Petrolio, Qatar lascia Opec: quali conseguenze

L’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) è composta da 57 paesi ricchi di petrolio che controllano una vasta maggioranza dell’offerta mondiale. Tuttavia, sta per perdere un membro poiché il Qatar ha confermato che sta uscendo dall’organizzazione. Una decisione che potrebbe far aumentare i prezzi della benzina in Sud Africa. La notizia è stata confermata dal ministro dell’Energia del Qatar, Saad al-Kaabi. Ha negato che la mossa fosse legata alle tensioni politiche tra lo Stato del Golfo e l’Arabia Saudita – il leader de facto dell’OPEC – ma ha insistito che si trattava di una scelta basata sulla razionalità.

Nonostante abbia un’abbondanza di petrolio, il Qatar stesso è un paese molto piccolo. Il fatto che ospiteranno una Coppa del mondo di calcio tra quattro anni è a dir poco bizzarra, ma parla di soldi. La loro dimensione relativa significa che non contribuiscono tanto all’OPEC quanto a molti altri 56 membri.

Ad esempio, la Russia è in cima alla classifica con 11 milioni di barili di petrolio prodotti ogni giorno. Il Qatar produce circa 600 000 barili su base giornaliera, rappresentando poco più del 5% di quello che Putin e Co possono apportare. C’è anche stato un cambiamento nel modo in cui le esportazioni di energia sono condivise dal Qatar. Hanno spostato l’attenzione sulla produzione di gas liquido, diventando la più grande riserva al mondo per il gas naturale liquefatto (GNL). Con questi fattori insieme, la nazione sta tagliando i legami con l’OPEC.

Ma cosa significa questo per il Sudafrica? Bene, nonostante il Qatar produca una piccola quantità di petrolio nel mondo, è ancora una mossa che non sarà il benvenuto a Mzansi. Il cambio di politica arriva in un momento in cui la Russia ha promesso di limitare la fornitura di petrolio di circa il 30%.

Questa doppia intestazione ha già dato un po ‘di impeto al mercato del greggio: il prezzo di un barile di petrolio è aumentato 5% dal fine settimana, e si prevede che salirà ulteriormente quando l’OPEC si incontrerà per discutere di questi cambiamenti mercoledì. Quando il prezzo internazionale del petrolio sale, di solito aumentano i prezzi del petrolio sudafricano. Come scrive Eric Knecht per Reuters, la decisione presa dagli Stati Uniti e dalla Cina di sospendere la loro guerra commerciale ha anche aumentato i prezzi del petrolio:

“I prezzi del petrolio sono aumentati di circa 5 % di lunedì dopo che gli Stati Uniti e la Cina hanno accettato una tregua di 90 giorni nella loro guerra commerciale, ma il greggio Brent è ancora scambiato a circa $ 62 al barile, ben al di sotto del picco di ottobre di oltre $ 86.”

Per Eric Knecht lo sconvolgimento non influenzerà il i prezzi della benzina sono stati fissati per dicembre a Mzansi, però. Gli automobilisti stavano saltando di gioia quando è stato annunciato un calo di R1.84 per litro, che entrerà in vigore mercoledì. Tuttavia, questi prezzi inferiori potrebbero non essere rimanere l’anno prossimo.

Piattaforme per fare trading sul petrolio

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Con uscita Qatar Opec a rischio?

Il futuro dell’OPEC è su un terreno instabile, ha detto un analista alla CNBC lunedì, dopo che il Qatar ha improvvisamente annunciato che avrebbe tagliato i ponti con l’influente cartello del petrolio dopo quasi sei decenni.

Il ministro dell’Energia del Qatar, Saad al-Kaabi, ha detto in una conferenza stampa che Doha lascerà l’OPEC il 1 ° gennaio 2019. La decisione arriva pochi giorni prima che l’OPEC ei suoi alleati organizzassero un incontro molto atteso a Vienna, in Austria.

“Questo è grande”, ha detto Andy Critchlow, responsabile dei contenuti energetici EMEA presso S & P Global Platts, al “Squawk Box Europe” della CNBC.

“Nei 20 anni in cui sono stato all’OPEC, non posso pensare a nulla di più grande di questo (e) che sia un rischio più sistemico per il futuro dell’OPEC”.

Il ministro dell’Energia del Qatar ha detto che il paese lascerà l’OPEC e si concentrerà sulla produzione di gas. Ha negato che la mossa fosse legata a un boicottaggio politico ed economico del paese durato 18 mesi.

Da giugno 2017, l’Arabia Saudita dell’OPEC, insieme ad altri tre stati arabi, ha tagliato i legami commerciali e di trasporto con il Qatar, accusando il paese di sostenere il terrorismo e il suo rivale regionale, l’Iran. Il Qatar nega le affermazioni, dicendo che il boicottaggio ostacola la sua sovranità nazionale.

L’incontro finale del gruppo dominato dal Medio Oriente nell’anno solare dovrebbe ora essere l’ultimo del Qatar. È stato membro ufficiale dell’OPEC dal 1961.

Il Qatar non è un grande produttore di petrolio rispetto ad altri membri dell’OPEC. Ma, ha detto Critchlow, guardando la produzione di energia totale del piccolo paese del Golfo, è sul punto di produrre più di 6 milioni di barili di petrolio equivalente al giorno entro il 2022.

“Questo è un importante fornitore di energia per il mondo”, ha detto Critchlow, sottolineando lo status di Qatar come uno dei maggiori produttori mondiali di gas naturale liquefatto (GNL).

Ha anche sottolineato l’importanza dell’approccio tattico del Qatar nei confronti della politica energetica con i rivali regionali negli ultimi anni, affermando che il paese ha spesso agito come un “ponte diplomatico” nel gruppo dominato dal Medio Oriente.

“L’OPEC in realtà non esiste più, è un’organizzazione di due membri: la Russia e l’Arabia Saudita”, ha detto Critchlow.

Le aspettative sono alte che i membri OPEC e non OPEC orchestreranno un nuovo round di tagli alle forniture più avanti questa settimana. Viene dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha detto che lui e il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman “hanno accettato di estendere” un accordo per limitare la produzione.

“Penso che l’OPEC sia ancora viva”, ha detto lunedì alla CNBC Ayham Kamel, capo del team di ricerca per il Medio Oriente e il Nord Africa del Gruppo Eurasia.

“(Ma) Penso che sia diventato un club diverso, diventa un ponte diplomatico meno efficace? Gli iraniani non vengono consultati, i sauditi agiscono da soli con i russi e cercano di coinvolgere tutti”, ha aggiunto.

La Russia non è un membro dell’OPEC, ma è il più grande produttore di greggio alleato al cartello. I prezzi petroliferi sono scesi di oltre il 25% da un picco di quattro anni all’inizio di ottobre, a causa delle crescenti preoccupazioni di eccesso di offerta e preoccupazioni per il rallentamento della crescita economica Tuttavia, la prospettiva di un nuovo round di tagli alla produzione verso la fine di questa settimana e una tregua temporanea di scambi tra Stati Uniti e Cina ha aiutato i greggio a pareggiare alcune delle loro recenti perdite.

Il benchmark internazionale Brent è stato scambiato a $ 61,79 al barile intorno alle 10: 35 am ora di Londra (5:35 ET ET), su circa il 3,9 per cento, mentre West Texas Intermediate (WTI) si attesta a $ 53,08, oltre il 4 per cento in più.

Prezzo benzina, buona notizia per Natale

Gli esperti dicono che i prezzi della benzina sono destinati a scendere ulteriormente man mano che la coppa dell’olio si approfondisce e il dollaro kiwi sale. L’Automobile Association ha detto oggi che non sarebbe sorpreso di vedere i prezzi scendere sotto i $ 2 se le attuali tendenze globali si sono svolte. tagli da un picco in ottobre, ma ce ne sarebbero stati altri in arrivo, dice l’analista di mercato David Lewis del management di Milford Asset.

“Penso che, se guardate nelle prossime settimane, i prezzi continueranno a diminuire di altri 10 centesimi circa”. ha detto Lewis, portfolio manager di Milford. “E non ci aspettiamo che torneremo a prezzi alti come quello che abbiamo visto a settembre quando hanno raggiunto $ 2,40 o $ 2,50 al litro.”

I prezzi del petrolio sono saliti quest’anno, fino a un picco ai primi di ottobre, che ha coinciso con una caduta del dollaro kiwi e nuove tasse sul carburante per colpire i conducenti in tasca. Ma in un drammatico cambio di mercato – che ha sorpreso molti operatori economici – i prezzi del petrolio sono crollati negli ultimi due mesi. Ora sono in calo del 34% da un picco su O 3 ottobre. Il dollaro kiwi (che ricordiamo essere il soprannome del dollaro australiano) è tornato a crescere di circa il 7% dall’inizio di ottobre.

“Dal punto di vista degli investitori, vi è motivo di preoccupazione e il motivo è che questa caduta molto marcata è un indicatore di una morbidezza a livello globale della domanda. Una debolezza nell’economia globale “, ha detto Lewis.

AA ha accolto il calo dicendo che non poteva arrivare in un momento migliore, quando i kiwi tradizionalmente saltavano in auto e si allontanavano durante le tradizionali vacanze estive. , anche se era difficile prevedere, se i prezzi della benzina seguissero la stessa tendenza degli anni precedenti, era possibile che il prezzo scendesse sotto i $ 2 durante i mesi estivi.

“Il ciclo che abbiamo visto significa che i prezzi delle materie prime sono più bassi durante l’estate e più in alto durante l’nverno e questo è un po’ quello che stiamo vedendo.” In passato i neozelandesi avevano goduto di prezzi del carburante più bassi con un minimo di $ 1,80 al litro per 91 durante la pausa natalizia, prima che i prezzi gradualmente salissero a circa $ 2,20 durante l’inverno.

“Se questa tendenza è tipica, e lo è stata negli ultimi anni, allora, sì, i segnali sono che i prezzi continueranno a rimanere bassi durante il periodo estivo e potrebbero anche crollare giusto in tempo per il nostro stagione di guida intensa. Quindi questa è la tendenza che abbiamo visto e sembra che stia giocando mentre parliamo.”

Il Primo Ministro ha anche annunciato che la Commissione Commercio effettuerà uno studio dei prezzi del settore per esaminare i margini che le compagnie locali stanno facendo pagare. rileva che i margini dei prezzi alla pompa sono aumentati nell’ultimo decennio.” A un livello elevato, i margini delle società rappresentano una piccola parte del prezzo totale che si paga. Ma questo margine è aumentato notevolmente negli ultimi anni ed è relativamente alto rispetto ad altri paesi, tra cui l’Australia”, ha detto.

“Le conclusioni iniziali del governo lo scorso anno sono state che fondamentalmente, sì, ci sono indicazioni che potrebbero esserci alcuni scricchiolii – sebbene non usare questo termine.” Ma il mercato non sta funzionando bene per i consumatori al momento.” Nel frattempo, il drammatico aumento dei prezzi del petrolio continua a mostrare nei dati economici con le ragioni di scambio di oggi che mostrano l’aumento dei costi delle importazioni che supera l’aumento delle esportazioni ritorna in ottobre. “In particolare, i prezzi della benzina e dei prodotti petroliferi sono saliti del 6,4 per cento su base trimestrale, portando l’aumento annuo a oltre il 50 per cento, ha osservato il team di economisti ASB.”

Gli aumenti di prezzo erano più misti per altre importazioni: i prezzi dei beni di consumo salivano 4,7 per cento trimestre su trimestre, mentre i prezzi dei beni strumentali sono scesi dell’1,4 per cento. “I prezzi delle esportazioni sono aumentati del 2,3 per cento trimestre (8,1 per cento su base annua).”

Dal Queensland arriva la app per monitorare il prezzo della benzina

Il Natale è arrivato presto per gli automobilisti del Queensland, con il lancio del tanto atteso processo di monitoraggio dei prezzi dei carburanti del governo statale. Il ministro dell’Energia Dr Anthony Lynham ha annunciato oggi che i conducenti saranno ora in grado di confrontare i prezzi della benzina in tutto lo stato semplicemente utilizzando un’app sul loro telefono cellulare.

Il nuovo software di monitoraggio offre agli automobilisti la possibilità di guardarsi intorno per vedere quale servo offre la benzina più economica.

“A partire da mezzogiorno, i servomeccanici devono fornire prezzi del carburante aggiornati tramite un portale online per essere collazionati e forniti agli operatori di app come MotorMouth, GasBuddy e nuovi arrivati ​​come il RACQ “, ha affermato il ministro Lynham. “Nelle prossime due settimane, quando le app inizieranno a utilizzare i dati, gli automobilisti vedranno più compagnie con più prezzi delle date che compaiono sulle app e sui siti Web che usano regolarmente. “Questo significherà un risparmio potenziale per gli automobilisti motivati pronti a guardarsi intorno.”

Dopo i due anni di prova, i rivenditori dovranno riportare i prezzi del carburante entro 30 minuti dalla loro sostituzione al bowser, o dovranno pagare multe fino a $ 13.000 per non aver rispettato i tempi.

Speriamo che questa bella iniziativa giunga anche in Italia. Appannaggio della trasparenza del sistema.

Broker per fare trading sul prezzo del petrolio

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial tradingTrading Bitcoin, criptovalutePROVA>>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY