Quanto vale un Franco Svizzero in Euro e come controllare ogni giorno

cambio franco svizzero con euro
Per le due monete non è più prevista la parità

Quanto vale un Franco svizzero in Euro? Una domanda non di poco conto, dato che sapere quanto vale un Franco svizzero in Euro è molto utile per chi deve recarsi per diletto o per lavoro nella patria della cioccolata, degli orologi e del fisco amichevole. O per chi deve trasferirci del denaro o per chi lo vuole sapere ciò solo per curiosità. Non dimentichiamoci poi pure il fatto che per moltissimi anni il franco svizzero è stato un riferimento importante per chi metteva in piedi un mutuo bancario. Non dimentichiamoci, ad esempio, chi aveva comprato casa ancorando il valore del mutuo con il franco svizzero agli inizi degli anni 2000.

Certo, darvi una risposta secca è utile in modo relativo, dato che il cambio tra due valute è molto mutevole e cambia più volte minuto per minuto. Quindi, oltre a sapere quanto vale un franco svizzero in Euro, diventa ancora più utile come effettuare la conversione tra Euro e franco svizzero e viceversa. Così da restare sempre aggiornati.

Franco svizzero in Euro quanto vale

Quanto vale un Franco svizzero in Euro? Nel momento in cui vi scriviamo, un Franco svizzero vale 0.850839639 euro. Cosa significa ciò? Che per avere un franco svizzero occorrono 0.85 centesimi di euro. Viceversa, un euro vale 1.17 franchi svizzeri. Cosa significa ciò? Se il cambio EUR/CHF sta a circa 1.17, significa che 1 euro vale circa 1.17 franchi svizzeri; il franco svizzero, ad oggi, vale quindi di più dell’Euro.

Per salire alla cifra di quanti franchi sono un Euro, è praticamente sufficiente effettuare un calcolo con il prezzo attuale. Se il cambio EUR/CHF si trova a 1,17 significa che 1 CHF è pari a 1,17 euro circa. Per sapere invece quanto vale un franco in euro basta fare 1/1,17 e verrà un numero pari a 0.85 centesimi di euro. Quindi sarà necessario dividere il numero 1 (uno) con il prezzo del cambio EUR/CHF per capire in tempo reale quanti CHF sono un euro.

Come vedere quanto vale franco svizzero in euro

Ma come detto, questa cifra potrebbe essere già diversa nel momento in cui leggete. Per saperlo in tempo reale, sarà sufficiente scrivere “Franco svizzero in Euro” su Google e Big G vi farà apparire la cifra magicamente subito come primo risultato. Per avere poi un importo più preciso, sul web esistono anche dei convertitori online, come ad esempio questo: Coin mill. Oltre al cambio Franco svizzero/Euro, troverete una miriade di valute nazionali. Non può mancare neanche il Bitcoin, la criptovaluta nata nel 2009 da una idea del misterioso Satoshi Nakamoto che lungo tutto il 2017 ha fatto molto parlare di sé.

Perchè Franco svizzero in aumento su Euro

Il franco svizzero è aumentato di valore a partire dal 2015 nei confronti dell’Euro e ciò non è una bella notizia per chi va in Svizzera spesso o per una vacanza, in quanto gli costerà di più. Essendo peraltro già di per sé il costo medio della vita in Svizzero più alto. Qual è il motivo di questo apprezzamento? A gennaio 2015, la banca centrale svizzera ha smesso di utilizzare gli strumenti di politica monetaria per assicurare al mercato che il cambio EUR/CHF sarebbe rimasto attorno a quota 1.20, così il valore del franco svizzero è aumentato di colpo. Il risultato finale è stato che il franco svizzero vale di più rispetto all’euro e quindi è diventato più costoso da acquistare.

Alcuni anni prima del 2015 la Banca nazionale svizzera per calmierare il prezzo del Franco Svizzero nei confronti dell’euro, ha comprato ogni giorno quantità elevate di euro, mettendo in atto una vera e propria politica monetaria di sostegno, in modo da ancorarlo abbastanza stabilmente alla quotazione 1,20 contro euro.

Ma a gennaio 2015 la banca centrale Svizzera ha deciso come detto in modo del tutto inaspettato di svincolare il prezzo del Franco da quello dell’euro facendolo apprezzare nei suoi confronti. In parole povere, il Franco Svizzero è aumentato di valore ed è passato da 1,20 euro fino a toccare in un giorno solo anche lo 0,84 contro euro.

Franco svizzero apprezzato su Euro: le conseguenze catastrofiche

L’effetto di ciò è stata la catastrofe nei mercati finanziari azionari, perchè dato che la moneta si è apprezzata, le esportazioni di beni a produzione interna sono cresciute di prezzo quando cambiate in altre divise monetarie.

Si prenda il caso di un marchio simbolo della Svizzera: lo Swatch, icona, specie negli anni ‘90, per gli orologi giovanili. Orbene, le sue azioni in Borsa hanno subito un crollo di più del 16% a causa degli aumenti di valore del prezzo del franco svizzero.

Nel mondo del Forex sono stati due i broker che hanno subìto le conseguenze più pesanti: Alpari e FXCM. Alpari è stato perfino ritenuto praticamente fallito, tanto che sul sito ufficiale scriveva:

“La recente mossa provocata dalla BNS sul franco svizzero ha provocato una eccezionale volatilità sui mercati e l’estrema mancanza di liquidità. I fondi dei clienti continuano ad essere ancora protetti, in conformità con le norme FCA (organo di vigilanza britannico sui mercati finanziari, ndr). Nonostante gli annunci precedenti, Alpari (UK) Limited non ha avviato alcun processo di insolvenza formale. Il consiglio di amministrazione, in stretto collegamento con la FCA, sta urgentemente valutando tutte le opzioni, tra cui la vendita. Speriamo di potervi dare un ulteriore annuncio a breve.”

Non a caso, diversi clienti Alpari non sono più stati in grado di accedere ai loro fondi e si sono trovati chiuse le posizioni di trading. Un caso su tutti è stato quello di Glenn Camilleri, il quale ha affermato di aver controllato il proprio conto sul cellulare e ha trovato la propria posizione chiusa senza che lui decidesse niente. Stiamo parlando di un trader con un conto di 10mila euro, che appariva anche sconcertato dalla cosa non sapendo quei soldi che fine avrebbero fatto. Oltretutto, occorre anche aggiungere che Camilleri non stava scambiando franchi, bensì euro contro dollaro. E, soprattutto, egli non stava perdendo soldi ma era pure in profitto.

La FCA ha comunque assicurato che tutti i soldi dei trader sono protetti da qualunque imprevisto e che essi devono essere tenuti in conti separati, cosicché pure se l’azienda fallisca, non ci sono problemi nel riavere i soldi indietro. Michael Hewson, capo analista di mercato per CMC Capital Markets, ha definito la scelta della Banca Nazionale Svizzera come “un cigno nero, una cosa mai vista in 25 anni di carriera”.

Anche il broker britannico FXCM stava subendo un grave danno dalla decisione della Banca Nazionale Svizzera. Il broker è stato invece salvato da un investimento di 300 milioni di dollari da parte di Leucadia. Una Holding company con sede a New York. Non ha nascosto l’importanza di questa decisione il CEO di FXCM, Drew Niv, il quale ha detto che “il supporto di Leucadia e questo finanziamento sono di gran lunga la migliore alternativa per FXCM, per i nostri clienti, i nostri azionisti e tutti gli altri interessati”. Basta solo dire che il valore delle azioni di FXCM è crollato del 90% in breve tempo. Senza l’intervento della americana Leucadia, oggi probabilmente FXCM non ci sarebbe più. Cosa sarebbe accaduto ai tanti trader britannici che si affidano ai suoi servigi?

Secondo Adam Myers, capo del settore forex presso Credit Agricole, alcuni partecipanti al mercato sembravano essere a conoscenza della decisione della BNS ancor prima dell’annuncio ufficiale. Egli ha infatti detto di aver visto un “flusso enorme” di franchi svizzeri – circa 34,2 miliardi – in Svizzera nel mese di dicembre, un dato circa 10 volte la media mensile. Una grave accusa di aggiotaggio quindi, che però non ha subito approfondimenti. Ma in guerra e in economia tutto è concesso. Sulle spalle della povera gente ovviamente.

Ecco uno dei principali motivi per cui sono nate le criptovalute. In quanto il loro valore non è stabilito arbitrariamente da governi e banche centrali, bensì dal mercato, dagli utenti (i cosiddetti miners). E ciò però crea anche molto scetticismo nei loro confronti, sia dei trader più importanti come Warren Buffet, sia di super potenze come Russia e Cina. Che le hanno messe al bando nell’ottobre 2017, in attesa di una chiara regolamentazione che arrivi nel 2018.

Come cambiare Franco svizzero in Euro

Come è possibile cambiare Franco svizzero in Euro? Tutte le più importanti banche italiane permettono di solito di effettuare dei cambi di euro in sterline (oppure viceversa). Esistono poi i cosiddetti “Currency Exchange” o i “Forex Exchange” che permettono di cambiare molto in fretta una valuta con un’altra. E’ giusto pure specificare che i prelievi in carta in EURO tramite un ATM inglese, non sono certamente molto convenienti, dato che di solito verranno applicati dei tassi di cambio alquanto sfavorevoli. L’aspetto che conviene di più, comunque, è quello di confrontare i currency exchange che è possibile trovare nel Regno Unito, in modo da trovare quello più vantaggioso.

Ricapitolando, ecco come cambiare Euro in franchi svizzeri:

  • prima di partire, dalla propria banca (opzione sconsigliata perché, come per altre valute, il tasso di cambio di solito non è conveniente)
  • nelle banche svizzere, ma anche in questo caso occhio sempre alle commissioni che si dovrebbero pagare, non essendo clienti
  • chioschi svizzeri, quasi tutti cambiano denaro
  • ai distributori di benzina, nei paesi di confine

Franco svizzero vale più di Euro: vantaggio o svantaggio?

Il fatto che il Franco svizzero dal gennaio 2015 si sia apprezzato sull’Euro è un vantaggio o uno svantaggio? Per chi ha come valuta nazionale gli Euro, è stato sicuramente un duro colpo, perchè tutti si sono trovati in mano un franco più forte e un euro più debole. Ciò è un colpo per chi si reca spesso in Svizzera e usa gli Euro o per chi importa dalla Svizzera.

Perchè Franco svizzero ed Euro sempre stabili

A parte la decisione della Banca centrale svizzera, alquanto svincolata da influenze politiche, presa nel gennaio 2015, in genere il cambio Franco svizzero/Euro è stato sempre pressoché stabile. Su questa decisione hanno sempre pesato 3 motivi:

  1. Il debito pubblico della Svizzera non è così rilevante, almeno in confronto al Prodotto Interno Lordo del Paese (cosa che non si può di certo dire del Pil italiano). Per questo motivo molto difficilmente la Svizzera può procedere a svalutazioni pilotate della propria valuta. Proprio per la sua proverbiale stabilità, è stata da sempre considerata come una delle valute rifugio per i risparmiatori a livello internazionale
  2. La bilancia commerciale della Svizzera è in relativo equilibrio, nonostante le dimensioni del paese, e quello che il paese importa in merci lo esporta, in genere, in servizi. E’ difficile che la Svizzera si trovi in condizioni di dover riequilibrare la sua bilancia commerciale
  3. La stabilità del valore del CHF, sia nei confronti dell’Euro sia nei confronti del dollaro è da sempre uno degli obiettivi dichiarati, ma anche di fatto perseguiti, della Banca Centrale Svizzera

Comunque, il mercato finanziario è diventato molto instabile e convulso. Pertanto, per chi vuole investire nel mercato Forex non è consigliabile dare le cose per scontate. E ciò sta riguardando anche valute un tempo considerate molto stabili come ad esempio la sterlina.

Perchè importante sapere cambio Franco svizzero/Euro

Per un italiano conoscere il cambio Franco svizzero/Euro è molto importante. Basta partire da un dato geografico: la Svizzera è uno dei paesi confinanti con il nostro e da sempre i rapporti commerciali tra noi e loro sono eccellenti. Soprattutto, manco a dirlo, nel Cantone svizzero italiano. Per la sua vicinanza, la Svizzera offre lavoro a tanti italiani, sia frontalieri (cioè coloro che vivono in Italia ma lavorano in Svizzera) che non. Purtroppo in Svizzera non siamo visti benissimo e un referendum di giugno 2016 ha reso i lavoratori stranieri in una posizione subalterna nei confronti di quelli svizzeri. Tale referendum è tacitamente anti-italiano, non a caso è stato anche pubblicizzato con dei topi che mangiano formaggio svizzero, tra cui uno con la canottiera con sopra la bandiera italiana. Con sotto una scritta “45mila frontalieri” e “bala i ratt”. E dato che sono soprattutto i settentrionali a recarsi lì, ciò dovrebbe far riflettere certe posizioni politiche nei confronti degli immigrati africani…

Per chi è italiano ma lavora in Svizzera conoscere quanto vale un franco in euro è importante per farsi due conti sul valore dello stipendio mensile incassato. Per le aziende che hanno costanti rapporti di lavoro con la Svizzera conoscere il tasso di cambio in tempo reale è molto importante e può avere un’influenza non da poco sulla propria bilancia commerciale import/export.

Poi ci sono ovviamente i vacanzieri, e non tanto quelli da “toccata e fuga”, la cui esosità del franco svizzero rispetto all’Euro può danneggiare relativamente e solo per il breve tempo della vacanza. Quanto quelli che in Svizzera ci vanno spesso in vacanza, hanno casa lì e la prediligono per passarci le proprie ferie.

Cambio Franco svizzero, si risparmia con carte?

Naturalmente, un’alternativa per pagare in Svizzera (o per avere dei franchi a disposizione) è quella di usare direttamente la carta di credito, di debito o il bancomat che la propria banca mette a disposizione quando si è correntisti. Oppure una carta prepagata, come una Postepay o una carta Paypal. Una opzione comoda, per non portare con sé troppi contanti. Che possono essere persi o derubati (anche se nel caso della Svizzera siamo di fronte al primo caso soprattutto).

Quando conviene usare le carte e quando il contante? In linea di massima, quando fate spesa in un negozio e volete pagare con carta o bancomat, se scegliete di pagare in euro il tasso di cambio lo fa la banca, in franchi svizzeri invece il commerciante. Meglio optare per il pagamento in euro e lasciar fare la conversione alla banca.

Invece, qualora vogliate prelevare denaro dagli sportelli bancomat in Svizzera, occorre tener conto che si potrebbero pagare delle commissioni:

  • in caso di bancomat, le commissioni sono comprese tra i 3 e i 4,5 franchi svizzeri
  • in caso di carta per prelevare denaro, le commissioni sono calcolate in percentuale sulla somma richiesta, con un minimo solitamente di 10 franchi

Meglio VISA o Mastercard? Diciamo che cambia poco, in quanto entrambi i circuiti sono molto diffusi nel paese elvetico.

Come fare trading cambio Franco svizzero/Euro

Le coppie valutarie possono dar vita anche ad un interessante trading speculativo. Che avviene su un mercato chiamato Forex, abbreviativo di Foreign exchange market, che tradotto sta per Scambio di valuta estera. Denominato anche FX o mercato valutario, si ha quando una valuta viene scambiata con un’altra.

Si tratta del più grande mercato del Mondo dal punto di vista delle transazioni, giacché ingloba gli scambi che intercorrono tra importanti istituzioni bancarie, banche centrali, speculatori valutari, imprese multinazionali, stati centrali e altri mercati finanziari ed istituzioni.

Il Forex peraltro è cresciuto esponenzialmente negli ultimi 10 anni, anche per la diffusione degli strumenti informatici a disposizione degli speculatori. Il Wall Street Journal stimò che dieci anni orsono il volume giornaliero degli scambi era di oltre 1000 miliardi di dollari, oggi è quadruplicato, arrivando a 4mila. I piccoli speculatori (chiamati trader retail) sono quindi una piccola percentuale. Seppur in crescita. Essi possono partecipare al Forex in maniera indiretta solo tramite broker (le piattaforme online) o tramite le banche. Nel primo caso occorre scegliere con oculatezza a chi affidarsi, in quanto non poche sono le piattaforme nate per fregare il prossimo (poi di seguito suggeriremo alcuni Broker). Nel secondo caso, può risultare comodo in quanto beneficereste dei servizi della banca presso cui siete correntisti. Ma le commissioni e lo spread risulteranno quasi sicuramente più alti.

Queste sono le caratteristiche principali del Forex:

  • unicità del volume degli scambi
  • mercato estremamente liquido
  • numero elevato e vario degli operatori attivi sul mercato
  • il decentramento geografico
  • la durata giornaliera degli scambi, che è praticamente di 24 ore al giorno. tranne i weekend
  • la varietà di fattori che influenzano i tassi di cambio

Come funziona il Forex? Mettiamo caso che il dollaro americano perda di valore rispetto all’euro. Un trader che opera nel forex trading venderebbe dollari americani ed acquisterebbe euro. Se l’euro acquista di valore nei confronti del dollaro, il potere di acquisto degli euro nei confronti del dollaro ovviamente aumenta. Quindi, il trader può comprare dollari con gli euro, e pertanto conseguirebbe un profitto. Proprio come si fa con le azioni. Le acquisto se presumo salgano di valore. Le vendo appena raggiungono un apprezzamento che ritengo importante.

Una valuta perde valore se la sua richiesta si riduce o per politiche arbitrarie di Banche centrali e/o governi nazionali. Proprio come fatto dalla Banca svizzera nazionale.

Dove scommettere sul Forex? La scelta migliore è affidarsi a Broker che siano regolamentati da organi di controllo sui mercati finanziari. In Italia abbiamo la Consob, in Europa il CySEC, in Gran Bretagna la succitata FCA. I Broker devono poi offrire vari servizi per essere classificati come validi:

b) Zero Commissioni e Spread basso: non prevede commissioni sulle transazioni accollate all’utente e uno Spread vantaggioso

c) Assistenza clienti: deve essere in italiano, disponibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Raggiungibile tramite chat integrata nella piattaforma, via mail e tramite numero di telefono

d) Formazione: l’utente deve poter scaricare ebook, partecipare a webinar (seminari online), partecipare a incontri annuali che in genere si tengono nelle principali città italiane, seguire corsi e-learning fruibile quando si vuole sulla piattaforma

e) News sul mondo della borsa: l’utente iscritto deve essere aggiornato costantemente sui fatti salienti che riguardano la borsa e su quelle notizie che, anche indirettamente, possono influenzarla

f) Accesso a Grafici chiari e comprensibili: il broker deve mettere a disposizione del trader grafici che ben raffigurano in modo chiaro l’andamento della borsa

g) Conto demo: il trader meno esperto deve avere a disposizione un Conto demo dove fare pratica al fine di perdere soldi virtuali e non veri in caso di errori

h) App per trading mobile: al fine di partecipare al Forex comodamente su dispositivi mobili. Quindi smartphone e tablet

i) Leva finanziaria: consente di moltiplicare i propri guadagni. Attenzione però. Come moltiplica i vostri guadagni, automaticamente può moltiplicare anche le vostre perdite

Ecco i Broker che ci sentiamo di suggerirvi per il trading Forex su coppie di valute:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY