Previsioni settimana Forex 9 – 13 dicembre 2013

forex-9-13-dicembre

La coppia EUR / USD ha goduto del clima di calma in Europa per spingersi più in alto. Il Germania Trade Balance, la produzione Industriale così come l’ECOFIN e le riunioni dell’Eurogroup sono gli eventi principali di questa settimana.

L’ECB (European Central Bank) ha lasciato la policy immutata in linea con la previsione di mercato della settimana scorsa e inoltre ha mantenuto una quota estremista dopo che il Presidente Mario Draghi ha annunciato nella sua conferenza stampa che i cheap money continueranno a fluire e le key rate rimarranno basse per un lungo periodo di tempo. L’ECB addirittura ha promosso marginalmente la sua previsione di crescita per il 2014.

German Trade Balance. L’eccedenza commerciale in Germania si è espansa più di quanto si pensasse a settembre, raggiungendo 20.4 miliardi euro (27.4 miliardi di dollari) da un riveduto di 13.3 miliardi di euro ad agosto. Gli economisti avevano previsto un aumento più piccolo pari a 17.2 miliardi di euro; le forti esportazioni della Germania oscurano gli altri paesi dell’area euro che elevano la critica alle sue eccedenze che impediscono la crescita europea e globale. La Fmi ha già ripreso la Germania, esortando il governo del Cancelliere Angela Merkel a limitare la sua eccedenza di esportazione ad una percentuale adatta per aiutare i partner dell’euro a tagliare il proprio deficit.

Riunioni di Eurogroup. Le riunioni di Eurogroup avverranno a Bruxelles e ad essere parteciperanno il Presidente di Eurogroup, i Ministri delle Finanze degli Stati membri dell’area, il Commissario per gli affari economici e valutari ed il Presidente della Banca Centrale europea. La riunione corrente non includerà il problema greco da quando la Grecia ha fatto progressi nel settore finanziario e nelle riforme economiche.

Produzione industriale tedesca. La produzione industriale tedesca è scesa a settembre, segnale che la crescita tedesca ha perso qualcosa nel terzo trimestre. La produzione ha perso lo 0.9% che segue un riveduto guadagno del 1.6% ad agosto. Gli economisti si aspettavano un piccolo aumento dello 0.2%. L’economia ha guadagnato un punto percentuale, ma nonostante il recupero fragile gli economisti credono comunque che l’economia teutonica sia stabile per poi espandersi nei prossimi mesi.

Produzione industriale francese. La produzione industriale francese è scesa a settembre dello 0.5%, soprattutto “a causa” del settore dell’automobile ed delle industrie raffinerie. La lettura deludente ha seguito un guadagno dello 0.7% ad agosto ed è arrivata come una sorpresa per gli analisti che si aspettavano un aumento dello 0.4%.

Produzione industriale italiana. La Produzione industriale italiana è aumentata dello 0.2%, più bassa rispetto al trimestre precedente, decimo ribasso stagionale e secondo consecutivo.

Riunioni di ECOFIN Eurozone. Il quorum discuterà di una serie di problemi finanziari, soprattutto di come l’euro possa sostenere i meccanismi e le finanze dei governi. La Riunione di Ecofin corrente includerà le sistemazioni di backstop che dovevano essere stabilite più tardi nel corso di quest’anno.

Foto originale by epSos .de

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY