Quotazioni petrolifere: significato, market movers, guida

Cosa significa quotazioni petrolifere? Cosa determina le quotazioni petrolifere? Cosa sono i market movers delle quotazioni petrolifere? Cos’è il petrolio? Perchè il petrolio è importante? Ecco una guida completa per investire nel petrolio. Una tra le commodities (materie prime) maggiormente oggetto di trading online.

Infatti, sebbene il petrolio sia conosciuto soprattutto come quel liquame che, una volta lavorato, consente ad auto, macchinari industriali e quant’altro di funzionare, in realtà risulta essere anche un asset interessante su cui investire. Ecco una guida sulle quotazioni petrolifere.

Petrolio cos’è

Il petrolio è un liquido presente in natura, da giallo a nero, presente nelle formazioni geologiche sotto la superficie terrestre. Viene comunemente raffinato in vari tipi di combustibili. I componenti del petrolio sono separati usando una tecnica chiamata distillazione frazionata, ossia separazione di una miscela liquida in frazioni che differiscono nel punto di ebollizione per mezzo della distillazione, tipicamente usando una colonna di frazionamento. È costituita da idrocarburi di vari pesi molecolari e altri composti organici.

Il nome petrolio copre sia il greggio che i prodotti petroliferi non trasformati presenti in natura che sono costituiti da petrolio greggio raffinato. Un combustibile fossile, il petrolio si forma quando grandi quantità di organismi morti, di solito zooplancton e alghe, sono sepolte sotto la roccia sedimentaria e sottoposte a calore e pressione intensi. Il petrolio è stato per lo più recuperato dalla trivellazione petrolifera (le sorgenti naturali di petrolio sono rare).

La perforazione viene effettuata dopo gli studi di geologia strutturale (alla scala del giacimento), l’analisi del bacino sedimentario e la caratterizzazione del bacino idrico (principalmente in termini di porosità e permeabilità delle strutture geologiche del giacimento). È raffinato e separato, più facilmente per distillazione, in un gran numero di prodotti di consumo, dalla benzina (benzina) e il cherosene all’asfalto e reagenti chimici usati per produrre plastica e prodotti farmaceutici. Il petrolio viene utilizzato nella produzione di un’ampia varietà di materiali e si stima che il mondo consuma circa 95 milioni di barili ogni giorno.

Preoccuparsi dell’esaurimento delle riserve di petrolio finite della terra e dell’effetto che questo avrebbe su una società dipende da esso, è un concetto noto come picco del petrolio. L’uso di combustibili fossili, come il petrolio, ha un impatto negativo sulla biosfera terrestre, danneggiando gli ecosistemi attraverso eventi come sversamenti di petrolio e rilasciando una serie di sostanze inquinanti nell’aria, tra cui ozono a livello del suolo e biossido di zolfo dalle impurità di zolfo nei combustibili fossili.

L’incendio dei combustibili fossili gioca un ruolo importante nell’attuale fenomeno chiamato riscaldamento globale.

Petrolio scoperta

Quando è stato scoperto il petrolio? Il petrolio, in una forma o nell’altra, è stato usato fin dai tempi antichi, ed è ora importante in tutta la società, anche in economia, politica e tecnologia. L’aumento di importanza era dovuto all’invenzione del motore a combustione interna, all’aumento dell’aviazione commerciale e all’importanza del petrolio per la chimica organica industriale, in particolare per la sintesi di materie plastiche, fertilizzanti, solventi, adesivi e pesticidi. Più di 4000 anni fa secondo Erodoto e Diodoro Siculo, l’asfalto era usato per la costruzione delle mura e delle torri di Babilonia; c’erano pozzi di petrolio vicino ad Ardericca (vicino a Babilonia), e una sorgente di pece su Zacinto.

Grandi quantità di esso furono trovate sulle rive del fiume Issus, uno degli affluenti dell’Eufrate. Le antiche tavolette persiane indicano gli usi medicinali e di illuminazione del petrolio nei livelli superiori della loro società. L’uso del petrolio nell’antica Cina risale a oltre 2000 anni fa. In I Ching, uno dei primi scritti cinesi cita che il petrolio allo stato grezzo, senza raffinazione, fu scoperto, estratto e usato in Cina nel primo secolo aC. Inoltre, i cinesi furono i primi a usare il petrolio come combustibile già nel IV secolo aC. Entro il 347 dC, il petrolio fu prodotto da pozzi perforati di bambù in Cina.

I primi esploratori britannici in Myanmar documentarono una fiorente industria di estrazione petrolifera con sede a Yenangyaung che, nel 1795, aveva centinaia di pozzi scavati a mano in produzione. Pechelbronn (fontana del Pitch) si dice sia il primo sito europeo in cui è stato esplorato il petrolio e usato. La Erdpechquelle ancora attiva, una sorgente in cui il petrolio appare mescolato con l’acqua è stata utilizzata dal 1498, in particolare per scopi medici. Le sabbie bituminose sono state estratte dal XVIII secolo. A Wietze, nella Bassa Sassonia, l’asfalto / bitume naturale è stato esplorato dal XVIII secolo.

Sia a Pechelbronn che a Wietze, l’industria del carbone dominava le tecnologie del petrolio.

Petrolio: perché è importante

Con ogni anno che passava, il petrolio ha finito per giocare un ruolo ancora più grande nell’economia globale. Nei primi tempi, trovare petrolio durante un’esercitazione era considerato un po’ fastidioso in quanto quanto trovato era normalmente acqua o sale. Fu solo nel 1857 che il primo pozzo petrolifero commerciale fu trivellato in Romania. L’industria petrolifera statunitense nacque due anni dopo con una perforazione intenzionale a Titusville, in Pennsylvania.

Mentre gran parte della prima richiesta di petrolio era per cherosene e lampade a olio, non fu fino al 1901 che il primo bene commerciale capace di produzione di massa fu trivellato in un sito noto come Spindletop nel Texas sud-orientale. Questo sito ha prodotto oltre 10.000 barili di petrolio al giorno, più di tutti gli altri pozzi di produzione petrolifera negli Stati Uniti messi insieme. Molti sostengono che l’era moderna del petrolio sia nata quel giorno nel 1901, poiché il petrolio avrebbe presto sostituito il carbone come fonte primaria di combustibile mondiale.

Petrolio paesi produttori

Quali sono i paesi che producono maggiormente petrolio? Secondo recenti statistiche, i primi 20 sono:

1 Arabia Saudita Arabia Saudita

2 Russia Russia

3 Stati Uniti Stati Uniti

4 Iran

5 Cina

6 Canada

7 Emirati Arabi Uniti

8 Messico

9 Kuwait

10 Iraq

11 Venezuela

12 Nigeria

13 Brasile

14 Norvegia

15 Kazakistan

16 Angola

17 Algeria

18 Qatar

19 Regno Unito

20 Indonesia

Diversi tra questi paesi fanno parte dell’Opec, acronimo di Organization of the Petroleum Exporting Countries. Fondata nel 1960, la missione dichiarata dell’organizzazione è quella di “coordinare e unificare le politiche petrolifere dei suoi paesi membri e assicurare la stabilizzazione dei mercati petroliferi, al fine di assicurare una fornitura efficiente, economica e regolare di petrolio ai consumatori, un reddito costante ai produttori, e un buon ritorno sul capitale per chi investe nel settore petrolifero.

Quotazioni petrolifere cosa significa

Cosa significa quotazioni petrolifere? Fatta questa breve introduzione sul petrolio, entriamo nel vivo della questione. La quotazione del petrolio non è altro che il prezzo al barile con cui il petrolio viene scambiato. E, come tutti i beni e servizi, il suo prezzo è determinato dall’incontro tra la domanda e l’offerta.

Come detto, l’uso del petrolio nei carburanti continua a essere il fattore principale nel renderlo una merce ad alta domanda in tutto il mondo, ma come vengono determinati i prezzi?

Con l’imposizione del petrolio come merce globale ad alta domanda arriva la possibilità che forti fluttuazioni nei prezzi possano avere un impatto economico significativo. I due fattori principali che influiscono sul prezzo del petrolio sono: il sentimento di domanda e di offerta. Il concetto di domanda e offerta è abbastanza semplice. Con l’aumentare della domanda (o la diminuzione dell’offerta) il prezzo dovrebbe salire. Man mano che la domanda diminuisce (o l’offerta aumenta) il prezzo dovrebbe scendere.

Sembra semplice? Non del tutto. Il prezzo del petrolio come lo conosciamo è in realtà fissato nel mercato dei futures petroliferi. Un contratto future sul petrolio è un accordo vincolante che dà il diritto di acquistare petrolio a barile ad un prezzo predefinito in una data predefinita in futuro. Nell’ambito di un contratto future, sia l’acquirente sia il venditore sono obbligati a soddisfare la loro parte della transazione alla data specificata.

I seguenti sono due tipi di trader di futures:

  • hedgers
  • speculatori

Un esempio di hedger sarebbe una compagnia aerea che acquista future sull’olio per proteggersi dal potenziale prezzi in rialzo. Un esempio di uno speculatore sarebbe qualcuno che sta solo indovinando la direzione del prezzo e non ha intenzione di acquistare effettivamente il prodotto. Secondo il Chicago Mercantile Exchange (CME), la maggior parte degli scambi di futures è effettuata dagli speculatori in quanto meno del 3% delle transazioni risulta in realtà nell’acquirente di un contratto a termine che prende possesso della merce oggetto di scambio. L’altro fattore chiave nella determinazione del petrolio i prezzi sono sentiment.

La semplice convinzione che la domanda di petrolio aumenterà drammaticamente ad un certo punto nel futuro può comportare un drammatico aumento dei prezzi del petrolio nel presente, in quanto speculatori e hedgers egualmente chiudono i contratti future sul petrolio. Certo, è vero anche il contrario.

La semplice convinzione che la domanda di petrolio diminuirà a un certo punto nel futuro può comportare un drastico calo dei prezzi nel presente mentre i contratti future sul petrolio sono venduti (eventualmente venduti anche a breve), il che significa che i prezzi possono dipendere solo in parte da fattori psicologici.

Quotazioni petrolifere Market Movers

Chi sono i Market Movers delle quotazioni petrolivere? Ovvero, cosa determina le quotazioni petrolifere? Abbiamo detto che i 2 fattori principali sono gli hedgers e gli speculatori. Ma c’è anche un terzo fattore: i cartelli del petrolio.

Probabilmente il singolo più grande fattore di influenza dei prezzi del petrolio è l’OPEC, composto da 13 paesi (Algeria, Angola, Ecuador, Indonesia, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Venezuela); collettivamente, l’OPEC controlla il 40% della fornitura mondiale di petrolio. Sebbene la carta dell’organizzazione non lo dichiari esplicitamente, l’OPEC è stata fondata negli anni ’60 per – per dirla in modo grossolano – per fissare i prezzi del petrolio e del gas.

Limitando la produzione, l’OPEC potrebbe far aumentare i prezzi, e quindi teoricamente godere di maggiori profitti che se i suoi paesi membri li vendessero sul mercato mondiale in base alla tariffa corrente. Per tutti gli anni ’70 e per gran parte degli anni ’80, seguì questa strategia, anche se un po ‘non etica. Per citare P.J. O’Rourke, certe persone entrano nei cartelli a causa dell’avidità; poi, a causa dell’avidità, cercano di uscire dai cartelli. Secondo la US Energy Information Administration, i paesi membri dell’OPEC spesso superano le loro quote, vendendo qualche milione di barili in più sapendo che le forze dell’ordine non possono davvero impedirgli di farlo.

Con il Canada, la Cina, la Russia e gli Stati Uniti come non membri – e aumentando la propria produzione – l’OPEC si sta limitando nella sua capacità di, come afferma la sua missione eufemisticamente, “assicurare la stabilizzazione dei mercati petroliferi al fine di garantire un efficiente, L’approvvigionamento economico e regolare di petrolio ai consumatori “. Mentre il consorzio ha promesso di mantenere il prezzo del petrolio sopra i $ 100 al barile per il prevedibile futuro, a metà 2014 ha rifiutato di tagliare la produzione di petrolio, anche quando i prezzi hanno cominciato a cadere.

Di conseguenza, il costo del greggio è sceso da un picco di oltre $ 100 al barile a meno di $ 50 al barile. A partire da febbraio 2018, i prezzi del petrolio sono in leggero calo al di sotto dei $ 62.

Poi ci sono altri due fattori da tenere in considerazione:

  • La crescita globale: se il “mondo” cresce, aumenta anche la domanda di beni, che per essere prodotti necessitano dei derivati del petrolio. Ecco che l’offerta sale e il prezzo con lei. Discorso opposto, ovviamente, in caso di recessione. Non è un caso che il prezzo del petrolio abbia iniziato a scendere proprio con l’inizio della crisi economica. Per poi risalire quando c’è stata la ripresa.
  • Le scorte petrolifere detenute dalle aziende americane. Un dato parziale (gli USA non sono ovviamente l’unico produttore) ma che offre una panoramica sull’andamento dell’offerta.

Quotazioni petrolifere grafico in tempo reale

Qual è la quotazione petrolifera in tempo reale? Naturalmente la risposta a questa domanda è solo parziale, in quanto essa varia continuamente, dunque il valore che diremo oggi sarà già diverso da quello nel momento in cui leggerete l’articolo. Al momento della scrittura, il petrolio è scambiato a $ 71,03, con una variazione in crescita dell’1.12%.

Se volete vedere le quotazioni petrolifere in tempo reale, e quella delle altre principali materie prime, potete fare riferimento alla nostra pagina.

Quotazioni petrolifere come investire

Come investire nelle quotazioni petrolifere? Tramite i Contract for difference, meglio conosciuti con l’acronimo CFD. Un contratto per scambiare la differenza di valore di uno strumento finanziario (il mercato sottostante) tra il momento in cui il contratto è aperto e il momento in cui è chiuso. CFD ha spiegato che ciò significa che si seleziona il mercato che si desidera negoziare ma invece di effettuare l’acquisto fisico completo (o la vendita), si apre invece un CFD con noi. Questo contratto replicherà il profitto e la perdita del tuo acquisto (o vendita) previsto.

Ricordiamo però che i CFD sono strumenti complessi e hanno un alto rischio di far perdere denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 64% e il 72% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro.

Quotazioni petrolifere dove investire

Dove investire sulle quotazioni petrolifere? E’ possibile farlo su Broker rinomati e seri. A nostro avviso, i seguenti:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY