Progetto Iff: così la moda italiana viene venduta in Cina

Apertura di un canale distributivo nell’immensa Cina per 200 aziende italiane operanti nel settore moda. Questo è il cuore del progetto illustrato nei giorni scorsi a Milano dal gruppo cinese IFF, leader nel settore della supply chain dell’abbigliamento, che mira a diffondere le firme della moda italiana nel paese del Dragone.

Nonostante il rallentamento dell’economia cinese, nei primi mesi del 2015, la crescita dell’export di moda femminile made in Italy è stata del 30,4%, grazie anche al taglio dei dazi deciso dal governo di Pechino. E le previsioni sono molto positive, non solo per i grandi marchi ma anche per altre griffe di fascia medio-alta. Linda Tong, Ceo di IFF ha spiegato che la sua azienda sta “cercando marchi con collezioni e stili innovativi, prodotti di fascia medio alta ma ad un prezzo accessibile, capaci di interpretare i gusti e le esigenze di una nuova classe emergente di consumatori cinesi. Nei prossimi 10 anni questa fascia è destinata a passare da 300 a 600 milioni di consumatori, con la possibilità di comprare prodotti fashion di grande qualità al giusto prezzo”.
IFF intende, quindi, selezionare 200 firme italiane da distribuire in otto shopping mall diffusi in tutto il paese: Pechino, Shanghai, Shenzhen, Changsha, Hangzhou, Wuhan, Shengyang e Xiamen. La prima apertura è prevista a Shanghai nel gennaio 2016. I capi verranno venduti anche all’ingrosso e attraverso una piattaforma internet.

Il progetto, nato dalla partnership tra IFF, società di Hangzhou, la Penta di Hong Kong, la SRE di Singapore e i fratelli Giacomo ed Enrico Garduni, offre canali consolidati, apertura di negozi monomarca a costo zero, ordini minimi pari a 500mila euro l’anno, monitoraggio delle vendite in tempo reale e registrazione del marchio. Le imprese italiane, per poter entrare a far parte del progetto, non devono essere già presenti in Cina e non devono fare alcun investimento; devono quindi firmare contratti di fornitura della durata di 5 anni, garantire l’esclusiva di distribuzione sul territorio cinese e fornire la merce a partire da febbraio 2016.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY