Rally cambio bitcoin-dollaro: +20% in cinque sedute

Netta inversione di tendenza per il cambio Bitcoin-Dollaro, che forte di un rialzo che ha toccato anche il +20% rispetto alla chiusura della precedente ottava, si è riportato a contatto con l’importante soglia tecnica e psicologica rappresentata da area 8.000 (massimo intraday 8.083 punti). Al momento della scrittura la coppia passa di mano a quota 7.830, circa, evidenziando un progresso superiore ai 12 punti e mezzo percentuali.

Secondo gli esperti del mondo delle criptovalute, la pioggia di acquisti che si è riversata nelle ultime sedute è stata alimentata, oltre che dalla rottura al rialzo delle resistenze tecniche di brevissimo, dall’allentamento del giro di vite sulle valute digitali da parte delle istituzioni finanziarie dei governi di alcuni paesi guida come il Giappone o dal cambio di vedute di alcuni grossi investitori, come il finanziere George Soros.

Il Paese del Sol Levante si conferma principale Hub di Bitcoin, con un volume di scambi pari a 3,5 milioni di criptovalute scambiate nel paese su 17 piazze, secondo i dati della giapponese Financial Services Agency (FSA ). Mentre dalla Cina è rimbalzata la notizia della nascita del fondo Xiong’An Global Blockchain Innovation Fund, un fondo cinese che finanzierà le start up che punteranno sul business del bBockchain e che ha già ricevuto finanziamenti per un valore di 10 miliardi di yuan ($1,6 miliardi di dollari).

Come anticipato ulteriore assist è arrivato da un ormai ex detrattore delle criptovalute, l’investitore George Soros, che secondo le indiscrezioni fatte circolare da Bloomberg avrebbe dato mandato al responsabile della divisione macro investing della Soros Fund Management, Adam Fisher, di sondare il terreno per il trading sugli asset digitali.

Ed intanto l’International Exchange Inc. (ICE ha reso noto di avere in programma il lancio di nuovi future Bitcoin nella seconda metà dell’anno. L’AD del gruppo ICE, Jeffrey Sprecher, ha inoltre dichiarato, in tono sprezzante, che gli investitori ripongono più fiducia verso lo sconosciuto fondatore del fenomeno Bitcoin, Satoshi Nakamoto, rispetto al presidente della Federal Reserve.

Andamento cambio bitcoin dollaro sul breve-medio periodo

Il cross BTC-USD, forte del rally attualmente in corso sembra viaggiare spedito verso l’importante resistenza di breve-medio periodo, rappresentata dalla media mobile a 50 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), che transita in area 8.320.

Tuttavia, nonostante l’impostazione rialzista di brevissimo non si esclude un possibile pull-back di conferma sulla media mobile a 25 periodi (la linea mediana sul grafico) che passa in area 7.580, mentre il principale sostegno del movimento si colloca sulla media mobile a 10 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che passa in area 7.270, circa.

Al rialzo, invece, l’eventuale break-out della media mobile a 50 giorni, in chiusura daily o meglio ancora settimanale, potrebbe dar spazio ad ulteriori estensioni in primo luogo verso area 9.000 ed in seconda battuta verso obiettivi più ambiziosi in area 10.000.

Andamento cambio ETH-USD sul breve-medio periodo

Forte rally anche per la coppia Ethereum-Dollaro, schizzata verso l’alto, di oltre il 30%, trascinata dall’effetto strong-buy che si è riversato nuovamente sulle criptovalute.

Al momento della scrittura il cambio ETH-USD sta facendo segnare un incremento del 15%, poco sopra area 490 dollari, contro i 370 dollari, circa, della chiusura dello scorso Venerdì 6 Aprile.

Modello di trading cambio BTC-USD valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista si attiva in caso di allungo oltre quota 7.965 in chiusura di candela oraria o daily e consiglia di prendere profitto in area 8.092 e 8.303; stop loss in caso di ritorno sotto quota 7.760 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori estensioni oltre quota 8.303 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 8.435 e successivamente a quota 8.660; stop loss in caso di close orario minore di quota 7.965.

Suggeriti ulteriori Long in caso di nuovi acquisti oltre quota 8.660 in close orario o daily, per tentare di prendere profitto in area 8.800 e 9.030, estesa a quota 9.265; stop loss in caso di ritorno sotto quota 8.435 in chiusura giornaliera. Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 6.645, per cercare di approfittare di eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 6.825 ed in seconda battuta a quota 7.005, con eventuali estensioni a quota 7.270; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 6.470 in chiusura giornaliera.

Il modello di trading ribassista, invece, prende quota in caso di discesa sotto quota 7.760 in chiusura di candela oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 7.635 e 7.435; stop loss in caso di recupero oltre quota 7.965 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 7.435, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 7.270 ed in seconda battuta a quota 7.125; stop loss in caso di ritorno sopra quota 7.760 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 7.125 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in area 7.005 e 6.825, estesa a quota 6.645; stop loss in caso di recupero sopra quota 7.435 in close daily. Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 9.265, per sfruttare eventuali storni prima a quota 9.030 e successivamente a quota 8.800, con possibili estensioni a quota 8.660; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 9.510 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY