Rapporto R&S Mediobanca, le migliori 23 compagnie Web

R&S Mediobanca ha passato al setaccio le aziende che fanno parte dell’universo di Internet, riducendo la classifica a 23 compagnie tra le migliori in termini di fatturato, dimensioni e di assunzioni, tra di esse 16 sono statunitensi, 4 cinesi, 2 giapponesi ed 1 europea. Nonostante i sette anni di crisi economica le 23 giganti sono state in grado di triplicare il loro fatturato, aumentando 1,4 volte la forza lavoro. Le web company spaziano dai prodotti per l’intrattenimento, ai prodotti software sia per privati che per le aziende, alle agenzie turistiche online, fino ad arrivare al commercio elettronico.

amanzon-logo

Amazon si posiziona al primo posto per fatturato

Tra le 12 aziende web americane, Amazon si posiziona al primo posto con un fatturato di 98,3 miliardi, mentre Google si è classificata terza raggiungendo nel 2015 un giro d’affari di 466,8 miliardi di euro ed un +26%, il secondo ed il quanto posto sono invece occupati rispettivamente da Microsoft con 86 miliardi di fatturato ed Oracle con 34 miliardi, nonostante i suoi 16,5 miliardi di fatturato, il famoso social network Facebook si posiziona “solamente” al settimo posto.

Aziende web cinesi in costante crescita

Il rapporto di R&S Mediobanca evidenzia inoltre il tasso di crescita costante per le società web cinesi, la performance migliore è di JD ovvero l’equivalente Amazon asiatica che ha ottenuto una crescita del 57,6% con ricavi pari a 25,7 miliardi, seguono Alibaba Group con con +78,3% e Tencent con +69,7% il quale controlla l’applicazione di messaggistica più diffusa al mondo, WeChat.

SAP tra le big 23

Tra le migliori aziende del web solo una è europea, ovvero la tedesca SAP che si posiziona al sesto posto con un +18.4%.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY