Nuovo ministro Sviluppo Economico: spunta il nome che non ti aspetti. L’annuncio a breve

Ministro Sviluppo Economico

Il caso Guidi non smette di alimentare le polemiche. Anche per questo motivo, Matteo Renzi ha fretta di chiudere la nomina del nuovo ministro dello Sviluppo Economico. Secondo voci di corridoio, nonostante siano passate poche ore dalla nomina a interim, verrà annunciato il nuovo titolare del MISE. In pole c’è, come segnalato nella giornata di ieri, Teresa Bellanova, parlamentare democratica originaria del Salento. Tuttavia, le ultime critiche alla persona del premier lanciate da esponenti di lungo corso potrebbero indirizzare la scelta verso dei nomi inaspettati.

Ministero dello Sviluppo Economico: in corsa due esponenti del vecchio PD

L’idea originaria era consegnare lo Sviluppo Economico a una personalità non digiuna di questioni politiche ma con un solido background da imprenditore (non un tecnico). In questa prospettiva, Teresa Bellanova rappresenta realmente la scelta migliore. La carte, però, sono state sparigliate dalle nuove polemiche in seno al Pd, che hanno riguardato direttamente il premier, accusato di comportarsi con arroganza e di non rispettare le minoranze (al netto della situazione attuale del Paese).

Si tratta di un’accusa niente affatto inedita ma che rischia di esercitare un certo peso sull’interim renziano. Il già sindaco di Firenze potrebbe cedere e dimostrare all’opinione pubblica ma soprattutto al suo partito che tutte le correnti possono partecipare alla gestione del potere.

Per questo motivo, l’ago della bilancia si è spostato oggi verso Francesco Boccia, uomo noto al pubblico televisivo, attuale presidente della commissione Bilancio di Montecitorio. Un uomo di Enrico Letta, molto affine alle tesi dei bersaniani. Una sua nomina potrebbe calmare gli animi all’interno del Partito Democratico. L’altro nome in lizza è Matteo Colaninno, che è stato per un breve periodo responsabile dell’Economia del Pd.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY