Premium, sempre più vicino l’accordo tra Mediaset e Sky

Dopo la trattativa fallita con la società francese Vivendi e la scalata di quest’ultima al capitale di Mediaset, stando a quanto è stato ricostruito dal Sole 24 Ore, sembra ormai prossimo l’accordo tra il Biscione e il colosso Sky per la cessione di Premium.

I tentativi precedenti di vendita, falliti per via del prezzo richiesto, sono sempre più allineati, tuttavia se la soluzione alla cessione di Premium è ormai certa, dall’altro lato tra Fininvest e Vivendi non si sblocca la situazione di stallo.

Sky e Mediaset

L’interesse di Sky per Mediaset Premium non è mai stato un mistero, prima dell’inizio delle trattative con Vivendi, erano avvenuti contatti concreti tra le due parti per poi essere cadute nel nulla per via del disaccordo sul prezzo di vendita.

Dopo l’affondo nel capitale del gruppo televisivo italiano, il quadro è tuttavia cambiato infatti il pacchetto del 28,8% nel capitale della società ha svincolato Mediaset da qualsiasi possibile ripercussione sul fronte della cause avviate.

Mediaset punta alla rapidità

Mediaset pare essere interessata ad accelerare i tempi legati alla cessione di Premium, l’accordo servirebbe al Biscione per far scattare la “passivity rule” nel caso in cui Vivendi decidesse di lanciare un’offerta pubblica di acquisto. La regola imporrebbe agli azionisti della società e al management di non mettere in atto delibere societarie pregiudiziali fino al buon esisto della stessa, tuttavia la vicenda sembra ancora lontana dalla soluzione.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY