Previsioni Ethereum 2019: cosa dicono gli esperti e come investire

Quali sono le previsioni su Ethereum nel 2019? Cosa dicono esperti su previsioni Ethereum 2019?

Ethereum viene considerata la regina degli altcoin. Termine con il quale sono definite le criptovalute alternative al Bitcoin. Ethereum, infatti, a parte un breve periodo di inizio 2018 quando fu sostituita da Ripple in questo ruolo, è sempre stata al secondo posto per capitalizzazione di mercato.

Non si tratta solo di una criptovaluta, ma anche di un ecosistema vero e proprio parallelo a quello tradizionale basato sugli smart contracts. Contratti digitali adattabili ad ogni settore commerciale. Una autentica rivoluzione che apre grandi scenari.

Ma oltre ad essere una moneta digitale e un sistema economico vero e proprio, Ethereum è anche un asset sul quale è possibile fare trading mediante i CFD.

Di seguito vediamo in breve cos’è Ethereum, quali sono le previsioni per il 2019 e come investire su questo asset dalle grandi potenzialità. Ricordando però che le previsioni sono tali e non sono la verità assoluta. Sono elaborate da esseri umani, i quali, per quanto esperti possono essere, sono comunque fallibili.

Anzi, chi vi dice di avere previsioni infallibili, vuole solo fregarvi. Non vi fidate di quelle piattaforme di trading che vi promettono di farvi diventare milionari senza avere alcuna esperienza di trading. Vi chiedono solo soldi che perderete. E dei quali non potrete più rientrare in possesso neanche dietro denuncia, visto che queste piattaforme sono gestite da società con sede nei Paradisi fiscali. Chiamati tali proprio perché forniscono copertura sulla privacy.

Tuttavia, conviene sempre denunciare al fine di rendere noto alle autorità competenti certe furbate a danno di utenti in buona fede.

Detto ciò, vediamo tutte le informazioni utili per investire su Ethereum. Attualmente la migliore piattaforma per investire su Ethereum è quella regolamentata di 24option (clicca qui per il sito ufficiale). Ma procediamo con ordine.

Ethereum cos’è

Cos’è Ethereum? Ethereum è stato proposto per la prima volta alla fine del 2013, in un sabato sera di dicembre durante un Forum sulle criptovalute al quale partecipò un 21enne: Vitalik Buterin. Quel russo naturalizzato canadese (paese nel quale si trasferì a soli 6 anni con la famiglia) mostrò con entusiasmo la sua rivoluzionaria idea: creare una criptovaluta simile al Bitcoin, ma che sia qualcosa di più: un autentico sistema economico, che superi la lentezza delle sue transazioni e che sia davvero decentralizzato.

Quattro anni prima, Vitalik Buterin aveva già co-fondato una rivista sul mondo Bitcoin: Bitcoin Magazine.

Nel 2015 fu lanciata una ICO che ne permise il lancio definitivo. Sebbene il team iniziale perse qualche pezzo riguardo la discussione se Ethereum dovesse essere a pagamento o open source.

Il prodotto finale ha fatto sì che la piattaforma Ethereum abbia migliaia di computer indipendenti che la eseguono il che significa che è completamente decentrata, Una volta che un programma viene implementato sulla rete Ethereum, questi computer, noti anche come nodi, si assicureranno che venga eseguito come scritto. L’obiettivo di Ethereum è quello di decentralizzare veramente Internet.

Ethereum consente alle persone di connettersi direttamente tra loro senza un’autorità centrale che si occupi delle cose. È una rete di computer che insieme si combinano in un potente supercomputer decentralizzato.

La bontà di questo progetto è rimasta solida negli anni. Anche quando si sono verificati pesanti attacchi Hacker o quando si è verificata l’Hard Fork che ha prodotto la nascita di Ethereum Classic. Una sorta di “clone” della criptovaluta di Buterin, che ha permesso a tutti i suoi investitori di “duplicare” letteralmente i propri fondi. Dopo la creazione di Ethereum Classic sono stati accreditati loro di diritto altri 8 Ethereum Classic.

Ethereum come funziona

Come funziona Ethereum? Il suo linguaggio di programmazione si chiama Solidity, utilizzato per creare i cosiddetti Smart contracts. Gli sviluppatori di Ethereum scrivono le condizioni per il loro programma o Dapp e poi la rete Ethereum la esegue. Si chiamano contratti intelligenti perché trattano tutti gli aspetti del contratto: applicazione, gestione, prestazioni e pagamento.

Facciamo il banale esempio di pagare l’affitto tramite smart contract: il proprietario non ha bisogno di raccogliere attivamente i soldi da me. Il contratto stesso “sa” se il denaro è stato inviato. Se avrò effettivamente inviato il denaro, allora potrò aprire la porta del mio appartamento. Se ho interrotto il mio pagamento, sarò bloccato.

Certo, un contratto intelligente dovrebbe prendere in considerazione anche altri fattori: come le circostanze attenuanti, lo spirito con cui è stato scritto il contratto ed eventuali eccezioni se giustificate. In altre parole, si comporterebbe come un vero giudice. Invece, segue le regole rigidamente.

Ancora, una volta implementato uno Smart contract sulla rete Ethereum, non può essere modificato o corretto, anche dal suo autore originale. È immutabile. L’unico modo per cambiare un contratto intelligente sarebbe quello di convincere l’intera rete Ethereum (cioè tutti i computer che partecipano in tutto il mondo) che un cambiamento dovrebbe essere fatto.

Ma ciò è praticamente impossibile. Questo crea un problema molto serio poiché diversamente da Bitcoin, Ethereum è stato costruito con la capacità di creare contratti davvero complessi, e i contratti complessi sono molto difficili da proteggere.

Ma forse, è la traduzione letterale che diamo a Smart contract ad essere fuorviante: contratto intelligente. Il che implicherebbe anche il riconoscimento di attenuanti ed eccezioni come l’esempio suddetto imporrebbe.

Etheruem è stata oggetto di importanti implementazioni. L’introduzione di Ethereum consta di 4 fasi.

Il primo, noto come Frontier, è stato implementato nel 2015. Il secondo aggiornamento, chiamato Metropolis, comprende due fasi: Bisanzio (2017) e Costantinopoli, che è stato programmato per ottobre 2018. Ma a causa delle vulnerabilità del sistema rimandate al primo trimestre del 2019.

Secondo Vitalik Buterin, Costantinopoli ha portato i seguenti cambiamenti alla tecnologia di Ethereum: aumento della velocità e produttività della blockchain a causa dell’introduzione dei meccanismi di commutazione Bitwise, un calo del consumo energetico della rete, la ricompensa dei minatori sarà ridotta a due ETH anziché tre.

Al momento la vulnerabilità della piattaforma non consente agli sviluppatori di introdurre l’algoritmo Proof of Stake ma questo spostamento verrà implementato in seguito.

Ethereum previsioni 2019

Quali sono le previsioni su Ethereum per il 2019? ATKearney, una delle prime società di consulenza a livello mondiale, ha recentemente pubblicato un rapporto di analisi che prevede che entro la fine del 2019 gli altcoin saranno fortemente dominati da Bitcoin in termini di capitalizzazione di mercato. E ridurranno significativamente il prezzo della maggior parte di essi.

La stima negativa è fatta da Tim Enneking, responsabile del Digital Capital Management, che vede un aumento del prezzo come “improbabile” poiché non vi è alcun motivo per raddoppiare il costo di Ethereum. Pertanto, il 2019 potrebbe essere promettente per altre valute digitali in grado di superare l’ETH.

Tuttavia, altri esperti sono più ottimisti riguardo al futuro di Ethereum. Ad esempio, Joseph Raczynski, innovatore e fondatore di numerose società, compresa la società di consulenza tecnologica JoeTechnologist.com, ritiene che il prezzo ETH raggiungerà $ 1200 entro quest’anno, tenendo conto che il 2019 porterà alcuni cambiamenti positivi nella rete Ethereum che influenzerà positivamente il suo prezzo.

Thomas Lee, managing partner e responsabile della ricerca presso Fundstrat Global Advisors, mostra un certo ottimismo sui cambiamenti nella rete Ethereum che aumenterebbero il prezzo della moneta fino a $ 1900, in quanto le principali vulnerabilità saranno risolte e nuovi investimenti saranno flusso.

Un’altra previsione ancora più ottimistica è stata fatta dal gruppo deVere che offre servizi di consulenza finanziaria a numerose società in tutto il mondo. Nigel Green, CEO del gruppo, ha recentemente affermato che il prezzo di Ethereum potrebbe salire a $ 2500 entro la fine di quest’anno.

Egli spiega tale previsione ottimistica con l’aumento costante dell’uso del cloud computing e degli smart contracts insieme all’emergere di nuove criptovalute. Una previsione un po’ più umile viene fatta da una comunità di operatori commerciali. Gli esperti parlano di Ethereum che rimane a $ 650 durante l’anno e toccherà $ 900 entro la fine del 2019.

Come si evince da quanto detto, non esiste una unanimità delle previsioni, proprio perché le criptovalute sono altamente volatili e imprevedibili. Sebbene la maggioranza di esse sostiene che Ethereum salirà di prezzo grazie alle implementazioni che dovrebbero migliorare il sistema entro il 2019.

Investire in Ethereum con 24option

Un ottimo modo per investire in Ethereum è farlo mediante i CFD. Acronimo di Contract For difference, contratti finanziari che permettono di investire su una pluralità di asset col vantaggio di non doverli possedere direttamente. Si pensi quindi alla grande comodità di ciò. Investire per esempio in azioni, senza dover essere azionisti di una società. Investire in metalli preziosi o materie prime, senza doversi fare carico di possederli data la loro materiale scomodità. O di investire appunto in criptovalute, monete digitali immateriali, sfruttando la loro potenzialità di asset volatile.

I CFD sono offerti dai Broker, che vanno scelti con oculatezza per i motivi di cui sopra. Uno dei più validi è senza dubbio 24Option.

24Option sta diventando molto noto in Italia anche per il suo essere sponsor della Juventus. La squadra più titolata del nostro Paese.

Questo Broker offre una pluralità di servizi. Ma vogliamo soffermarci su due in particolare: la formazione gratuita che offre, mediante Conto demo, per la parte pratica, ed eBook scaricabili per quella teorica. Questi, come noto, sono libri digitali e 24Option ne offre due tipologie: scaricabile, così da averlo comodamente sul proprio device. E interattivo, da utilizzare sulla stessa piattaforma. Un modo per imparare il trading in modo ancora più coinvolgente.

Altro servizio di 24Option su cui vogliamo soffermarci è quello dei segnali di trading. Ritenuti molto efficaci da tanti addetti ai lavori. Ciò in quanto 24Option collabora con una società esterna chiamata Training Central, i cui esperti elaborano raffinate previsioni di trading che sono poi inviati agli utenti di 24Option (clicca qui per scoprire il servizio) che vogliono usufruirne per di più gratuitamente.

Investire in Ethereum con eToro

Altro Broker che vale la pena segnalare per investire in Ethereum è eToro. Il quale ha ormai superato i 10 milioni di utenti, grazie al fatto che negli anni ha introdotto sempre nuovi servizi accattivanti. Mai cullandosi sugli allori. Ultimo esempio, la rimozione delle commissioni per chi fa trading su azioni ed ETF nei Paesi dell’Unione europea.

Etoro offre dei servizi unici, che solo di recente altri Broker hanno tentato di copiare con poco successo.

Su tutti, il Social trading, una sorta di Community per scambiarsi opinioni tra utenti. Nonché consigli. Ha il vantaggio, rispetto ai normali Forum sulle criptovalute, che non ci troverete profili fake di gente in cerca di affiliazioni, falliti che vogliono scoraggiare gli altri o falsi esperti che vi rovineranno.

Altro servizio molto utile è quello del Copy trading (che sulla piattaforma viene chiamato CopyTrader), che ti consente di copiare automaticamente i trader di tua scelta, replicando quello che fanno nei loro account. In questo modo, potrai già guadagnare pur essendo un neofita del campo. Ovviamente, anche i trader copiati ci guadagnano a loro volta.

Per scegliere i trader da copiare, basta dare un’occhiata tra i Popular trader, dei quali sono presentate le statistiche dei loro guadagni.

Altro interessante servizio offerto da eToro è il CopyPortfolio, il quale, rispetto al primo, consente di copiare interi panieri selezionati in automatico da algoritmi supervisionati da un team di esperti.

Si dividono in 2 tipologie:

a) Top Trader Copyportfolios, per copiare un insieme di trader con le prestazioni migliori

b) Market Copyportfolios, che riuniscono CFD di più asset che hanno in comune una strategia di mercato

Per saperne di più su eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Questo contenuto è da intendersi per fine educativo e non dovrebbe essere considerato come alcun consiglio di investimento.
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY