Petrolio, Putin vuole creare una “Opec Dark”

petrolio

I democratici ora controllano la Camera dei Rappresentanti e la presidente Nancy Pelosi ha chiarito che vogliono passare dai combustibili fossili alle fonti di energia rinnovabili. Tuttavia, i paesi che potrebbero costituire una seria minaccia alla sicurezza degli Stati Uniti e all’economia stanno raddoppiando i loro sforzi per estrarre e controllare ancora più combustibili fossili.

Nel suo discorso di accettazione per essere stata rieletta oratrice, Pelosi ha affermato che si sarebbe concentrata su quella che lei chiamava la “crisi climatica” come “una decisione economica per la preminenza globale americana nella tecnologia verde; Una decisione di sicurezza per tenerci al sicuro. ”

Al contrario, il presidente russo Vladimir Putin, non ostacolato da una visione ambientale di un’economia senza emissioni di carbonio, è impegnato in uno sforzo globale per unire regimi autoritari con significative riserve di combustibili fossili. Putin immagina una sorta di “Opec oscuro” che controlla abbastanza petrolio e gas naturale nel mondo per gestire l’approvvigionamento, dettare i prezzi e ingannare il male politico.

Ad esempio, Putin ha gettato un’ancora di salvezza finanziaria al presidente forte del Venezuela Nicolas Maduro in cambio di una quota significativa di diversi giacimenti di petrolio e gas naturale venezuelani. Inoltre, il Venezuela ha firmato una quota importante di Citgo, un raffinatore di petrolio, operatore di pipeline e operatore di mercato con sede negli Stati Uniti, come garanzia per i prestiti forniti dalla Russia. Interessante, Putin ha fornito a Caracas due bombardieri supersonici Tu-160.

Il che sembra strano dato che il paese non può sfamare la sua gente, mantenere l’elettricità o addirittura fornire la carta igienica. Il problema del Venezuela è la fuga dei suoi cittadini, non dei paesi che minacciano di subentrare.

La Hill riporta che la Russia ha ritirato gli attentatori dopo le lamentele del Segretario di Stato Mike Pompeo, ma il sofferente popolo venezuelano, altri paesi sudamericani e gli Stati Uniti hanno capito il messaggio: Maduro ha potenti amici in posti bassi. La Russia è fortemente coinvolta nel Medio Oriente, specialmente nel garantire che il presidente siriano Bashar al-Assad rimanga al potere e fornisca assistenza finanziaria e tecnica all’Iran e persino all’Iraq nel tentativo di diventare il principale negoziatore di energia.

Il risultato è che l’influenza russa sta crescendo su una fascia critica del Medio Oriente ricco di petrolio e gas, che potrebbe porre una serie di problemi futuri per i mercati mondiali dell’energia. Secondo la US Energy Information Administration, gli Stati Uniti sono ora il primo produttore di petrolio greggio , con 15,6 milioni di barili al giorno. L’Arabia Saudita da lungo tempo alleata degli Stati Uniti – anche se questa relazione è stata tesa a causa dell’omicidio di un giornalista americano – arriva seconda con 12 milioni di barili. Tuttavia, la Russia produce 11,2 milioni di barili, l’Iran 4,7 milioni e l’Iraq 4,5 milioni.

Aggiungi in Venezuela 2,3 milioni di barili al giorno e hai 22,7 milioni di barili al giorno. Meno del totale combinato degli Stati Uniti-Arabia Saudita, ma abbastanza da manipolare i mercati mondiali se la Russia riuscisse a consolidare i propri sforzi. E l’Arabia Saudita ha appena annunciato di voler tagliare le esportazioni di petrolio greggio a 7,1 milioni di barili al giorno, in calo rispetto ai 7,9 milioni dello scorso novembre. Date queste forze geopolitiche in evoluzione, è assolutamente fondamentale che gli Stati Uniti non solo mantengano la loro spinta all’indipendenza energetica, ma cerchino il predominio energetico.

Mentre gli Stati Uniti producono più gas naturale di quello che consuma, non ha raggiunto quel punto rispetto al petrolio greggio . Siamo ancora circa 4 milioni di barili al giorno a corto di autosufficienza. L’idea di Pelosi secondo cui la “tecnologia verde” ci manterrà al sicuro è un ritorno alla metà degli anni ’70, quando la produzione petrolifera e di gas degli Stati Uniti apparentemente “ha raggiunto il picco”, lasciandoci vulnerabili ai paesi OPEC che vogliono punirci per sostenere Israele. Ha iniziato ad approvare la legislazione, come sovvenzionare la produzione di etanolo, nella speranza di creare alternative di energia rinnovabile ai combustibili fossili.

Ma quello era prima che il boom del fracking iniziato circa un decennio fa abbia fatto degli Stati Uniti il principale produttore di petrolio e gas. Semplicemente non c’è alternativa ai combustibili fossili. Dopo otto anni di presidente di energia più pro-rinnovabile che il paese abbia mai avuto, Barack Obama e miliardi di dollari dei contribuenti, l’energia solare ed eolica è aumentata dal 5 percento circa della produzione elettrica del paese all’8 percento.

E mentre le vendite sono in aumento, le auto elettriche rimangono un errore di arrotondamento nel totale delle vendite di auto e camion negli USA. la sicurezza e l’economia affrontano numerose minacce esistenziali e dobbiamo avere la sicurezza energetica per soddisfarle. Quei bombardieri supersonici russi Tu-160 non erano plug-in e la Cina non ha inviato il suo rover lunare sulla Luna con l’energia solare.

L’energia rinnovabile potrebbe giocare un ruolo più importante in futuro, ma non ci renderà “sicuri”. E nemmeno i sogni di una energia verde di Pelosi.

Le indagini sul petrolio e sul gas degli Stati Uniti sono pronte così come la crescita della fiducia

I dirigenti dell’industria petrolifera e del gas degli Stati Uniti sono molto più ottimisti sulla crescita del settore rispetto allo scorso anno. Nel suo studio annuale, DNV GL, ha affermato che l’85% dei dirigenti americani intervistati riteneva ci fossero motivi per aspettarsi un aumento in perforazione nel 2019.

Nella cifra corrispondente per il 2018, la cifra era del 60 percento i dirigenti di petrolio e gas sembravano essere più rialzisti della media globale di voci positive che DNV GL registrava al 76%.

Il gruppo, che funge da consulente tecnico per il settore petrolifero e del gas, ha aggiunto che quasi la metà delle società statunitensi si sta preparando per “aumenti significativi” nella spesa per progetti nei prossimi mesi.

“Ci sono prospettive più brillanti di attività e investimenti in tutto il mondo. value chain di quest’anno e oltre” ha dichiarato Frank Ketelaars, Regional Manager di DNV GL, in un comunicato stampa. Kelaelaars ha aggiunto che i costosi” progetti Deepwater” potrebbero prosperare grazie a misure di riduzione dei costi, mentre fonti più recenti come lo shale oil e il gas naturale liquefatto (GNL).

Anche le crescenti barriere alla crescita del petrolio e del gas degli Stati Uniti sono state la mancanza di lavoratori qualificati a disposizione del settore in quanto il sondaggio ha rivelato che più di un terzo (37%) dei dirigenti statunitensi prevede di aumentare il proprio organico nel 2019

Questo dato era solo il 20% nello stesso sondaggio lo scorso anno. La fiducia globale nelle previsioni per il settore del petrolio e del gas per il 2019 si colloca al 76%, più di un raddoppio il 32 percento registrato nel 2017.U.S. Il West Texas Intermediate (WTI) è stato scambiato a circa $ 76 al barile lo scorso ottobre, ma a dicembre era sceso a circa $ 42. Nel frattempo, in un crollo simile, il greggio Brent è sceso di quasi il 30% da quando ha raggiunto il picco di $ 86,29 all’inizio di ottobre dello scorso anno.

Il rapporto del DNV GL ha detto che la recente volatilità non ha intaccato la fiducia in tutto il mondo, suggerendo che il settore stava diventando più a suo agio con prezzi fluttuanti o più bassi. Circa sette dei 10 dirigenti di diverse regioni hanno dichiarato di aspettarsi di aumentare o mantenere le spese in conto capitale mentre il personale delle posizioni petrolifere e di gas in tutto il mondo è anche una preoccupazione crescente con il 37% degli intervistati che prevede di accrescere la propria forza lavoro.

Il rapporto di .DNV GL si basa su un sondaggio globale di 791 professionisti del settore. La ricerca, condotta a fine ottobre e inizio novembre 2018, è stata effettuata da squadre di DNV GL, Longitude e Kantar TNS.

La produzione petrolifera dell’OPEC è diminuita di 751.000 barili al giorno (bpd) a 31,6 milioni di bpd a dicembre, secondo quanto riferito dal gruppo di produttori la scorsa settimana.

I produttori di OPEC e non OPEC hanno anche ufficialmente implementato un nuovo ciclo di tagli dell’offerta, che vedrà 1,2 milioni di barili al giorno rimosso dal mercato dall’inizio di gennaio. L’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) ha detto venerdì che con quei tagli in atto, gli Stati Uniti sarebbero rimasti sulla buona strada per diventare il più grande produttore mondiale di greggio per volume.

“Mentre gli altri due giganti tagliare volontariamente la produzione, gli Stati Uniti, già il più grande fornitore di liquidi, rafforzerà la sua leadership come produttore numero uno al mondo”, ha detto l’IEA di Parigi nel suo rapporto mensile.

La guerra commerciale di Trump: Il gruppo dell’industria petrolifera e del gas esorta alla cessazione del servizio

Un alto funzionario dell’industria petrolifera e del gas ha invitato l’amministrazione Trump e il Congresso martedì a risolvere la chiusura del governo prima che l’industria energetica venga danneggiata. “Un arresto prolungato non è certamente positivo per questo settore”, ha detto Mike Sommers, presidente e CEO dell’American Petroleum Institute, il principale gruppo commerciale che rappresenta l’industria petrolifera e del gas naturale.

Rispodendo ai giornalisti in vista dell’evento del 2019 sullo State of American Energy del gruppo a Washington martedì pomeriggio, Sommers ha dichiarato che l’industria non ha subito alcun contrattempo finora. Bloomberg ha riferito che l’amministrazione Trump sta ancora elaborando permessi per le trivellazioni di petrolio e gas in terra e acqua federali durante lo shutdown del governo.

Ma l’industria teme un arresto prolungato potrebbe rallentare gli sforzi dell’Agenzia per la Protezione Ambientale e del Dipartimento degli Interni per ripristinare le normative ambientali. I Sommers hanno anche incoraggiato l’amministrazione Trump martedì a risolvere la disputa commerciale con la Cina e ad attenuare il suo approccio più ampio all’imposizione di barriere sui mercati per le merci.

Ha affermato di essere “incoraggiato” dalle relazioni che i negoziati commerciali USA-Cina stanno facendo progressi. Ha detto: “Vogliamo che questa disputa finisca presto.” Sommers espresse espressamente preoccupazione per la tariffa del 10% della Cina sul gas naturale liquefatto americano, che impose ad ottobre per rappresaglia alle tariffe di Trump.

I funzionari dell’Industria hanno avvertito che la guerra commerciale di Trump con Pechino è minacciando di scoraggiare la Cina, il mercato del GNL in maggiore crescita al mondo, dalla firma a lungo termine Ratti con gli sviluppatori americani.

“Le tariffe di ritorsione della Cina comportano il rischio di perdere un mercato energetico vitale, il che può significare perdere l’influenza americana dove ne abbiamo bisogno”, ha detto Sommers durante il suo discorso. “Abbiamo bisogno di assicurarci che le tariffe di ritorsione sul GNL non continuino e certamente non si espandano”, ha detto ai giornalisti. Gli esperti hanno aggiunto che le tariffe dell’acciaio al 25 percento di Trump stanno aumentando i costi per l’infrastruttura energetica che l’API dice sia necessaria per trasportare la produzione statunitense. di petrolio e gas naturale.

Il capo dell’industria petrolifera e del gas ha concentrato il nucleo del suo discorso annuale ai funzionari dell’industria e ai responsabili politici federali sul contributo del gas naturale alla riduzione delle emissioni di carbonio degli Stati Uniti, a causa della sua sostituzione del carbone. Il gas naturale emette metà del carbone come carbone.

“Quando si parla di carbonio, nessuna nazione ha ridotto le emissioni più di quanto abbia fatto l’America negli ultimi dieci anni”, ha detto Sommers. “La politica intelligente spiega solo una parte di questo progresso. L’unico grande fattore è il gas naturale pulito “. Ma la sua affermazione arriva quando un nuovo rapporto pubblicato Martedì ha rilevato che le emissioni di carbonio USA sono aumentate bruscamente lo scorso anno dopo tre anni di declino, anche se un numero record di centrali a carbone è andato in pensione.

Le emissioni sono aumentate del 3,4% nel 2018 – il secondo più grande guadagno annuale in più di due decenni – secondo una stima preliminare dei dati rilasciati martedì mattina dal Rhodium Group. Il rapporto ha rilevato che le emissioni statunitensi sono aumentate in tutti i principali settori: elettricità, trasporti, edifici e industria.

Il settore energetico, la crescente domanda di elettricità è stata soddisfatta principalmente dal gas naturale e non dalle fonti rinnovabili. Jason Bordoff, direttore fondatore del Columbia University Center sulla politica energetica globale, ha dichiarato che i risultati del rapporto mostrano i limiti dei benefici del cambiamento climatico derivanti dalla sostituzione del carbone in mercati energetici. “Il gas di scisto economico ha benefici con la sostituzione del carbone”, ha scritto in un post su Twitter. “Ma questo NON lo rende una politica sul clima” ha aggiunto.

I Sommers dell’API hanno detto che il rapporto Rhodium non include il quadro completo dei benefici ambientali del gas naturale, citando i progressi che ha detto che l’industria sta facendo per prevenire le perdite di metano, un gas serra più potente rispetto al biossido di carbonio che è il componente principale del gas naturale.

Ma il gruppo si è opposto alle normative dell’amministrazione Obama mirate a perdite di metano e ispezioni, preferendo gli sforzi volontari delle aziende. “I rischi del cambiamento climatico sono reali. L’attività industriale in tutto il mondo influisce sul clima. E l’industria del gas naturale e petrolifera americana sta affrontando la sfida del clima a testa alta “, ha detto Sommers.

Piattaforme per investire sul prezzo del petrolio

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY