Prezzo benzina in aumento: ritorna ai massimi del 2015

Dopo il forte rincaro dei prezzi della benzina avvenuto nell’estate del 2015 al quale è seguito un periodo di stabilità, tornano a salire in tutta la penisola. I tagli alla produzione del greggio previsti per il 1° gennaio 2017 risultati dall’accordo Opec-non Opec hanno già dato i primi risultati: aumento di 2 cent sul prezzo di benzina e diesel di Eni, TotalErg aumenta di 0,5 cent, QW8 ha aumentato i prezzi di 1,5 cent, mentre Tamoil e Ip di 0,7 cent, toccando nuovamente i massini del 2015.

benzina

In dettaglio

Stando a quanto riportato da Quotidiano Energia il quale riporta i comunicati dei gestori all’Osservaprezzi Carburanti del Mise, il prezzo medio della benzina in modalità self service è di 1,459 euro/litro, altri marchi invece variano da 1,494 a 1,513 euro/litro. Il diesel invece che aveva un prezzo medio di 1,346 euro/litro è passato a 1,369 euro/litro.

Per quanto riguarda il servito il prezzo è di 1,611 euro/litro con gli impianti colorati che passano da 1,575 a 1,687 euro/litro, la media del diesel è di 1,463 euro litro, infine il Gpl va da 0,565 a 0,584 euro litro.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY