Rapporto Svimez, al Sud il Pil è in lenta ricrescita

L’associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno – Svimez – ha presentato oggi a Roma il rapporto 2016 sull’economia del Mezzogiorno nel quale è emerso una dato importante: il Pil nel Sud è in crescita ma troppo lentamente. Per il 2017 il Governo ha ripristinato, solo per le regioni meridionali, l’esonero del pagamento dei contributi INPS a carico dei datori di lavoro per i neoassunti a tempo indeterminato, ma per Patti per il Sud e Masterplan questo primo passo risulta comunque insufficiente per rilanciare il Mezzogiorno.

job

Rilancio di una politica industriale nel Sud

Stando alle stime della Svimez, il Prodotto Interno Lordo dovrebbe aumentare dello 0,8%, risultato del +0,9% nelle regioni del Centro-Nord e dello 0,5% del Sud ma quest’ultimo senza un piano adeguato non potrà che crescere sempre più lentamente rispetto alle altre regioni. Le soluzioni proposte dalla Svimez includono quindi una nuova politica di rilancio industriale, agevolando i finanziamenti a tasso zero per le imprese ed incentivando gli investimenti attraverso le Zone Economiche Speciali – ZES – .

Mercato del lavoro

Uno dei nodi cruciali è rappresentato dal mercato del lavoro che attualmente è posizionato tra gli ultimi posti di ogni classifica europea. Il lavoro giovanile nel Sud risulta essere peggiore rispetto alla Grecia ed alla Spagna e lo stesso scenario riguarda anche l’occupazione femminile sempre più basso e meno qualificato.

Incentivare l’istruzione al Sud

I dati del rapporto hanno evidenziato inoltre una disparità tra Nord e Sud anche nell’ambito Istruzione. Nelle regioni del Mezzogiorno solo il 52% degli idonei ottiene una borsa di studio a differenza del 92% del Nord, insufficienti anche le offerte per i servizi dell’infanzia solo un terzo dei Comuni offre strutture quali asili nido, comprendendo solo il 5% dei bambini inferiori ai 3 anni.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY