Ripartono i consumi

A luglio l’Indicatore dei Consumi italiani ha fatto registrare un aumento dello 0,4% rispetto al mese di giugno ed una crescita tendenziale del 2,1%, un dato che non si vedeva da cinque anni. Questi i dati incoraggianti presentati da Confcommercio.

Vediamo i singoli dati, rapportati a quelli registrati nel mese di giugno. Nel settore beni e servizi ricreativi abbiamo un + 0,1%, mentre nel settore alberghi e ristoranti (grazie alle ferie) arriviamo ad un +2,0%. I beni e servizi per la mobilità vedono una crescita dell’8,8%, quelli per le comunicazioni un +5,1% e quelli per la cura della persona un + 0,3%. Il comparto abbigliamento e calzature registrano un +0,8% e i beni e servizi per la casa un +2,1%. L’unica voce in calo è quella relativa agli alimentari, bevande e tabacchi che vedono un -0,2%. In totale,l’indice dei consumi segna un +1,6% nel settore servizi e un +2,3% nel settore dei beni. Questo trend positivo si percepisce anche leggendo i dati del mercato del lavoro: a luglio, infatti, per il secondo mese consecutivo gli occupati, al netto dei fattori stagionali, sono aumentati in termini congiunturali di 44 mila unità.
Per avere un quadro più preciso della condizione italiana, mancano ancora i dati relativi al comparto manifatturiero.

Il direttore dell’ufficio studi Confcommercio, Mariano Bella, commenta così questi dati: “Nei primi sette mesi del 2015 a trainare i consumi sono stati i beni ed i servizi per la mobilità, complici anche gli aumenti dei carburanti e del trasporto pubblico, e inoltre i beni e servizi per le comunicazioni, dunque apparecchi tecnologici come telefonini e computer (dei quali cresce anche l’import) e i consumi legati al turismo, alberghi e consumazioni fuori casa”. Il presidente Carlo Sangalli continua a predicare prudenza “perché dopo molti anni di crisi tornare a crescere è difficile”. L’associazione dei commercianti chiede quindi al governo misure forti, in primis chiede di agire sul taglio del Fisco, soprattutto sul versante delle imprese, piuttosto che sulle imposte sulla casa.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY