Ripple aggiunto da Exchange Luno ed investe ancora su MoneyGram

RippleNet è una rete di servizi finanziari basata su Blockchain. Si tratta di un wallet utilizzabile tramite XRP, lanciato in concomitanza con Ripple nel 2012.

Pur essendo un sistema già molto utilizzato e stimato, presto potrebbe avvalersi di una nuova funzione: coniare token garantiti da attività come Stablecoin sul libro mastro XRP.

La notizia è emersa in un video rilasciato dalla stessa società Ripple lo scorso mese. In particolare, a dirlo è stato il Chief Technology Officer (CTO) David Schwartz, il quale ha rilevato di stare lavorando per implementare il sistema con nuove funzionalità.

Inoltre, Schwartz, ha confermato quanto detto in passato sul fatto di non avere intenzione di sviluppare ulteriormente una delle caratteristiche più comuni della blockchain: “The proof of work è una specie di vicolo cieco tecnologico”.

Una caratteristica di Ripple potrebbe essere svelata e consentirebbe a terzi di lanciare altre criptovalute di terze parti sul sistema XRP. Il che potrebbe essere usato per introdurre token a valore fisso come stablecoin sulla blockchain:

Una delle caratteristiche che penso sia molto eccitante è una funzionalità che consentirebbe alle persone di lanciare – beh, le stablecoin sono il caso d’uso ovvio, ma non sono solo le stablecoin – sono essenzialmente risorse ancorate a un valore esterno.”

In che modo le nuove funzionalità di RippleNet si distingueranno dalle altre blockchain? Altre reti basate su blockchain sono state in grado di far funzionare i loro utenti stablecoins. Mentre Schwartz ha specificato che nella novità in arrivo “la liquidità è garantita dalla meccanica dei registri”.

Del resto, il numero di aziende di altri paesi che si uniscono alla rete e adottano la tecnologia di Ripple, è aumentato. Con la ripresa dell’attività, Ripple ha investito molto in altre reti di trasmissione come MoneyGram.

Money transfert di livello internazionale, che vede il Messico come principale utilizzatore (il 15%)

L’implementazione dovrebbe essere un’ulteriore spinta verso la diffusione di Ripple per altri sistemi.

La soluzione migliore per operare sulle criptovalute rimane quella dei CFD. Ricordiamo che le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo delle criptovalute. Ad esempio eToro (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori critptovalute in circolazione, non solo su Bitcoin. Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Exchange inglese Luno aggiunge Ripple

A proposito di ciò, l’Exchange britannico Luno ha deciso di aggiungere Ripple alla propria squadra di criptovalute previste. Fino ad ora peraltro solo 3, ossia: bitcoin, ethereum e bitcoin cash. Il tutto nel giro delle prossime 2 settimane.

Luno, precedentemente noto come Bitx, ha deciso di supportare l’XRP di Ripple dopo aver eseguito un sondaggio lungo un anno tra i suoi 3 milioni di utenti. E XRP è stata di gran lunga la scelta maggiormente preferita.

Luno, che vanta un grado “A” da CryptoCompare, ha chiesto ai suoi utenti quale altcoin sarebbero più interessati ad acquistare. Esclusi i gà presenti bitcoin ed ethereum.

Ripple è uscito in testa con più del doppio dei voti rispetto ai bitcoin cash, un fork di bitcoin aggiunto a settembre dell’anno scorso.

Litecoin e Stellar – il settimo e il 13° token digitale in capitalizzazione di mercato secondo i dati di CoinMarketCap – sono arrivati anche prima dei bitcoin cash, anche se molti erano anche interessati a criptovalute più piccole.

Il prezzo dell’XRP ha però avuto difficoltà negli ultimi 12 mesi. Il 60% di trader ed investitori che ci aveva creduto, sta abbassando il prezzo “scaricando” token sul mercato. A ottobre, Ripple ha rivelato di aver venduto XRP per un valore di 66 milioni di dollari nel terzo trimestre del 2019, in calo del 74% da vendite al vertice di $ 251 milioni in il trimestre precedente.

Il prezzo dell’XRP di Ripple è stato però aumentato lo scorso anno quando l’Exchange di bitcoin e criptovaluta Binance – il più grande Exchange di criptovalute al mondo per volume – ha annunciato che avrebbe aggiunto l’XRP di Ripple e il legame di stablecoin come coppia di trading futures.

Lo scorso mese, l’amministratore delegato di Ripple Brad Garlinghouse ha dichiarato che si aspetta che la società aumenti la sua base di clienti del 30% al 40% quest’anno, a partire dai 300 attuali. Mentre il volume di transazioni vantato sulla rete di Ripple aumenterà di oltre il 600%.

Tuttavia, la società ha avuto un anno difficile poiché le più grandi banche del mondo, fornitori di servizi di pagamento e società tecnologiche cercano di creare il proprio token digitali.

Ripple XRP, uno dei più vecchi rivali bitcoin e la terza più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato, ha sopportato molti degli alti e bassi del settore delle criptovalute da quando è stato rilasciato nel 2012. Guadagnando la sua giusta quota di fan e detrattori lungo la strada.

Migliori piattaforme per investire in Ripple

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
plus500Servizio CFDDemoISCRIVITI
InvestousCorso trading gratis, CFDSegnali gratuitiISCRIVITI
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

MoneyGram ha ricevuto altri $ 11 milioni da Ripple

Abbiamo prima parlato del connubio Ripple-MoneyGram. Orbene, esso si è ulteriormente rinsaldato grazie al fatto che Ripple ha dato a MoneyGram una società di rimesse, oltre $ 11 milioni nell’ultimo semestre. Secondo quanto riferito da Securities and Exchange Commission (SEC).

I fondi sono suddivisi in due trimestri: $ 2,4 milioni nel terzo trimestre e un ulteriore $ 8,9 milioni nel quarto trimestre, per un totale di $ 11,3 milioni.

Il “vantaggio finanziario” del quarto trimestre, come MoneyGram chiama la somma, non è stato incluso nelle sue entrate del quarto trimestre, riportato come $ 323,7 milioni.

Invece, è stato contabilizzato come contropartita nelle sue spese operative su raccomandazione della SEC. Ciò ha richiesto a MoneyGram di ridimensionare le proprie entrate di $ 2,4 milioni, ma di ridurre i costi operativi dello stesso importo, lasciando invariati gli utili.

“MoneyGram ha continuato ad espandere la sua partnership strategica con Ripple come prima società di trasferimento di denaro a scalare l’uso delle capacità blockchain”

Precedentemente, MoneyGram ha rivelato di utilizzare vari prodotti Ripple, incluso il suo prodotto On-Demand Liquidity che funziona su XRP. I nuovi documenti non dichiarano a cosa servano gli 11 milioni di dollari di Ripple.

Tuttavia, nel deposito di MoneyGram del terzo trimestre di tre mesi fa, ha affermato che il suo accordo con Ripple “consente a MoneyGram di utilizzare il prodotto blockchain di On Demand Liquidity (precedentemente noto come xRapid)” e XRP per facilitare i trasferimenti tra Paesi diversi.

“La Società è compensata da Ripple per sviluppare e portare liquidità sui mercati dei cambi, facilitato dalla blockchain di Ripple e fornire un livello affidabile di attività di negoziazione di valuta estera. La Società prevede che questa partnership, su vasta scala, ridurrà il nostro fabbisogno di capitale circolante e genererà guadagni e denaro aggiuntivi” riporta il report del terzo trimestre. Ripple ha già avuto stretti legami finanziari con MoneyGram. La società dietro XRP già detiene più del 10% delle azioni ordinarie di MoneyGram, acquistate mediante gli investimenti che ammontano a $ 50 milioni.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY