Prezzo Greggio in calo dai Massimi a 3 Mesi in area 40 dollari

Dopo aver riacciuffato i 40 dollari al barile, il prezzo del petrolio WTI inverte rotta, lasciando sul terreno quasi 8 punti percentuali rispetto alla precedente chiusura settimanale. Le quotazioni del greggio si sono infatti spinte fino ad un top intraday a quota 40,44 dollari, toccando il massimo dalla prima settimana dello scorso Marzo, per poi concludere la seduta di Venerdì 12 Giugno a quota 36,48 dollari, in recupero dal minimo a cinque sedute toccato a 34,48 dollari.

Prezzo del greggioL’allungo si massimi a tre mesi oltre area 40 dollari è arrivato grazie alla decisione dei Paesi produttori che fanno parte del cosiddetto OPEC Plus di estendere i nuovi tagli alla produzione fino alla fine del prossimo Luglio. In Aprile, in piena emergenza coronavirus, per porre fine al crollo del prezzo del barile, l’OPEC e gli altri produttori con capofila la Russia hanno deciso di dara una sforbiciata alla produzione per -9,7 milioni di barili al giorno, ovvero il 10% delle forniture globali.

A pesare sulle quotazioni, invece, avrà senz’altro influito il rapporto sulla domanda globale nel 2020, elaborato da JP Morgan, che prevede una contrazione delle richieste di petrolio per 9 milioni di barili al giorno, assestandosi a 91 milioni di barili giornalieri. Per la banca d’affari statunitense soltanto a Novembre 2021 si arriverà ad una domanda pre-Covid, pari a 100 milioni di barili al giorno. JP Morgan ha inoltre fotografato il cambiamento dei modelli di consumo, mutati con gli incentivi per il risparmio energetico e l’energia verde, nonché per l’aumento dell’utilizzo di veicoli elettrici. A farne le spese sarà principalmente lo Shale Oil statunitense, la cui produzione decrescerà in modo notevole nel periodo 2020-2030. Le stime scenderanno dai 17 milioni pre-Covid a 11 milioni a fine decennio.

Greggio giù dopo l’inatteso aumento delle scorte di materia prima Made in USA. Secondo le stime targate EIA (Energy Information Administration) nel corso dell’ottava terminata il 6 Giugno gli stock sono aumentati di circa 5,7 milioni di barili, contro un’aspettativa di un calo 1 milione di barili. Crescita tuttavia inferiore al +8,4 milioni di barili indicato dall’API (American Petroleum Institute). In aumento di circa 0,9 milioni di unità le riserve di benzina, a dispetto di una contrazione di 0,3 milioni di unità da parte degli analisti (API -2,9 milioni); mentre le scorte di distillati sono aumentate di 1,6 milioni di unità, contro l’aumento di 3,4 milioni di unità delle attese (API +4,3 milioni).

Attualmente la soluzione migliore per fare trading sulle materie prime è quella di sfruttare le piattaforme CFD. Ad esempio una ottima è quella del broker ForexTB. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento Prezzo Petrolio sul Breve-Medio Periodo

Quadro tecnico di brevissimo incerto per il prezzo del WTI, che a fine ottava ha chiuso gli scambi sotto il primo supporto rappresentato dalla media mobile a 10 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico giornaliero), che transita in area 36,95 dollari.

Sul breve-medio periodo, invece, la struttura tecnica continuerà ad essere impostata al rialzo finché le quotazioni si manterranno al di sopra delle medie mobili a 25 e 50 giorni (rispettivamente la linea mediana e la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che si collocano a 33,50 e 31,25 dollari.

Persa EMA 50, in chiusura daily o peggio ancora settimanale, sarà possibile rivedere nel medio periodo la fascia di prezzi 25-28 dollari. Sopra area 40 dollari, in chiusura settimanale, possibili ulteriori allunghi in area 45-48 dollari.

Modello di Trading sul Petrolio – WTI – Valido da 1 a 5 Giorni

Il modello di trading Long si attiva con chiusura oraria oltre quota 36,53$ e consiglia di prendere i primi profitti a quota 37,13 e 37,50 dollari; stop loss in caso di discesa sotto quota 36,15$.

Mantenere o sovrappesare le operazioni rialziste in caso di break-out orario di quota 37,50$, per cercare di approfittare di eventuali allunghi in prima battuta a quota 37,87$ e successivamente a quota 38,10$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto 36,48$ in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni Long in caso di estensioni al rialzo sopra quota 38,10$ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori balzi in area 38,71 e 39,34 dollari, estesi in area 40,37$; stop loss in caso di ritorno sotto 37,50$ in close orario.

Suggeriti acquisti sulla debolezza in caso di affondo in area 31,73$, per tentare di sfruttare eventuali rimbalzi in prima battuta a 32,99$ ed in secondo luogo a 33,52$, estesi in area 33,87$; stop loss in caso di possibili flessioni sotto quota 31$ in chiusura daily.

Il modello di trading Short, invece, prende forma con chiusura oraria minore di quota 36,15$ e fissa i primi due obiettivi in area 35,57 e 34,99 dollari; stop loss in caso di recupero sopra 36,53$ in chiusura oraria.

Mantenere o incrementare le posizioni corte in caso di discesa sotto quota 34,99$ in chiusura di candela oraria, per tentare di ricoprirsi in primo luogo a quota 34,42$ e successivamente a quota 33,87$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sopra quota 36,15$ in close orario.

Si consiglia insistere con nuove posizioni Short in caso di flessione sotto quota 33,87$ in chiusura di candela oraria, per sfruttare eventuali cali in area 33,52 e 32,99 dollari, estesi in area 31,73$; stoppare le operazioni in caso di recupero oltre quota 34,48$ in close orario.

Short speculativi in caso di allungo in area 40,37$, per approfittare di eventuali prese di profitto prima a 39,34$ e successivamente a 38,71$, estese in area 38,10$; stop loss con close daily sopra quota 41,50$.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here