Quali sono le banche migliori? Esistono banche a rischio?

banche

Esistono delle banche migliori e delle banche peggiori? I mass media ogni giorno ci bombardano di notizie più o meno positive. Basta pronunciare la parola Mps per scatenare timore nell’immaginario collettivo e un grafico con un trend decrescente. Considerata al collasso e tra le banche peggiori in circolazione è però sempre lì. Al massimo quello di cui ci si preoccupa di piu, sono i soldi dei risparmiatori.

Ma allora quali sono le banche a rischio?

Si parla di banche a rischio ed immediatamente ci si collegano le due paroline “bail-in” coniate nel dizionario e linguaggio italiano. Per chi non lo sapesse, detto molto semplicisticamente, il bail-in rappresenta una ipotetica situazione dove una banca a rischio collasso e in mancanza di liquidità, ripieghi su stessa e per non fallire inizi a prendere i soldi dei propri azionisti e risparmiatori, lasciando gli stessi con un pugno di mosche. Tornando dunque a noi, esistono banche a rischio? Qui ci si divide in due filoni: quelli che ad esempio pensano che banche come il Montepaschi sia destinata a crollare e chi dice che alla fine le banche non crollano mai. Questi ultimi soprattutto, non hanno tutti torti: avete presente i soldi trovati e stanziati nel rapidissimo decreto salva banche? Quando sono sull’orlo del precipizio, arriva sempre lo stato a salvarle. Lo stato o addiritturà Comunità come quella europea.banche migliori

Quali sono le banche migliori?

Tra le banche migliori ci sono quelle tedesche, perchè considerati ed effettivamente più ligi ed efficienti e sul panorama italiano nostrano ed anche europeo la Unicredit. C’è stato un periodo qualche mese fa in cui si vociferava il bail-in anche a tal proposito, ma che poi non si è assolutamente manifestato. Anzi, la banca ha chiusi gli ultimi trimestri col segno verde.

Banca Unicredit online

Unicredit ha anche un portale online, altamente performante, per tutti i suoi clienti. Basta farsi rilasciare le credenziali dalla propria filiale per accedervi, visionare tutte le ultime offerte, avere un bilancio e verificare tutte le entrate ed uscite con relative spese di gestione. Anche in questo caso Unicredit risulta tra le migliori banche online.
Stilare una classifica di banche migliori è difficile e politicamente scorretto, poichè essendo dei big influencer, ogni articolo o istituto demoscopico finirà per influenzare il campione d’analisi e quindi anche il risultato finale stesso. Una classifica però è stata fatta dalla Università Bocconi di Milano sulla base di 7 indici:

tre relativi alla patrimonializzazione: Cet1, Tier 1, Total capital ratio;
uno di redditività sul totale attivo: il margine d’interesse più il saldo da commissioni e altri ricavi
uno relativo all’andamento in Borsa nel 2015;
due ISC: l’indicatore sintetico del costo annuo che dà un prezzo di riferimento del conto corrente. Dai risultati emersi troviamo: al primo posto Intesa San Paolo, subito dopo segue Ubi Banca e Banco Popolare ancora dietro, in terza posizione.

Quali sono i fattori che ci aiutano a capire se una banca è sicura?

Ci vorrebbero dei fattori universali, ma anche quelli che più sono “gestibili” potrebbero cambiare da un momento all’altro a causa di un cambiamento politico che va ad influenzare i mercati (vedi ad esempio le notizie del calendario economico). L’andamento di una banca è un pò come il meteo, lo si può prevedere grazie a degli indizi, ma se la natura o in questo caso, le grandi mani che ci sono dietro, decidono di scatenarsi, allora ci sarà davvero poco da fare. Un esempio molto semplice, banale e per certi versi scontato è quello di andare a vedere lo storico del titolo quotato in borsa. Chiaramente ad un trend positivo o che rimane stabile in una certa zona, possiamo stare tranquilli, mentre se iniziamo a notare delle strane decrescita, allora sarà doveroso aumentare l’attenzione nei confronti della banca in questione. Un altro fattore è l’aggregazione tra più banche, come negli ultimi mesi abbiamo avuto a che fare con BPM e Banco Popolare, la cui fusione ha creato uno dei poli più importanti non solo in Italia ma anche in tutta l’Europa. Questi sono grossi momenti di crescita, sicurezza e stabilizzazione per un istituto bancario.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY