Reddito di Inclusione: via alle istanze dal 1 dicembre 2017. Come compilare il MODELLO?

La Circolare Inps n. 172 pubblicata in data 22 novembre 2017 ha definito nei dettagli il nuovo Reddito di inclusione sociale (REI), introdotto dal Decreto legislativo n. 147 del 15 settembre 2017, in surrogato al SIA Sostegno all’inclusione attiva.

Il Reddito di Inclusione è lo strumento unico nazionale di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale ed il primo assegno universale a partire dal 1° gennaio 2018.

In effetti, il via alle istanze di richiesta del Reddito di Inclusione per ottenere il nuovo contributo economico, insieme alla documentazione necessaria, è scattato a partire dal 1° dicembre 2017.

Per accedere al beneficio economico come lo era per il SIA, occorre essere in possesso di determinati requisiti di reddito ISEE e ISRE, e trovarsi in determinate condizioni di disagio sociale ed economico.

REI: dal 1˚ dicembre via alle istanze (MODELLO da scaricare e compilare)

A partire dal 1˚dicembre 2017 si può procedere con la presentazione dell’istanza di richiesta del REI, la nuova misura di sostegno economico e di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale introdotta dal decreto legislativo 15 settembre 2017, n. 147, emanato in attuazione della legge-delega 15 marzo 2017 con decorrenza dal 1° gennaio 2018.

La domanda di accesso alla prestazione REI può essere presentata dal 1° dicembre 2017, presso i Comuni o altri punti di accesso identificati dagli stessi, utilizzando il modello reperibile online sul sito dell’INPS.

Al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata del beneficio, il soggetto istante deve essere in possesso di un’attestazione ISEE in corso di validità, come sancito dalla Circolare INPS n.172 pubblicata in data 22 novembre 2017.

Come compilare il MODELLO?

Una volta scaricato il MODELLO reperibile online, è necessario procedere con la compilazione: la prima parte del Modulo REI contiene un riepilogo del Reddito di Inclusione, con requisiti, importi e la parte successiva riguarda la domanda vera e propria da presentare.

Ecco i QUADRI da compilare:

A – Dati del richiedente / Titolare della Carta REI: compilare con tutti dati anagrafici del richiedente, compresi quelli del proprio documento d’identità.

B – Requisiti di residenza e di cittadinanza: attestare il possesso dei requisiti di residenza e di cittadinanza previsti dalla normativa.

C – Requisiti familiari: confermare i dati del nucleo familiare presenti nell’ISEE in corso di validità.

D – Requisiti Economici: confermare i dati dell’ISEE se non ci sono variazioni reddituali o patrimoniali.

E – Informazioni aggiuntive per altre misure: è possibile procedere con la contestuale presentazione della domanda di assegni per il nucleo familiare dei comuni per nuclei familiari con tre o più figli di età inferiore ai 18 anni.

F – Condizioni per poter ricevere il beneficio: si deve accettare le condizioni per poter ricevere la carta.

Apporre data e firma del richiedente per sottoscrizione della domanda.

Allegato alla domanda vi è un ulteriore modulo Mod. Domanda ReI – Cod. MV56 che deve essere compilato e consegnato all’INPS ogni volta che si verifica un evento che modifica i requisiti del nucleo familiare.

Il modulo di domanda REI va compilato in ogni sua parte e consegnato al comune di residenza o presso gli sportelli indicati dal comune stesso.

REI: chi può presentare l’istanza?

A partire dal 1˚ dicembre 2017 tutti i cittadini che possono presentare la domanda reddito di inclusione 2018 sono ascrivibili ai seguenti:

  • cittadini italiani;
  • cittadini comunitari;
  • familiari di cittadini italiani o comunitari: non aventi la cittadinanza in uno Stato membro, titolari del diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente
  • cittadini stranieri in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • titolari di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria);
  • residenti in Italia da almeno due anni al momento della domanda REI 2018 stranieri.

Inoltre il beneficiario deve essere in possesso di altri requisiti economici:

  • avere un reddito Isee fino a 6.000 euro;
  • avere un ISR sotto i 3.000 euro;
  • avere un patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20mila euro;
  • un valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti) non superiore a 10mila euro. Tale soglia, scende a 8 mila euro in caso di coppia e a 6 mila euro per la persona sola).

REI: casi di esclusione

Per beneficiare del REI è importante che nessun componente del nucleo famigliare del soggetto istante:

  • percepisca la Naspi o altro ammortizzatore sociale di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria;
  • possegga autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati per la prima volta nei 24 mesi prima la domanda;
  • possedere navi e imbarcazioni da diporto.
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY