienti l’accesso diretto alla criptovaluta con USD, EUR, GBP richiede essere conformi alle leggi locali”, ha spiegato Romero.

ETC è stato creato dopo che un gruppo di sviluppatori ha biforcato duramente la rete blockchain di Ethereum, dopo che la comunità di Ethereum ha raggiunto un consenso per forgiare la catena per recuperare le perdite degli investitori nell’organizzazione autonoma decentralizzata (DAO), una delle prime importanti applicazioni decentralizzate su il protocollo Ethereum.

A un certo punto, lo sviluppo di ETC è stato diviso tra diversi gruppi di sviluppo e attualmente, IOHK, il gruppo fondatore di $ 4,4 miliardi di rete blockchain Cardano creato dal co-fondatore di Ethereum Charles Hoskinson, rimane uno dei pochi team di sviluppo che sovrintendono lo sviluppo di Ethereum Classic.

ETC, come Ethereum, è sostenuto dagli sviluppatori nella comunità di sviluppo open-source e il successo di ETC non avvantaggia una singola organizzazione. Le criptovalute come Ripple e EOS sono supervisionate da società private e indipendenti tra cui Ripple Labs e Block.one. Il lancio trasparente di ETC e la natura decentralizzata della sua comunità di sviluppo sono ciò che ha portato Coinbase a integrare definitivamente ETC in vista di altre criptovalute come XRP e EOS.

Brian Armstrong, CEO di Coinbase, ha affermato che l’integrazione di ETC è solo l’inizio di una nuova integrazione di criptovaluta e che a medio termine l’azienda continuerà ad aggiungere ulteriori criptovalute e token. “Entusiasmo di continuare ad aggiungere nuove risorse a Coinbase “, ha detto Armstrong. L’annuncio ufficiale del team Coinbase ha sottolineato che la piattaforma supporterà prima lo standard ERC20 e le forcelle bitcoin, prima di passare ad altre criptovalute. “Abbiamo precedentemente annunciato la nostra intenzione di supportare lo standard tecnico ERC20 e le forcelle Bitcoin. Annunceremo l’intenzione di aggiungere risorse specifiche all’interno di tali categorie prima dell’integrazione tecnica finale. Questo è coerente con il nostro processo pubblico per l’aggiunta di nuove risorse “, ha detto il team Coinbase.

I token saranno i prossimi in lizza, come il team Coinbase ha sottolineato nella sua ultima dichiarazione. 0x, che ha un co-fondatore di Coinbase come advisor, sarà probabilmente integrato successivamente. Ma è anche possibile che Coinbase integri l’intero standard token ERC20 nel suo complesso, implementando tutti i token elencati su Paradex, lo scambio decentralizzato di criptovaluta basato sul protocollo 0x.

Ripple previsioni prezzo al ribasso

L’attuale situazione di mercato delle Criptovalute fa pensare a come le emozioni influenzino il trading. Durante le situazioni più critiche e pessimistiche, quando molti trader si arrendono, c’è un altro lato del mercato, un numero minore con capitali più grandi, che entra a pieno titolo. Non possiamo dire che un tale momento sia arrivato, non c’è abbastanza chiarezza da dire così costantemente. Quindi le criptovalute probabilmente staranno a guardare sull’orlo del precipizio. Vediamo le previsioni formulate dal portale FXStreet.

Bitcoin ha reagito leggermente al rialzo dopo le forti cadute subite nel fine settimana. Ha raggiunto per alcuni minuti il livello di resistenza a $ 6850 per poi tornare al di sotto dell’apertura europea. La nuova immagine tecnica di Bitcoin è incorniciata da un canale ribassista che è esso stesso, all’interno di un altro canale di una gamma più ampia, leggermente ribassista e con la sua base intorno a $ 6400.

Per raggiungere questo livello, BTC / USD ha solo un supporto di prezzo a $ 6590, quindi essere in grado di conquistare l’attuale resistenza a $ 6850 sarebbe davvero importante per i tori. D’altra parte, se Bitcoin perde il livello di $ 6400, lo scenario tecnico sarà estremamente negativo nel lungo periodo. I tori hanno molto lavoro da fare, visto che affrontano molte resistenze chiave. Il primo è a $ 7110, seguito dal 50-EMA al livello di $ 7280. Il prossimo, un livello di resistenza molto forte, il 100-SMA più un livello di congestione dei prezzi, con il lato superiore del canale ribassista più piccolo a $ 7400. Questo è il livello chiave, quindi tutto rimane su un range di $ 1000, un intervallo ampio ma molto comune per la più grande criptovaluta.

MACD nel grafico a 4 ore di Bitcoin mostra un profilo rialzista, ma un modello di fallimento non è da escludere e invierebbe il prezzo più basso. Tuttavia, questo è un setup favorevole per un Bull Direction. Il Movimento Indexnello stesso grafico mostra che i venditori perdono un po’ di forza ma gli acquirenti non hanno ancora fatto la loro mossa. I venditori mantengono il controllo e, pertanto, vi è ancora una tendenza al ribasso, con ADX ad alti livelli a sostegno della continuazione della tendenza.

Il nuovo quadro tecnico di Ethereum inquadra l’azione dei prezzi all’interno di un canale accelerato ribassista, all’interno di un canale più grande e anche ribassista (ma leggermente laterale). A partire da ora, l’ETH / USD poggia su una linea di tendenza che mantiene il prezzo vicino al tetto del canale più piccolo, fungendo da barriera significativa per un possibile tentativo rialzista. Non ci sono molti supporti rimasti per Ethereum, con il primo fissato a $ 520, dove incontra la base del canale ribassista più piccolo. Se quel livello viene perso, il prossimo obiettivo e l’ultimo supporto dello scenario corrente saranno a $ 485, proprio dove possiamo trovare un supporto per la congestione dei prezzi e la base del canale più grande.

Al rialzo, la prima e molto importante resistenza è a $ 566, con una possibile estensione a $ 570, dove si incontrerebbe il 50-EMA, e a $ 576, dove il 100-SMA si trova. Conquistare questi livelli invierebbe un messaggio importante, aprendo le porte a un cambiamento generale di prospettiva. Il MACD nel grafico a 4 ore di Ethereum mostra un’impostazione simile rispetto al Bitcoin. Possibile cross al rialzo che potrebbe innescare un pattern di contraffazione che porterebbe il prezzo a livelli più bassi. L’indice dei movimenti direzionali nello stesso grafico mostra anche come i venditori perdano forza considerevole, senza però che gli acquirenti prendano il controllo. Proseguimento ribassista con importanti livelli di tendenza, in quanto l’ADX si è leggermente rilassato ma non sta perdendo forza.

Ripple è stato anche rivalutato, cercando una maggiore chiarezza del quadro ribassista. L’XRP / USD è scambiato all’interno di un grosso canale leggermente ribassista, ma anche inquadrato da un triangolo più piccolo che potrebbe innescare qualche azione rialzista nel medio termine.

Nonostante questa nota positiva, i rischi restano al ribasso per Ripple, con solo due supporti significativi che lo separano dalla scogliera e, dall’altra parte, molte resistenze da spezzare se vogliono tornare in territorio neutrale. Sul lato negativo, il primo supporto è al livello di congestione dei prezzi di $ 0,582. Se quel livello è perso, il secondo e ultimo livello di supporto è a $ 0,548, dove si incontrano un livello di congestione dei prezzi e la base del canale più grande. Al rialzo, la prima resistenza è al livello di congestione dei prezzi di $ 0,60, seguito da $ 0,6250, dove possiamo trovare un’altra di queste resistenze, la 50-EMA e la 100-SMA.

Più avanti, il 200-SMA a $ 0,65 è la barriera che indicherebbe un altro stadio tecnico per l’azione del prezzo di Ripple. Il MACD nel grafico a 4 ore di Ripple sta cercando un possibile cross verso l’alto, ma dobbiamo prendere in considerazione di un possibile pattern di “fallimento MACD” che avrebbe portato il prezzo al ribasso, come il passo precedente per una vera curva rialzista. L’indice dei movimenti direzionali nello stesso grafico mostra un profilo identico alle altre criptovalute analizzate. I venditori stanno diminuendo ma gli acquirenti non sono in grado di recuperare alcuna forza. ADX è un po ‘rilassato, ma è ancora ad alti livelli, quindi la tendenza al ribasso è ancora lì.

Ripple e l’occasione mancata per essere la seconda criptovaluta

Ripple ed Ethereum ci sono stati per un po’ di tempo nella misura in cui scambiavano posizioni occasionalmente durante movimenti di mercato volatili. Dal momento che sono entrambi altcoins, la questione se mai accumuleranno abbastanza slancio per battere Bitcoin non è stato un argomento importante nello spazio cripto. Tutti pensano semplicemente che Bitcoin (essendo la criptovaluta pioniera) manterrà la sua posizione ai vertici. Dopo tutto, la capitalizzazione di mercato di Ethereum e Ripple è solo una piccola parte della capitalizzazione di mercato di Bitcoin. Ma questi due altfield potrebbero riuscire a competere l’uno contro l’altro per il primo posto in futuro? Bene, scopriamolo.

Rispetto al Bitcoin, Ethereum è molto più vicino di Ripple e con buone ragioni. Mentre Ripple è considerata la tecnologia che consente transazioni veloci transfrontaliere, Ethereum è considerato il futuro sistema operativo per tutte le cose Blockchain. Infatti, l’approccio centralizzato di Ripple e gli stretti legami con le istituzioni finanziarie tradizionali l’hanno reso la pecora nera della famiglia delle criptovalute. In sostanza, ci sono state molte critiche da parte dei puristi di Blockchain che affermano che XRP non è altro che una piattaforma centralizzata che va contro l’ethos della cripto rivoluzione.

Anche se questo ha ristagnato la crescita di Ripple tra gli appassionati di criptovaluta, ha spinto la crescita di Ripple in termini di partnership con banche e altre istituzioni finanziarie tradizionali. Mentre nella ricerca di innovazione ed efficienza il settore bancario ha abbracciato Ripple come un’applicazione più economica della tecnologia Blockchain che mantiene un approccio centralizzato. Se Ethereum e Ripple dovessero sfidarsi per il primo posto, il fatto che Ripple abbia un possibilità migliore con le autorità finanziarie tradizionali potrebbero essere un fattore critico che determinerebbe il risultato. Considerando l’eccessiva regolamentazione delle criptovalute attualmente in corso, Ripple ha una migliore possibilità di essere la criptovaluta preferite dalle principali istituzioni finanziarie.

Tuttavia, Ethereum non perderà facilmente. Ethereum vanta contratti intelligenti che presentano un vantaggio tecnico rispetto a Ripple. Vari esperti di entrambe le parti hanno già riconosciuto la capacità rivoluzionaria degli smart contract come tecnologia di riconciliazione con numerose potenzialità.

I contratti intelligenti hanno suscitato scalpore poiché sono in grado di consentire alle aziende di creare i propri contratti intelligenti con operazioni legali e tecniche minime in modo da effettuare transazioni con altre entità al massimo livello di efficienza. Infatti, uno dei primi pionieri degli smart contract era un ex CTO di Ripple chiamato Stefan Thomas. Ha fatto parte del team che ha lavorato allo sviluppo del primo contratto intelligente su Ripple’s Blockchain dopo una serie di discussioni con Vitalik Buterin (fondatore di Ethereum).

Mentre il team di Ripple sottostimava la capacità degli smart contract all’epoca, il fondatore di Ethereum raccolse i dati chiave del valore di Ripple e lo trasformò in Ethereum. Forse se il team di Ripple avesse intrapreso l’arduo compito di creare smart contract su Blockchain di XRP, Ethereum sarebbe la terza più grande criptovaluta mentre XRP sarebbe seconda classificata rispetto a Bitcoin.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY