Recessione: l’Italia ne è quasi fuori (ma sarà vero?)

Secondo quanto dichiarato dall’Istat, nei primi tre mesi del 2015 l’Italia dovrebbe prepararsi ad abbandonare lo stato recessivo grazie a un Pil in tiepida ripresa. Tuttavia, al fine di spegnere i facili entusiasmi creati da alcuni quotidiani in vena di sensazionalismo o di facile definizione, è bene ricordare che la ripresa stimata dall’Istituto nazionale di statistica risulta attualmente essere prevista nell’ordine dello 0,1%. Ovvero, del minimo possibile. Come se non bastasse, si tratta di dati ancora provvisori rispetto a quelli che verranno effettivamente formulati alla fine del mese di marzo. Pertanto, l’Italia non è fuori dalla recessione.

Ad ogni modo, così come è bene cercare di spegnere i facili tentativi di ottimismo, è altrettanto opportuno cercare di ricondurre lo scenario per quello che, in realtà, è. Perché ad onor del vero la crescita stimata dall’Istat potrebbe essere superiore al minimo previsto, e arrivare “addirittura” (il virgolettato è d’obbligo) al + 0,3%. Sia che si tratti dello 0,1%, dello 0,2% o dello 0,3%, se il segno più dovesse manifestarsi, sarebbe la prima volta in cui il Pil torna a crescere dal quarto trimestre del 2013, quando il prodotto interno lordo nazionale segnò un incremento dello 0,1%.

In aggiunta a quanto sopra, risulta essere di utilità ricordare come non di solo Pil si viva. Pertanto, la situazione economica non potrà che essere valutata anche attraverso altri indicatori di riferimento. I quali, fortunatamente, sembra essere virati per il verso giusto.

Qualche esempio? Nel mese di febbraio appena conclusosi la fiducia dei consumatori nell’economia in generale è cresciuta (così come la fiducia dei consumatori nelle proprie condizioni economiche, sebbene in misura più ridotta). Migliora – anche se lievemente – la fiducia delle imprese che, così come in tutta Europa, sembrano potersi giovare di qualche schiarita all’orizzonte. L’odierno rilascio delle strategie di quantitative easing fornisce ulteriore ossigeno al tessuto bancario, nella speranza che il contagio possa poi scaturire anche nell’economia reale.

Dunque, è possibile dire che l’Italia è fuori dalla recessione? La risposta di sintesi, se così vi piace, è: no, ma quasi. Quasi a livello temporale (probabilmente bisognerà attendere ancora 3-4 settimane per avere l’ufficialità), e quasi a livello progressivo (le percentuali che verranno pubblicate sfioreranno comunque lo zero, in un senso o nell’altro, non fornendo alcuno spunto sostanziale per un congruo ottimismo). Il peggio sembra tuttavia essere realmente alle spalle: lo si è detto tante volte ma questa – salvo clamorose turbolenze endogene od esogene – dovrebbe essere finalmente la volta buona.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY