Prestito d’onore: cos’è, come funziona e requisiti

Per i giovani studenti che sono alla ricerca di un prestito per finanziare il proprio percorso di studi e di formazione post Lauream o di specializzazione, il Prestito d’onore rappresenta il migliore prodotto creditizio che si può richiedere.

Prima di sottoscrivere un contratto di prestito d’onore, occorre sempre conoscerne i dettagli contrattuali, la modalità di funzionamento, i requisiti per ottenerlo, cos’è il prestito d’onore, quali sono i requisiti per ottenerlo, come funziona e le finalità per le quali si ricorre a questa forma di credito.

Cos’è e come funziona il prestito d’onore

Come già introdotto il prestito d’onore è una forma di credito conosciuta come prestito basato sulla fiducia che viene erogato ai giovani studenti universitari laureati o laureandi per finanziare il proprio percorso di studi e di specializzazione post universitaria (Master, Dottorato di Ricerca, Corso di Perfezionamento, etc.)

Infatti, i principali soggetti destinatari di questa forma di credito sono tutti coloro che di fascia d’età compresa tra i 18 e i 35 anni: il capitale finanziario che viene erogato è suddivisibile in due componenti (50% della quota a fondo perduto e l’altro 50% è costituito da un prestito personale a tasso agevolato).

In un periodo di grave crisi economica ed occupazione molti giovani prediligono sempre più spesso trasferirsi all’estero per completare il proprio ciclo di studi e per conseguire il più alto titolo accademico di Dottore di Ricerca universitaria.

La condizione di precarietà dei Dottorandi e degli Specializzandi dovuto al “taglio” di risorse economiche e finanziarie da parte dello Stato e del MIUR spinge i giovani a richiedere prestiti pensati e studiati dalle banche per finanziare proprio la formazione e il merito “scolastico” dei ragazzi.

Si tratta di un prestito basato sulla fiducia del giovane che, una volta completato il ciclo di studi, una volta iniziata la carriera professionale potrà rimborsare finalmente le rate del prestito.

Grazie al prestito d’onore è possibile vedersi erogato un capitale che consente di coprire le spese di formazione e di investimento sul capitale umano. Solitamente, sono proprio gli atenei universitari o i Politecnici che siglano Convezioni con banche locali o nazionali per garantire il prestito del giovane.

Prestito d’Onore: Requisiti per ottenere il finanziamento agevolato

Trattandosi comunque di un prestito, questa tipologia di finanziamento concesso ai giovani richiede il possesso di una serie di requisiti ascrivibili ai seguenti:

  • età anagrafica dai 18 ai 35 anni;
  • essere residenti in Italia da almeno 6 mesi;
  • status di studente neo laureato o laureando;
  • iscrizione ad un Ateneo universitario italiano o Politecnico;
  • se cittadino extracomunitario è necessario essere in possesso di carta o di permesso di soggiorno.

Si ricorda che in questo ultimo caso, la carta o il permesso di soggiorno devono avere come validità almeno un anno dal momento di richiesta del prestito d’onore.

Prestito d’Onore: a chi rivolgersi

Il richiedente di un prestito d’onore potrà iniziare a rimborsare il Prestito dopo aver conseguito il titolo accademico auspicato e dopo aver reperito un posto di lavoro che garantisca la solidità patrimoniale e finanziaria nel rimborsare le rate del finanziamento contratto alla banca erogatrice del credito.

Molte banche sono convenzionate con Atenei universitari italiani per concedere questa forma di prestito con garanzia: Unicredit Banca è una delle migliori a cui rivolgersi per richiedere il Prestito Unicredit Ad Honorem.

Prestito Unicredit Ad Honorem: scheda del prodotto

Si tratta di uno dei migliori prestiti d’onore da valutare sul mercato creditizio se si vuole beneficiare di questa tipologia di prestito sul mercato creditizio. Per Unicredit la formazione dei giovani è al centro della sua attenzione.

Per tutti i giovani studenti residenti in Italia di cittadinanza comunitaria e extracomunitaria è data la possibilità di richiedere una linea di credito in conto corrente UniCredit di importo massimo pari a 27.700€ per un periodo variabile a seconda del corso di studi.

Una volta concluso l’iter studiorum e conseguito il tanto “sudato” titolo di Dottore o di Dottoressa, l’ammontare del capitale utilizzato insieme agli interessi maturati viene trasformato in prestito personale.

In buona sostanza, alla fine degli studi si può fruire di un “periodo di grazia“, per la durata massima di 2 anni, prima di iniziare a rimborsare il prestito e durante il quale non maturano ulteriori interessi oppure, in alternativa, iniziare a rimborsare il prestito da un minimo di 12 mesi ad un massimo di 180 mesi.

Tra i requisiti richiesti per poter presentare istanza richiesta di prestito occorre essere iscritti presso Università e Scuole di Formazione convenzionate che possono accedere ai finanziamenti su indicazione delle stesse:

  • Atenei Piemontesi COREP
  • ER.GO – Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori
  • Johns Hopkins University
  • MIB School of Management Trieste
  • MIP Politecnico di Milano
  • Università di Bologna
  • Università Bocconi di Milano
  • Università Luiss di Roma

Per quanto concerne la documentazione da presentare si ricorda che occorre presentare documentazione anagrafica del soggetto richiedente (documento d’identità in corso di validità e codice fiscale) e lettera di richiesta prestito inviata dalla Banca. L’accredito del capitale finanziario richiesto avviene direttamente sul conto corrente dell’istante.

LEAVE A REPLY