Petrolio: Total annuncia importante cambio di rotta in Nigeria

L’amministratore delegato di Total Exploration and Production Nigeria Limited, Nicholas Terraz, ha ribadito la necessità di migliorare i contratti, ridurre i costi di produzione e costruire un ambiente operativo amichevole. Che rimane lo stimolo a guidare maggiori investimenti per l’industria petrolifera nigeriana.

Queste le conclusioni a cui è pervenuto al Nigeria International Petroleum Summit, NIPS, ad Abuja, Terraz, che era rappresentata dal vice amministratore delegato, Deepwater District of Total Exploration e Production Nigeria Limited.

Musa Ahmadu-Kida ha anche dichiarato che questi fattori avrebbero anche incrementato la partecipazione e aggiunto valore all’industria petrolifera. Ha detto: “Il futuro del nostro settore è quello che, come altre realtà della vita, è pieno di incertezze. Le vicissitudini nel terreno geopolitico globale, le innovazioni tecnologiche all’interno del settore che mettono in discussione modelli di produzione esistenti, innovazioni esterne all’industria che l’industria non può permettersi di ignorare. E che combaciano con le richieste di fonti alternative di energia oltre i combustibili fossili, preoccupazioni per l’ambiente, e le fluttuazioni del prezzo del petrolio, rendono l’efficienza nell’uso delle risorse e dell’innovazione una conditio sine qua non”.

L’efficienza e l’innovazione sono fattori chiave abilitanti se dobbiamo lavorare in modo più sicuro, ridurre i costi, rendere più veloce e decisioni migliori e in generale aumentano la produttività. È pertanto necessario condividere le nostre migliori pratiche ed esperienze per consentirci di adattarci e intraprendere rapidamente azioni che ci sosterranno nel lontano e immediato futuro.

Ha inoltre affermato che i progetti di Total in Nigeria sono stati i benchmark del settore in termini di efficienza e innovazione, in particolare con il progetto Egina. Secondo lui, all’altitudine, Egina aggiungerà 200.000 barili di petrolio al giorno alla produzione attuale della Nigeria e questo rappresenta circa il 10 per cento della produzione attuale della Nigeria.

Riforma del settore petrolifero: “Sono pronto a firmare PIGB”, afferma BuhariTerraz, aggiungendo che con Egina, Total gestirà circa il 23% della produzione nazionale ed è orgoglioso di contribuire in modo significativo alla sicurezza del futuro del petrolio e del gas in Nigeria.

Ha detto: “Egina ha stabilito record senza precedenti di contenuti e capacità locali -costruzione. Per noi, Egina rappresenta un grande testamento dell’impegno di Total in Nigeria e della nostra determinazione a sostenere e promuovere lo sviluppo di contenuti locali. Il 77% delle ore uomo lavorate al progetto è stato fatto localmente con 60.000 tonnellate di attrezzature fabbricate in Nigeria da appaltatori locali.”

Oltre ai record di perforazione e ad altri risultati significativi, il progetto Egina ha ottenuto l’integrazione di sei moduli laterali fabbricati localmente. a Lagos; una prima per Nigeria e Africa.

Nella sua stessa presentazione, Musa Ahmadu-Kida ha chiesto la collaborazione tra gli operatori, in particolare i proprietari delle navi per spostare il settore.

È tempo che i proprietari e gli operatori delle navi si uniscano e lavorino Chiamerò un programma di lavoro consolidato, in modo che i nostri bisogni globali siano noti. È giunto anche il momento che gli operatori di navi si mettano insieme e smettano di combattere. “Spendiamo tanta energia per risolvere i combattimenti nel settore che togliamo gli occhi dall’obiettivo principale”.

Nello stesso contesto, Amy Jadesimi ha ricevuto il premio al 2019 Petroleum Industry Award. Il premio, organizzato dalla Foreign Investment Network (FIN) e dal ministero federale delle risorse petrolifere. Gli organizzatori hanno affermato che il premio è un riconoscimento del “contributo significativo di Jadesimi all’industria di manutenzione di petrolio e gas e dello sviluppo del settore marittimo in Africa”.

È stato inoltre riconosciuto come amministratore delegato e amministratore delegato della prima zona economica speciale industriale sostenibile in Africa, oltre alla sua importante partecipazione in vari business sustainability e consigli di consulenza.

Esprimendo apprezzamento, Jadesimi ha dichiarato: “Ringrazio la Foreign Investment Network (FIN) e il ministero federale delle risorse petrolifere per questo premio. Il premio è un grande onore e rappresenta il successo ottenuto da LADOL solo grazie a i 18 anni di duro lavoro e dedizione dei nostri fondatori e del nostro staff.”

LADOL si basa sul lavoro di squadra e sono molto orgoglioso di guidare gli uomini e le donne che lavorano in LADOL. “Il nostro team ha brillato non solo nel successo del progetto Egina, ma anche nel conseguire la nostra ISO 9001, 14001 e 45001 l’anno scorso. Ringraziamo anche noi i nostri clienti Total e Shell, che hanno dimostrato la loro fiducia in LADOL e supportato genuini contenuti locali in Nigeria.” ha concluso la Jadesimi.

Un rapporto di una commissione ONU accusa la Corea del Sud di non aver notificato al Consiglio di sicurezza le sue spedizioni di prodotti petroliferi verso la Corea del Nord in violazione delle sanzioni internazionali. Ad affermarlo fonti diplomatiche. Sarà la prima volta per il comitato per le sanzioni sulla Corea del Nord il consiglio dei 15 membri di dire che Seoul ha violato le sanzioni ONU contro Pyongyang.

La Corea del Sud ha intensificato gli sforzi per migliorare le relazioni con la Corea del Nord dall’anno scorso. Il panel dovrebbe anche dire che la Corea del Nord ha venduto illegalmente diritti di pesca ad altri paesi in violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza. La relazione annuale del comitato dovrebbe mostrare che le navi trasportando licenze di pesca della Corea del Nord stavano operando in acque tra la penisola coreana e paesi limitrofi.

La richiesta si basa sulle informazioni fornite da due stati membri senza nome – uno identificato come il Giappone, secondo i funzionari di Tokyo. Si prevede che le informazioni ottenute dai pescatori rivelino che circa 200 pescherecci cinesi operavano nelle acque della Corea del Nord e che il il prezzo di una singola licenza di pesca costava circa 50.000 yuan ($ 7.250) al mese.

Quotazione petrolio WTI in tempo reale

Petrolio, Onu riprende Corea del sud

La Corea del Sud non avrebbe notificato al Consiglio di sicurezza le consegne di prodotti petroliferi per l’uso presso un ufficio di collegamento congiunto istituito a Kaesong, nel nord della Corea del Nord. lato della frontiera. La Corea del Sud ha portato circa 340 tonnellate di tali prodotti alla Corea del Nord tra gennaio e novembre dello scorso anno, che sembrano essere stati principalmente utilizzati per scopi di riscaldamento e alimentazione in ufficio.

Durante il periodo, Seoul non ha riferito spedizioni come richiesto dalle sanzioni ONU volte a soffocare i finanziamenti per i programmi di missili balistici e nucleari della Corea del Nord. Ha portato circa 4 tonnellate di prodotti non utilizzati. La Corea del Sud ha normalmente inoltrato richieste per ottenere il permesso del consiglio di consegnare articoli vietati al Nord.

Le fonti hanno detto che Seoul non l’ha fatto per le spedizioni di prodotti petroliferi a Kaesong in vista della difficoltà percepita di ottenere il consenso, anche dagli Stati Uniti in consultazioni preliminari. Nel dicembre 2017, il Consiglio di sicurezza ha limitato le esportazioni di prodotti petroliferi alla Corea del Nord a 500.000 barili all’anno, in calo da 2 milioni di barili all’anno, dopo il test di Pyongyang che ha sparato il mese precedente di un nuovo tipo di missile a lungo raggio.

La misura richiede che tutti i paesi membri delle Nazioni Unite forniscano un rapporto al comitato delle sanzioni ogni 90 giorni la quantità di petrolio greggio spedito in Corea del Nord. La Russia e la Cina, che mantengono stretti legami con Pyongyang, hanno aderito alla regola. La Corea del Nord e la Corea del Sud hanno aperto l’ufficio di collegamento congiunto in linea con un accordo in occasione di un vertice intercoreano in aprile. È stato progettato per mantenere le due Coree in costante contatto diventando un canale regolare per migliorare le relazioni.

L’ufficio è situato in una struttura nel parco industriale Kaesong utilizzato per un progetto di cooperazione economica congiunta tra le due Coree. Il parco industriale è stato chiuso a febbraio 2016 a causa di un peggioramento dei legami tra le nazioni. L’ufficio è anche utilizzato come sede per le consultazioni inter-coreane.

L’elettricità per alimentare la struttura è stata fornita dal Sud. Il comitato delle sanzioni composto da otto esperti in aree come la non proliferazione nucleare e il controllo del commercio delle esportazioni è in programma per compilare un nuovo rapporto che dettaglia le violazioni delle sanzioni di Pyongyang entro venerdì e renderlo pubblico in seguito. Giugno tra Kim Jong Un, leader nordcoreano e Donald Trump, presidente degli Stati Uniti, ha prodotto un vago impegno da parte di Kim di lavorare verso la denuclearizzazione della penisola coreana, ma non ha ancora intrapreso passi concreti in quella direzione.

Il segretario di Stato Mike Pompeo ha detto oggi di aver inviato una squadra per preparare i preparativi per il prossimo summit tra i due, che si terrà da qualche parte in Asia alla fine di febbraio. In un’intervista a Fox News Channel, Pompeo ha detto che i nordcoreani hanno il secondo vertice tra i due leader si terrà alla fine di febbraio. “Lo faremo da qualche parte in Asia”, ha detto.

“Sto mandando una squadra lì. Ora sono diretti in questo modo per gettare le basi per quello che spero costituirà un sostanziale ulteriore passo verso la strada non solo per la denuclearizzazione della penisola, ma per un futuro più luminoso per il popolo nordcoreano.”

Pompeo non ha definito il luogo del vertice. La scorsa settimana il Vietnam ha detto di non essere stato informato di un eventuale vertice di Trump-Kim, ma che era fiducioso nella sua capacità di ospitare un tale incontro. Ufficiali e diplomatici hanno dichiarato due settimane fa che il Vietnam desiderava ospitare Vertice e due fonti hanno detto che Hanoi si sta preparando a ricevere Kim in visita di stato. Singapore, dove si sono incontrati Trump e Kim a giugno, e Bangkok hanno parlato anche di possibilità per il summit programmato.

Lundin acquisirà l’alta superficie di Utsira da Lime Petroleum

La controllata Lundin Petroleum AB Lundin Norway AS ha accettato di acquisire la posizione Utsira High acreage che copre l’area seminterrata di Rolvsnes e Goddo da Lime Petroleum AS, una controllata di Rex International Holding Ltd.

L’acquisizione prende l’interesse di Lundin Norway per la scoperta petrolifera di Rolvsnes in PL338C e nella licenza adiacente PL338E1 recentemente aggiudicata all’80% dal 50% e la prospettiva Goddo in PL815 al 60% dal 40%. Ciò consoliderà la posizione dell’azienda nel gioco seminterrato comprovato e fratturato sull’Utsira High, vicino alle strutture di Edvard Grieg.Rolvsnes, 3 km a sud della piattaforma Edvard Grieg gestita dalla Norvegia, Lundin ha una gamma di risorse stimata lorda di 14- 78 milioni di boe.

Dopo il successo del pozzo di valutazione e del test di produzione nel 2018, si prevede che a Rolvsnes, nel 2021, venga condotto un test esteso del pozzo per comprendere meglio il comportamento a lungo termine del giacimento (OGJ Online, 27 agosto 2018). Il test di produzione nel 2018 ha ulteriormente ridimensionato il prospetto in stile Goddo in tendenza nel PL815 adiacente. Un pozzo esplorativo sulla prospettiva Goddo è pianificato per il 2019. Il potenziale di risorse lorde combinato dell’area di Rolvsnes e Goddo è di oltre 250 milioni di boe.

Oltre a consolidare ulteriormente la posizione di Lundin nelle sue aree principali e creare opportunità per trarre vantaggio dal potenziale di il seminterrato gioca l’acquisizione “fornisce un ulteriore allineamento commerciale con Edvard Grieg, poiché ci concentriamo sull’utilizzo di sviluppi ad alto margine e tie-back per estendere la produzione di plateau attraverso le strutture oltre le attuali indicazioni di metà del 2020”, ha detto Alex Schneiter, Lundin Petroleum chief dirigente e presidente.

La transazione, soggetta ad approvazioni governative, prevede un corrispettivo in contanti a Lime Petroleum di $ 43 milioni e un pagamento condizionato di ulteriori $ 2 milioni.

Callon Petroleum Company annuncia i prossimi eventi per gli investitori

Callon Petroleum Company (NYSE: CPE) (“Callon” o “Company”) ha annunciato oggi che l’alta dirigenza intende partecipare ai prossimi eventi degli investitori. La Società presenterà il 24° Vertice annuale sull’energia del Credit Suisse, ospitato dal Credit Suisse martedì 12 febbraio 2019 alle 8:05 orario standard della montagna.

Il webcast live e archiviato per questo evento sarà accessibile sul sito Web di Callon nella sezione “Investitori”.

Callon Petroleum Company è una società energetica indipendente focalizzata sull’acquisizione, sviluppo, esplorazione e gestione di proprietà di petrolio e gas nel bacino del Permiano nel Texas occidentale. Questo comunicato stampa è pubblicato sul sito Web della società all’indirizzo www.callon.com e verrà archiviato per la revisione successiva sotto il collegamento “Notizie” nella parte superiore della home page.

Broker per fare trading sul Petrolio

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY