Pizza e mozzarella valgono 11 miliardi

La pizza, lo sappiamo, è la regina dell’alimentazione nostrana ed è il marchio italiano nel mondo. Inoltre, scopriamo che riesce a muovere un giro d’affari notevole sia a livello nazionale che internazionale. Confagricoltura, ieri, ha tracciato il bilancio di questo settore parlando di numeri ed eccellenze.

In Italia si consumano ogni giorno 5 milioni di pizze, 56 milioni a settimana, per un totale che supera 1 miliardo 600 mila unità all’anno. Ogni nostro connazionale mangia in media 7,6 chilogrammi l’anno di pizza; ci superano gli statunitensi che consumano 13 chili di pizza all’anno ciascuno. Il fatturato relativo alla vendita del simbolo del Made in Italy è conseguentemente impressionante: le 25 mila pizzerie con servizio al tavolo e le 25 mila pizzerie take away attive sul nostro territorio danno lavoro a 150 mila lavoratori e producono un fatturato che si aggira intorno ai 9 miliardi di euro. Inoltre, tra pizzaioli stagionali, part time e full time, abbiamo quattromila addetti alla preparazione del capolavoro della cucina del Bel Paese.
Il business non è ovviamente solo italiano. In Germania, Francia, Spagna, per esempio, la pizza rappresenta il 78% del mercato. Le pizzerie italiane all’estero sono 72mila per un giro d’affari di circa 27 miliardi di euro.

Passiamo ora a parlare dell’ingrediente principale per una buona pizza, la mozzarella, per sottolineare che in Italia c’è una produzione casearia di eccellenza. Confagricoltura stima che gli allevatori bovini siano oltre 32 mila e quelli bufalini siano 2500; le mucche da latte siano 1milione 800 mila e le bufale 238 mila unità. In totale possiamo contare su una produzione pari a 11 milioni di tonnellate di latte vaccino e di 194 mila tonnellate di latte bufalino. Da questo, consegue una produzione di mozzarella di vacca per 155 tonnellate, di cui il 60% è destinato alla preparazione della pizza, e di 38 tonnellate di mozzarelle di bufala. Chiudiamo dicendo che il valore di mercato della mozzarella è di 1,6 miliardi di euro.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY