Polizza vita, qual è migliore? Opinioni e recensioni sulle alternative

Qual è la migliore Polizza vita? Come scegliere la migliore Polizza vita? Quali sono le migliori alternative di una Polizza vita? Dove trovare migliori recensioni ed opinioni su una Polizza vita?

Polizza vita cos’è

Cos’è una assicurazione sulla vita? Si tratta di un contratto mediante il quale viene garantito, a seconda dei casi, un capitale o un rimborso in denaro.

In parole povere, si pattuisce una somma di denaro di cui si può usufruire qualora ci si venga a trovare, per varie cause (morte prematura, malattia grave, invalidità permanente), in serie difficoltà economiche. Che rendono difficile affrontare il quotidiano.

La Polizza vita fa sì che si possa garantire a se stessi o ai propri cari, un determinato importo in caso di determinati eventi imprevedibili e infausti.

In diritto, la Polizza è dunque un documento che dà vita ad un contratto di assicurazione. Comprova pertanto l’esistenza di un contratto assicurativo.

La polizza assicurativa ha origini remote, sebbene un tempo si usava maggiormente il termine premio. Il quale però assumeva più i connotati di una scommessa.

Nella società di diritto contemporanea, diventa un moderno (e lucrativo) atto economico mediante la tecnica “assuntiva”. Riferendosi con ciò ai rischi omogenei in esso insiti. Pertanto, l’assicuratore si avvale di tabelle di probabilità statistica e attuariale, che permettono di calcolare il premio (vale a dire la tariffa) per ciascun tipo di evento.

In questo modo, si garantisce all’impresa assicurativa un esercizio (statisticamente) vantaggioso del singolo ramo (danni, vita, incendio, ecc.).

Polizza vita come funziona

Come funziona un’assicurazione sulla vita? La società assicurativa eroga un capitale precedentemente pattuito ai beneficiari indicati sul documento, il cui nominativo pure viene pattuito in fase di stipulazione, in seguito alla morte dell’assicurato. Purché essa accada nel periodo di validità del contratto, che può essere annuale o poliennale, a seconda di quanto stabilito nel contratto.

Alcune polizze vita prevedono anche che il soggetto assicurato ceda a terze parti la titolarità dei diritti del contratto assicurativo. Al fine di ottenere un anticipo di liquidità (definita in gergo esigenza di reddito), all’atto di vendita e in forma di rata mensile del risarcimento. Rivalutata annualmente.

Una assicurazione sulla vita è pure il sottostante di strumenti derivati, chiamati Life Settlement Backed Securities (noti con l’acronimo LFBS). Così facendo, La polizza viene cartolarizzata emettendo obbligazioni.

In Italia, la Polizza vita è regolata dall’articolo 1882 del Codice civile, che asserisce che si tratti di un documento mediante il quale colui che eroga il servizio, l’assicuratore, verso il pagamento di un premio, si obbliga a

rivalere l’assicurato. Colui che sottoscrive il contratto. Il tutto, entro i limiti convenuti.

Nel caso di una polizza vita, la legge riporta la dicitura “un evento attinente alla vita umana”. Che può essere la morte o la sopravvivenza ad una prestabilita data.

Polizza vita conviene?

Conviene stipulare una assicurazione sulla vita? In linea di massima, conviene sempre. In quanto consente di ricevere assistenza mediante un sostegno economico. E quindi di poter far fronte ad imprevisti come spese mediche sopraggiunte o un infortunio.

Inoltre, potrebbe accadere di ritrovarsi in uno stato sopraggiunto grave infermità o perdita dell’autosufficienza.

In genere conviene a quelle famiglie dove c’è un solo reddito, con figli a carico non economicamente autosufficienti. In genere, è consigliabile pure stipulare queste polizze in concomitanza con la stipula di un mutuo.

Polizza vita tipi

Quali e quanti tipi di assicurazione vita ci sono? Manco a dirlo, tanti. Anche questo settore è diventato altamente concorrenziale e grosso modo quasi tutte le banche più importanti prevedono di stipulare dei contratti del genere.

Diciamo comunque che ad oggi le grandi famiglie alle quali ascrivere le assicurazioni sulla vita sono 2:

  • temporanea
  • vita intera

Il primo tipo, chiamato in modo più esteso polizza sulla vita Temporanea Caso Morte, permette di assicurare un capitale a tutti i tuoi cari per un periodo di tempo prestabilito. Al termine del quale il contratto si riterrà concluso.

Ciò significa che il premio sarà dato ai beneficiari solo nel caso in cui la morte avvenga in un determinato periodo di tempo, passato il quale il contratto perde efficacia. Può essere adatto ad esempio per chi sta combattendo una terribile malattia e non sa se ne uscirà vincitore. Oppure per chi ha subito pesanti invalidità e vede il proprio futuro incerto.

Quindi, vuole assicurarsi che nel caso in cui accada qualcosa nella fase più acuta, i suoi cari possano beneficiare di un capitale.

L’assicurazione sulla vita intera, invece, copre l’intero arco di tempo del sottoscrittore. Pertanto, il premio sarà liquidato alla sua morte. In genere viene stipulato dalle persone anziane in favore di figli che non hanno una indipendenza economica.

Questo secondo tipo di Polizza vita assolve allo stesso tempo una seconda funzione: quella previdenziale. Quindi, i premi non sono del tutto a fondo perduto.

Come scegliere una Polizza vita

Come scegliere la migliore assicurazione sulla vita? Ovviamente, dipende da molteplici fattori. Non esiste infatti una Polizza vita che vada bene per tutti a prescindere. Ma occorre valutare una serie di fattori, come:

  • Età dell’assicurato
  • Modalità di erogazione del premio
  • Tempi di pagamento del premio
  • Consistenza del Capitale assicurato
  • Durata della copertura
  • Clausole contrattuali
  • Penali in caso di estinzione anticipata
  • Costi di gestione
  • Coperture accessorie comprese nel prezzo della polizza.

Proprio perché sul mercato ci sono tante assicurazioni sulla vita disponibili, non bisogna fermarsi alla prima. Generalmente, si chiede alla Banca presso cui si ha il proprio conto corrente. Anche per una questione di comodità, avendo lì i propri soldi. Ma farsi un giro tra le varie offerte non sarebbe male e poi fare un confronto. Come si fa per le assicurazioni auto.

Polizza vita migliore

Qual è la migliore assicurazione sulla vita? Fermo restando che occorre valutare vari fattori soggettivi ed oggettivi, di seguito vediamo quali sono alcune delle migliori alternative sul mercato:

AXA

Operante dal 1817, offre varie assicurazioni in più settori: persone, famiglie, oggetti preziosi, aziende, auto, casa.

Allianz

Esistente dal 1980, oggi è presente in oltre 70 Paesi, tra cui l’Italia.

BNL

Il gruppo BNL è attivo dal 1913, ed è uno dei principali gruppi bancari italiani. Offre le seguenti polizze riguardo la salute:

  • Vita
  • Casa
  • Previdenza

Banca Intesa

Banca Intesa SanPaolo è nato dalla fusione di due importanti banche e viene considerato il colosso bancario italiano più importante. Avendo acquisito altri gruppi bancari. Non a caso, offre assicurazioni su più rami:

  • Auto
  • Moto
  • Salute
  • Casa
  • Famiglia
  • Previdenza

BPM

Il gruppo BPM è tra i più antichi d’Italia, dato che è nato quasi in concomitanza con l’Unità d’Italia: 1865. anche esso assicura dalle famiglie al singolo, passando per le aziende fino alle auto.

Groupama

Groupama Assicurazioni esiste invece da fine ‘800. E, come i precedenti, offre molti tipi di assicrazioni.

INA

Questo gruppo bancario è proprio specializzato in polizze vita. Ma è stato del tutto assorbito dal gruppo Assicurazioni Generali, diventando INA Assitalia. Il che non è certo una brutta notizia, data l’importanza di Generali.

Poste

Dal 1997, Poste italiane è diventata semi-privata, assumendo sempre più le caratteristiche di una Banca. Offrendo una serie di soluzioni finanziarie. Dal 1999, Poste vita è la compagnia di assicurazioni del Gruppo Poste Italiane.

Altri gruppi bancari che vale la pena citare per farsi fare eventualmente un preventivo:

  • UBI Banca
  • UnipolSai
  • Unicredit
  • Vittoria
  • Zurich Insurance Group Ltd
  • Genertel
  • Alleanza Assicurazioni
  • Mediolanum Vita
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY