Renzi-Juncker: possibile scontro, tensioni evidente tra Italia e UE

renzi-juncker

Dopo l’approvazione della manovra del 2017, la nuova Legge di Stabilità è stata inviata a Bruxelles dove già le tensioni Renzi-Juncker non erano poche. I due infatti, dovrebbero trovare nella sede del parlamento europeo un momento per avere un faccia a faccia e discutere dei problemi finanziari italiani. Si parla anche di conflitti politici, ma probabilmente anche questi nascono da una radice di natura economica.

Incontro a Bruxelles Renzi-Juncker

Cosa aspettarsi da questo ennesimo scontro Renzi-Juncker? Sembra che i “rimproveri” non siano finiti, infatti quello che ci aspetta è un ulteriore stimolo alla resistenza per il 2017 ad uno “sforzo in più”. Sforzo che si traduce molto probabilmente in un incremento di penalizzazioni per il nostro Paese. Penalizzazioni causate da una crescita economica fantasma. renzi-juncker

Il problema del deficit sembra essere uno dei punti più difficile su cui venirsi incontro. L’italia deve far fronte a una serie di spese inaspettate, come il terremoto che ha devastato città intere, o che non aveva considerato di una portata così elevata, come il fenomeno migranti.

Cosa succederebbe se lo scontro Renzi-Juncker si concludesse negativamente?

Qualora il premier rifiutasse l’indeclinabile proposta europea, Juncker potrebbe inviare una lettera a Roma per sollecitare tale accettazione, mentre se dovesse esserci un no definitivo, allora l’UE potrebbe non approvare la bozza per la nuova legge di Stabilità, obbligando il governo e riprodurne una più idoneo alla situazione.

Restiamo in attesa dei risultati tra questo faccia a faccia.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY