Regali di Natale: la spesa scende ancora, ma resistere è possibile

Per gli italiani un nuovo Natale all’insegna della parsimonia, secondo Federconsumatori. Ecco alcune dritte per salvare Babbo Natale dalla crisi.

Fino a qualche settimana fa, sembrava che il Natale 2015 dovesse segnare una ripresa nei consumi. Le ultime stime di Federconsumatori, tuttavia, parlano chiaro: anche quest’anno la spesa natalizia degli italiani, almeno quella per i regali, marca un’impasse: -1,6% rispetto al Natale 2014, con un esborso totale di circa 123,68 Euro a famiglia.
L’oscillazione, per quanto minima, si somma a un generale trend negativo che colpisce i consumi natalizi dall’inizio della crisi economica. Negli ultimi cinque anni, la spesa delle famiglie per i regali si è ridotta, in termini assoluti, di ben 84,65 euro. Un crollo che, visto il contemporaneo boom degli acquisti online, colpisce in particolare il piccolo commercio, che ormai non può neanche aggrapparsi al Natale per tentare di portare avanti la baracca.

Cresce la spesa per gli alimenti, crollano i regali turistici

Ad osservare l’andamento dei diversi settori di spesa per i regali, l’inversione di tendenza rispetto alle prime previsioni sembra essere stata determinata dagli attentati di Parigi e dal generale clima bellico che si respira nell’area del Mediterraneo e oltre. Il settore di mercato che registra un vero crollo, trascinando con sé l’intero comparto dei consumi, è infatti il turismo, con -14,7 di spesa rispetto all’anno scorso.
L’unico settore in reale controtendenza è quello dell’alimentazione (+3,6%). Segno, a giudizio di Federconsumatori, che le famiglie italiane stanno sviluppando una tendenza a “chiudersi su sé stesse”, cercando a tavola e tra gli affetti conforto e sicurezza. In totale, il giro d’affari per i regali di Natale supererà appena i tre miliardi di euro.

Salviamo Babbo Natale dalla crisi

Con il Natale alle porte e le tasche sempre più vuote, gli italiani aguzzano l’ingegno per onorare le festività senza farsi mancare – quasi – nulla. Per salvare le feste di fine anno dagli effetti nefasti della crisi, molti italiani giocano d’anticipo per risparmiare una parte consistente del budget, oppure danno sfogo alla fantasia e riescono ad azzerare quasi del tutto la spesa ricorrendo al fai-da-te.
I primi soggetti da tutelare sono di certo i bambini, ai quali non si può chiedere di rinunciare al Natale per colpa della crisi economica: gran parte del budget per queste festività è destinato ai giocattoli e ai regali per i più piccoli (+0,4%). Facendo ricorso alla creatività, tuttavia, anche gli adulti potranno onorare le feste e scambiare regali – magari economici ma sempre originali – con parenti e amici. Ecco alcune dritte per resistere alla crisi.

Credits: jacilluch

Babbo Natale gioca d’anticipo

Dedicarsi per tempo allo shopping natalizio permette di andare incontro a un vero e proprio risparmio sia sul fronte dei regali sia su quello della spesa per i cenoni di Natale e Capodanno. Sono numerosi i siti internet e le app per smartphone che consentono di consultare e confrontare i volantini con le offerte degli ipermercati e negozi più vicini a casa: con un buon fiuto per l’occasione giusta, per alcuni regali (come vini e liquori) e per confezionare i pacchetti si riesce a risparmiare fino al 25%.
Anche sul fronte dei giocattoli, in particolare quelli tecnologici, muoversi in anticipo conviene, visto che nei giorni immediatamente antecedenti al Natale costano in media il 15% in più e molte promozioni vengono sospese o dirottate su prodotti meno ricercati e appetibili. Se poi ci si rivolge al mercato dell’usato, ad esempio per i giochi elettronici, il risparmio può salire al 40%.

Regali riciclati: ok per quasi un italiano su cinque

Quella sciarpa ricevuta in regalo il Natale scorso e rimasta un anno intero in fondo al cassetto, per quanto bella e di qualità, evidentemente non si sposa con il resto del tuo abbigliamento. È ora di darle nuova vita, mettendola ancora una volta sotto l’albero. Secondo una ricerca dell’Associazione per la Difesa e Orientamento dei Consumatori (Adoc), gli italiani che ripiegheranno sul riciclo dei regali saranno ben il 19%. A ritornare impacchettati e a cambiare destinatario saranno soprattutto capi di abbigliamento, giochi e prodotti alimentari a lunga conservazione come bottiglie di vino e liquore.

Quel che conta è il pensiero

Quel che conta è il pensiero: non sempre questa frase accompagna regali indesiderati. Che si tratti di una scatola decorata con la tecnica del decoupage o di un ricettario personalizzato, per i propri regali gli italiani metteranno a disposizione la risorsa più preziosa che è rimasta loro: il tempo. Anche se un regalo è umile, il tempo e l’energia creativa che vi dedica chi lo confeziona può compensare il suo scarso valore commerciale.
Secondo l’Adoc, in assenza di risorse economiche, ma anche in un’ottica di sostenibilità ambientale, il Natale 2015 si preannuncia così all’insegna della creatività. Con il fai-da-te non solo si risparmia, ma si può anche essere quasi sicuri che il regalo verrà apprezzato, proprio perché personalizzato e fatto con le proprie mani. Basta trovare l’idea giusta: ecco qualche suggerimento.

Decoupage. Credits: distelfliege

Un 2016 originale

Per il 2016 preferiresti appendere al muro un calendario patinato con immagini tanto d’autore quanto ordinarie, oppure un calendario che ricorda momenti piacevoli della tua vita? Gli amici con cui sei andato in vacanza potrebbero facilmente avere gli stessi gusti: perché non rispolverare le foto fatte insieme e convertirle in un calendario? Su internet puoi trovare a bizzeffe riquadri-tipo con i giorni suddivisi mese per mese, e con un programma di grafica sarà facile impostare e personalizzare al meglio le pagine. Per rilegare, basta una spirale ad anelli colorata ed il gioco è fatto.
Se hai dimestichezza con le nuove tecnologie puoi digitalizzare il tuo regalo, creando un cd-rom con una gallery di fotografie. Un pensiero che sarà tanto più apprezzato se con il destinatario avete condiviso e immortalato momenti felici, come possono essere le vacanze, o se conosci bene le sue passioni. Se la tua conoscenza dei programmi di editing digitale lo consente, puoi anche aggiungere la giusta colonna sonora e trasformare il tutto in un emozionante video che renderà il tuo regalo ancora più speciale.

Il cesto-regalo con i tuoi prodotti

Il migliore fai-da-te da destinare ai regali natalizi è quello che riguarda gli alimenti: un cestino con prodotti fatti in casa vi farà fare di certo un figurone. Potete riempirlo con diversi tipi di confettura di frutta di stagione, per la quale basta davvero poco: frutta fresca, possibilmente biologica, zucchero e un vasetto originale, magari abbellito con un copri-tappo in stoffa.
Per arricchire il cesto, potete preparare in casa un liquore. Per uno squisito elisir di caffè, ad esempio, gli ingredienti sono questi: 800 cl. di espresso (va bene quello preparato con la moka), 500 cl. di alcool per alimenti, 300 gr. di zucchero e due bustine di vanillina. Scaldate tutto in pentola finché non si scioglie lo zucchero e, una volta raffreddato, imbottigliate stampando un’etichetta personalizzata per il destinatario del regalo.