Precari: Nuovi criteri di assunzione con il Piano Madia

Il Piano Madia per le assunzioni straordinarie dei precari nella Pubblica Amministrazione inizia a prendere forma.

L’intervento Madia nel pubblico impiego tenta di rispondere ai richiami dell’Europa, che da tempo sollecita l’Italia ad intervenire sull’abuso dei rinnovi dei contratti a termine, tra le novità del piano faranno parte anche le misure straordinarie per la tutela dei lavoratori a tempo determinato già inseriti nella P.A.

Nuovi requisiti di assunzione nella Pubblica Amministrazione

Nel piano straordinario è previsto un doppio intervento: da un lato darà la possibilità di trasformare il rapporto di lavoro da determinato a fisso per i lavoratori già impiegati in una data amministrazione, selezionato tramite concorso, dall’altro l’apertura di bandi attraverso i quali almeno il 50% dei posti siano destinati al personale interno precario e coprirà il triennio che va dal 2018 al 2020.

Manca ancora però definire il periodo in cui far decorrere i tre anni previsti nel piano, da alcune fonti sindacali viene indicato il 2018 facendo partire il conto dal 2013, resta ancora dunque da sciogliere il nodo entro cui far rientrare l’anzianità minima.

Il Piano Madia verrà comunque definito insieme ai sindacati di settore, convocati nella giornata odierna.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY