Quattordicesima: a chi spetta, quando arriva e importi

stipendio

Cos’è la quattordicesima? Come funziona la quattordicesima? Quando si riceve la quattordicesima? A chi spetta la quattordicesima per i lavoratori? A chi spetta la quattordicesima per i pensionati? Lo vediamo in questo articolo. Sono in tanti gli italiani che si stanno ponendo queste domande, in quanto, nei prossimi giorni, le aziende che non lo hanno già provveduto con lo stipendio di giugno, erogheranno ai propri dipendenti una retribuzione aggiuntiva. Che corrisponderà ad un importo simile allo stipendio mensile.

Così come i lavoratori ancora attivi, così pure i pensionati riceveranno la quattordicesima. Sebbene, ovviamente, in questo caso il trattamento è diverso rispetto a quello dei dipendenti.

Quattordicesima cos’è

Cos’è la quattordicesima? La quattordicesima mensilità è il diritto per un lavoratore o pensionato, di percepire nell’arco dell’anno uno stipendio o un assegno pensione in più, oltre la tredicesima mensilità di dicembre, al fine di ottenere una maggiore disponibilità economica in un preciso periodo, il mese di luglio.

La quattordicesima non spetta a tutti i lavoratori, infatti, il beneficio spetta esclusivamente se è prevista dalla contrattazione tra le parti, e non ha natura legale. Solitamente le categorie di lavoratori a cui viene concessa sono i lavoratori del commercio e i dirigenti del commercio,

mentre non spetta ai metalmeccanici o ai dirigenti nell’industria.

Quattordicesima come funziona

Come funziona la quattordicesima? Occorre precisare subito che la quattordicesima mensilità non spetta a tutti i lavoratori e pensionati. Nel primo caso, è il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (conosciuto soprattutto con l’acronimo CCNL) di riferimento a prevederla. Il quale stabilisce tanto l’importo quanto i tempi per il pagamento. Invece per i pensionati requisiti ed importi sono prestabiliti dalla legge. Ed erogati dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (meglio noto con l’acronimo INPS).

Ecco perché bisogna comprendere bene se ci spetta la quattordicesima o no, per capire se dobbiamo muoverci in caso di mancata erogazione. Rispetto invece alla tredicesima, che viene riconosciuta a tutti ed è pagata in prossimità dei mesi estivi. In genere tra giugno o luglio in base al CCNL di riferimento.

Esiste poi una differenza tra la quattordicesima data ai dipendenti e quella data ai pensionati. Per i primi, la quattordicesima è una misura contrattuale pagata dal datore di lavoro, mentre per i pensionati assume la caratteristica di misura previdenziale e pertanto erogata dall’INPS.

Occorre poi dire che il CCNL, o il contratto individuale, può anche prevedere che la quattordicesima venga spalmata nelle 12 mensilità anziché data in una unica soluzione a luglio. Occorre però calcolare bene se la somma totale ripartita per 12 mensilità corrisponda poi a quanto realmente spetti.

Quattordicesima per i dipendenti a chi spetta

A chi spetta la quattordicesima per i dipendenti? Partendo dalla quattordicesima elargita ai lavoratori dipendenti, essa spetta solo a quanti la abbiano espressamente prevista dal proprio CCNL di riferimento.

Può anche succedere che se non sia previsto dal CCNL, sia comunque corrisposto liberamente dal datore di lavoro in accordo con il dipendente tramite contratto di lavoro individuale. Va da sé che il datore di lavoro non può non erogare la quattordicesima al dipendente nel caso in cui sia espressamente prevista dal Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro. Anche qualora sia il dipendente stesso a non volerla (potrebbe capitare nel caso in cui l’azienda stia andando male e i dipendenti sarebbero disposti al sacrificio).

La quattordicesima per i dipendenti spetta a queste categorie:

  • Settore Terziario-commercio e settore Turismo: la quattordicesima viene pagata il 1° luglio, con un importo pari ad una retribuzione di fatto ma senza assegni familiari
  • Studi professionali: pagata entro il 30 giugno, con importo pari ad una retribuzione di fatto
  • Settore alimentare: con il nuovo contratto è stato stabilito che le aziende con più di 40 dipendenti dovranno pagare la quattordicesima entro il 31 luglio. Quelle con un massimo di 10 dipendenti, invece, devono pagare un importo corrispondente al 35% della quattordicesima, mentre per quelle con un numero di dipendenti compreso tra 11 e 40 l’importo sale al 50%;
  • Logistica e autotrasporto: pagata entro il 30 giugno, di importo pari all’ultima retribuzione percepita
  • Settore chimico: per questi dipendenti la quattordicesima – erogata nei mesi di giugno/luglio – fa parte del reddito imponibile. Sulla quattordicesima, quindi, si pagano le tasse, così come i contributi Inps e i premi all’Inail.

Quattordicesima dipendenti a chi non spetta

A chi non spetta la quattordicesima per i dipendenti? A queste categorie di lavoratori dipendenti:

  • Insegnanti
  • Personale delle Forze Armate e di Polizia
  • Impiegati pubblici
  • Metalmeccanici
  • Dirigenti nell’industria

Quattordicesima dipendenti quando arriva

Quando arriva la quattordicesima per i dipendenti? Entro il mese di luglio. Il datore di lavoro può anche decidere liberamente di pagare lo stipendio di giugno al fine di evitare di consegnare una busta paga solo contenente la quattordicesima

Quattordicesima pensionati a chi spetta

A chi spetta la quattordicesima per i pensionati? In questo caso, tale mensilità aggiuntiva è un diritto tutelato dalla legge, riconosciuto direttamente dall’INPS a quanti ne possiedono i requisiti.

Ecco le categorie di pensioni a cui spetta la pensione:

  • Pensioni di anzianità
  • Pensioni di vecchiaia
  • Pensioni anticipate
  • Pensioni di invalidità e di inabilità
  • Pensioni ai superstiti

Quali sono i requisiti che devono avere i pensionati per ottenere la quattordicesima?

  • avere più di 64 anni
  • essere titolari di una pensione per la quale è riconosciuta la quattordicesima (vecchiaia, anzianità, anticipata, inabilità e invalidità, superstiti)
  • reddito complessivo non superiore ai 9.894,69 euro (1,5 volte l’importo del trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, 507,42 euro) o ai 13.192,92 euro ( 2 volte l’importo del trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti)

Quattordicesima pensionati a chi non spetta

A quali pensionati non spetta la quattordicesima? Le seguenti categorie:

  • pensioni di invalidità civile
  • pensione o assegno sociale
  • pensioni di guerra
  • rendite Inail

Quattordicesima pensionati importi

Qual è l’importo di una quattordicesima per i pensionati?

In base al reddito e agli anni di contribuzione dei pensionati, abbiamo un importo diverso per la quattordicesima. Per chi ha un reddito massimo di 9.786,86 euro la quattordicesima è pari a:

  • I^ Fascia (fino a 15 anni di contribuzione se dipendenti, 18 anni per gli autonomi): 437 euro
  • II^ Fascia (dai 15 ai 25 anni di contribuzione se dipendenti, dai 18 ai 28 anni per gli autonomi): 546 euro
  • III^ Fascia (oltre i 25 anni di contribuzione per i dipendenti, oltre i 28 per gli autonomi): 655 euro

Per il reddito compreso tra i 9.786,86 euro e i 13.049,14 euro, gli importi sono:

  • I^ Fascia (fino a 15 anni di contribuzione se dipendenti, 18 anni per gli autonomi): 336 euro euro
  • II^ Fascia (dai 15 ai 25 anni di contribuzione se dipendenti, dai 18 ai 28 anni per gli autonomi): 420 euro
  • III^ Fascia (oltre i 25 anni di contribuzione per i dipendenti, oltre i 28 per gli autonomi): 504 euro

Quattordicesima pensionati: quando ?

Quando viene erogata la quattordicesima ai pensionati? Dato che è un trattamento riconosciuto dall’INPS, è possibile già sapere quando viene erogata. Per effetto di ciò, la quattordicesima arriverà insieme alla pensione di luglio: dunque lunedì 2 luglio 2018.

Quattordicesima tasse

Per la quattordicesima occorre pagare le tasse? Anche qui occorre fare un distinguo: se i lavoratori dipendenti vedranno sottratte le tasse anche da essa, ciò non accade per i pensionati.

Quattordicesima pensionati: ultime novità

Quali sono le novità riguardo la quattordicesima dei pensionati? Stando a quanto prevede l’articolo 26 della Legge di Bilancio, la quattordicesima spetta ai pensionati con redditi fino a 2 volte il trattamento minimo. Mentre invece la soglia attuale è di 1,5 volte il minimo.

I nuovi beneficiari della quattordicesima sono dunque pensionati con redditi fino a 2 volte il mimino. In pratica vuol dire che la quattordicesima ora spetta in misura piena ai pensionati con assegno mensile fino a 1000 euro al mese. Quindi, è stata allargata in maniera consistente, dato che prima la soglia di reddito prevista era di 750 euro.

Va poi aggiunto che, come dall’anno scorso, anche per questo 2018 ai pensionati spetta un aumento dell’importo della quattordicesima di 584/600 euro. Mentre prima era di 504 euro.

L’aumento della quattordicesima mensilità spetta ai pensionati i cui assegni pensione sono pagati dall’INPS con assicurazione generale obbligatoria:

  • fondi ad essa sostitutivi
  • gestione separata
  • gestione speciale per i lavoratori delle miniere, cave e torbiere
  • fondo di previdenza del clero secolare e dei ministri di culto delle confessioni religiose diverse dalla cattolica.

Tuttavia, occorre anche rammentare che l’aumento della quattordicesima non spetta a tutti i pensioinati. Ne sono di fatto esclusi i pensionati appartenenti a questi enti:

  • Inpgi
  • Enasarco
  • Casse di Previdenza dei Professionisti

Quattordicesima come si calcola

Come si calcola la quattordicesima? In pratica, come la tredicesima per i lavoratori: ogni mese di lavoro prestato (o frazione di mese di almeno 15 giorni), il lavoratore matura un rateo di mensilità aggiuntiva ovvero di 14a. Pertanto si tratta di una mensilità aggiuntiva e la retribuzione è pari ad un singolo mese di stipendio che però matura mese dopo mese.

Approssimativamente, la formula per calcolare la quattordicesima è:

stipendio lordo mensile * i mesi lavorati in un anno / 12 mesi

Per effetto di ciò, la quattordicesima corrisponderà ad uno stipendio intero se si è lavorato dal 1° luglio al 30 giugno, mentre sarà una frazione se si è lavorato per alcuni mesi.

A differenza della tredicesima che matura dal 1° gennaio al 31 dicembre e viene pagata con la mensilità di dicembre, la quattordicesima matura per gli aventi diritto dal 1° luglio al 30 giugno dell’anno successivo e va pagata tra la fine di giugno e l’inizio di luglio.

I neoassunti durante il primo anno riceveranno una parte della 14a se hanno iniziato a lavorare prima del mese di luglio (hanno quindi maturato solo alcuni ratei). Altrimenti, riceveranno tutta la mensilità aggiuntiva maturata direttamente fra giugno e luglio dell’anno successivo a quello di assunzione.

LEAVE A REPLY