Politica Monetaria: le differenze tra BCE e FED

euro-astratto

La Banca Centrale Europea e la Federal Reserve sono le banche più famose e più importanti del pianeta. Sono omologhe l’un l’altra, ossia ricoprono lo stesso ruolo e la stessa funzione. La Bce è la banca principale dell’Unione Europea, La Fed è la banca principale degli Stati Uniti.

Omologhe, sì, ma nient’affatto identiche. Tra i due istituti permangono pesanti differenze. Differenze che corrispondono a due modi diversi di intendere l’economia – e soprattutto il rapporto tra economia e Stato – e che implicano conseguenze importanti a livello di politica economica.

La differenza principale è che la Federal Reserve può “stampare moneta”, la Banca Centrale Europa, no. E’ necessario specificare cosa si intende per “stampare moneta”. Quando una banca stampa moneta non sta creando banconote a casaccio ma, semplicemente, sta comprando direttamente i titoli di debito emessi dal Tesoro nazionale, finanziando così quest’ultimo. Questo procedimento assume il suggestivo nome di Quantitative easing.

Ebbene, la Fed può eseguire il Quantitative easing mentre la Bce no. Perché? Senza addentrarci nel regolamento dell’Unione Europea, si può asserire che alla base di tale impossibilità vi è la paura dell’inflazione. Stampare moneta equivale a immettere liquidità nel sistema, cosa che produce inflazione. Si dà il caso che “l’azionista di maggiornza” dell’Unione Europea sia la Germania, paese storicamente timoroso dell’inflazione. Storica, infatti, è stata l’iperinflazione che colpì i tedeschi nel primo dopoguerra (nel 1919 servivano i quadrilioni di marchi per comprare il pane), evento che li ha segnati profondamente.

Questa paura è reale? Certo, l’inflazione è un problema, soprattutto quando non è controllabile. Anche l’Italia lo sa bene, visto che durante gli anni Ottanta ha subito un aumento galoppante dei prezzi. La cosa però deriva, più che dall’immissione di denaro nel sistema (che comunque si attesta a livelli elevati) dagli squilibri della bilancia commerciale. Oggi questi squilibri non ci sono e non possono esserci (l’euro serve a questo) e dunque il Quantitative easing non causerebbe un processo inflattivo ingestibile. La gestibilità dell’inflazione da “Qe” è comprovata anche da quanto accaduto negli Stati Uniti. La Fed ha in tre anni immesso qualcosa come 4000 miliardi di dollari; l’inflazione è aumentata sì, ma non ha mai raggiunto il 4% anno su anno.

E allora forse sarebbe il caso che la Germania e l’Unione Europea si scrollassero di dosso i traumi infantili e permettessero alla Bce di comportarsi come la Fed. Questa, infatti, grazie alla massiccia immissione di liquidità è riuscita a imprimere una svolta alla crisi negli Stati Uniti, come dimostrano i dati confortanti sull’occupazione in novembre (stiamo parlando ancora degli Usa). Dal Quantitative easing, che è una manovra di politica monetaria , dipende infatti la politica fiscale del Governo. A una politica monetaria espansiva – attuabile grazie al Qe – corrisponde una politica fiscale espansiva, ossia l’abbassamento delle tasse e gli investimenti statale.

Insomma, la risoluzione della crisi è ha portata di mano. E’ sufficiente che la Bce cambi rotta.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.
Giuseppe Briganti, 1987. Nato a Reggio Calabria, blogger, laureato in Scienze della Comunicazione e Comunicazione Istituzionale e d’Impresa, sempre con il massimo dei voti. Appassionato di politica, economia, narrativa, ho cominciato a scrivere quando ho realizzato che pensare non mi bastava. Concepisco la scrittura come dialogo, battaglia tra idee e visioni del mondo. Consapevole che una verità unica ed eterna non esiste, mi piace persuadere il prossimo e, quando un’idea altrui mi conquista, farmi persuadere. Nella mia vita professionale ho scritto di qualsiasi argomento, ma trovo particolare piacere a scrivere di economia. Sono un attivista politico e ho collaborato durante la campagna elettorale con il candidato sindaco di Reggio Calabria per il centrosinistra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here