PIL Usa positivo, incremento del 2,9% che non si vedeva dal 2014

pil usa

Il dato più atteso oggi sui calendari economici è quello rappresentato dal PIL Usa dell’ultimo trimestre. Ricordando che il PIL, prodotto interno lordo, è uno degli indicatori più efficaci per valutare il livello di ricchezza di un paese, il valore atteso per oggi dai vari analisti si aggirava attorno ad una crescita del 2,5% ma alle 14.30 nostrane, è stato comunicato un +2,9%. Questo risultato è il maggiore a livello di crescita ottenuto dagli USA dal 2014 ad oggi.pil usa

Reazioni dai mercati a seguito di un PIL usa positivo

Nei mercati, soprattutto tra le borse europee non c’è questa grande reazione. Il dollaro già da questa mattina e dai giorni scorsi continuava a rafforzarsi nei confronti dello yen e dell’euro. Se gli occhi di tutti gli analisti oggi aspettavano questo dato per aspettare una smentita e una perdita della valuta verde più nota al mondo, non hanno potuto far altro che vedere deluse le proprie aspettative.

Anzi, vista l’imminente riunione della Federal Reserve, ormai sarà veramente molto probabile un aumento dei tassi di interesse americani con i bond che continueranno a salire.

Occhi puntati in questi giorni verso la Yellen e verso il vertice a Vienna tra i principali produttori di petrolio prima del vertice Opec di fine novembre, per un accordo e una stabilizzazione dei prezzi del petrolio.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY