Petrolio, prezzo torna a salire a causa della “tempesta perfetta” in atto

I giganti del carburante fossile Shell ed Exxon sono tutt’altro che perfetti, ma stanno prendendo posizione contro il tentativo dell’amministrazione Trump di uccidere le normative su un potente gas serra: il metano.

Questa settimana, entrambe le aziende hanno criticato le azioni di deregolamentazione del presidente Donald Trump contro il metano, un potente gas serra che può fuoriuscire durante le operazioni di petrolio e gas.

Shell ha detto a Reuters in un’intervista pubblicata martedì che l’amministrazione deve stringere i regolamenti, non allentarli. Exxon ha reiterato il Fondo per la difesa ambientale in un’intervista pubblicata martedì che l’Environmental Protection Agency dovrebbe continuare a regolare il gas serra, che ha 25 volte il potenziale di riscaldamento del biossido di carbonio in un secolo.

L’amministrazione Trump ha iniziato la sua saga di deregolamentazione pro-metano a maggio 2017, e continua oggi. Il Congresso non riuscì ad abrogare la Regola di Prevenzione Metano e Rifiuti promulgata all’epoca dall’ex Presidente Barack Obama, quindi l’Ufficio di Gestione del Territorio implementò formalmente una versione riveduta e indebolita della regola nel novembre 2018. Questo è stato contestato in tribunale, ma il sistema legale richiede tempo.

Per ora, le industrie devono rispettare gli standard indeboliti dell’amministrazione Trump fino a quando un tribunale emette una sentenza. Le revisioni di Trump non costringono l’industria del petrolio e del gas a migliorare le tecnologie che limiterebbero il metano a flaring, perdite e sfiati come ha fatto la regola di Obama. Non sono solo cattive notizie solo per l’ambiente; fa male alla salute delle comunità vicine poiché queste strutture rilasciano inquinanti come benzene e particolato insieme al metano.

Shell ed Exxon non hanno fatto alcun riferimento alla salute pubblica nelle loro recenti dichiarazioni in merito. Invece, le loro preoccupazioni dichiarate pubblicamente ruotavano attorno al cambiamento climatico. “È una grande parte del problema climatico e francamente possiamo fare di più”, ha detto a Reuters il presidente della Shell Oil Company Gretchen Watkins durante una conferenza sull’energia a Houston.

Infatti, la norma originale di Obama pubblicata nel 2016 avrebbe rimosso circa 180.000 tonnellate di metano dall’aria un anno, riducendo significativamente le emissioni di gas serra che stanno facendo esplodere il clima nel caos.

Shell vuole che l’EPA regoli le attuali e future emissioni di metano, in linea con la regola di Obama. Exxon è uscito a sostegno delle normative dell’era Obama a dicembre. Parlando all’EDA questa settimana, Matt Kolesar, responsabile dell’ambiente, della salute e della sicurezza di XTO Energy, una filiale di Exxon, ha dichiarato che gli sforzi della società per ridurre le emissioni significano molto poco se i concorrenti non stanno facendo lo stesso. Retorica ambientale a parte, i soldi hanno molto a che fare con tutto questo.

Un numero crescente di investitori non vuole essere associato al cambiamento climatico e sta facendo pressioni su queste aziende per ripulire il loro operato. Nel frattempo, sia Shell che Exxon stanno affrontando cause legali sul loro modello di business e decisioni oscure che ci hanno portato qui in primo luogo.

Ancora, tutto ciò fa sembrare questi giganti dei combustibili fossili piuttosto buoni per un cambiamento, che è probabilmente il punto.

Nel frattempo, altre compagnie (tosse, BP) sono ancora contrarie alla regolamentazione del metano, nonostante si pongano come leader nella lotta per ripulirlo.

Petrolio, prezzo torna a salire

I prezzi del petrolio greggio sono saliti lunedì, con il monitoraggio delle materie prime sensibile al ciclo sostanzialmente in linea con una ripresa della propensione al rischio. L’indice azionario dell’indice S & P 500 è salito per un secondo giorno, chiudendo ad un massimo di cinque mesi.

Probabilmente non ha danneggiato il fatto che i funzionari dell’OPEC si siano ripromessi di adottare un programma di tagli delle emissioni coordinato, anche se la decisione di estenderlo oltre la metà dell’anno sembra essere stata rinviata fino a giugno.

I prezzi dell’oro sono cambiati poco, i margini sono stati leggermente più alti, ma alla fine non sono riusciti a superare le familiari gamme a breve termine. Lo stallo probabilmente riecheggia un simile torpore nei rendimenti dei titoli del Tesoro e nel dollaro USA. Poiché i mercati attendono la decisione sui tassi del FOMC di mercoledì prima di impegnarsi in un orientamento direzionale sulle attività guidate dalle prospettive per la politica monetaria.

In prospettiva, il petrolio sta guardando i dati del flusso di inventario delle API settimanali. Sarà giudicato contro le scommesse su un modesto afflusso di 632k che dovrebbe essere riportato nelle statistiche ufficiali di EIA più avanti nella settimana.

L’oro potrebbe vedere un po ‘di volatilità a breve termine mentre i dati sui beni durevoli e gli ordini di fabbrica degli Stati Uniti vengono rilasciati, ma è probabile che un follow-up duraturo sia improbabile fino a quando il presidente della Fed Powell e la società non hanno espresso la propria opinione.

I prezzi dell’oro potrebbero ritagliarsi un pattern testa e spalle in alto sotto $ 1350 / oz. Una chiusura giornaliera al di sotto del supporto per la scollatura – ora al 1282.11 – dovrebbe fungere da conferma, esponendo inizialmente l’area 1260.80-63.76 ma implicando in generale un declino maggiore verso il 1220. In alternativa, una chiusura giornaliera al di sopra della resistenza nella regione 1303.70-10.95 apre la porta ad un spostati per rivisitare lo swing di febbraio in alto a 1346,75.

I prezzi del petrolio greggio sono scesi solo a causa della resistenza alla rottura nell’area 57.96-59.05. Nel frattempo, la divergenza RSI negativa continua ad avvertire di un’inversione ribassista nei lavori. Una chiusura giornaliera sotto il supporto nell’area 54.55-55.66 prepara il terreno per un test della zona 50.15-51.33.

In alternativa, una rottura confermata più alta spiana la strada a un nuovo test di trend-support-turn-resistance, una linea di tendenza stabilita da febbraio 2016, ora a 62.63.

Petrolio, “Perfect Storm” stimola i prezzi più in alto

I prezzi del petrolio hanno già toccato i massimi di quattro mesi, costringendo una serie di analisti a rivedere le aspettative per quest’anno.

“L’ultimo rally del Brent ha portato i prezzi alle nostre previsioni di picco di $ 67,5 / bbl, tre mesi prima”, ha scritto Goldman Sachs in un Nota.

La banca d’investimento ha affermato che “una crescita della domanda resiliente” e interruzioni dell’approvvigionamento potrebbero spingere i prezzi fino a 70 dollari al barile nel prossimo futuro.

È una tempesta perfetta: “le perdite di offerta stanno superando le nostre aspettative, la crescita della domanda sta battendo basse aspettative di consenso con i supporti tecnici e il posizionamento lungo ancora depresso”, hanno detto le banche.

Le interruzioni in Venezuela potrebbero sommergere il rimbalzo dell’offerta dalla Libia, ha osservato Goldman. Ma la vera sorpresa è stata la domanda. Alla fine del 2018 e all’inizio di quest’anno, i prezzi del petrolio hanno toccato il fondo e le preoccupazioni sulla stabilità economica globale hanno dominato la narrativa.

Ma, almeno per ora, la domanda è stata solida. A gennaio, la domanda è cresciuta di 1,55 milioni di barili al giorno (mb / g) anno su anno.

“La benzina in particolare è sorprendente al rialzo, aiutata dai prezzi bassi, a conferma del nostro punto di vista secondo cui la debolezza delle crepe al volgere dell’anno è stata guidata dall’offerta”, ha osservato Goldman.

“Questo ci conforta nel nostro consenso sopra 1.45 mb / d [anno su anno] previsioni di crescita della domanda.” La domanda in Cina sta crescendo a un tasso più forte del previsto, mentre altri mercati emergenti sono pronti a scrollarsi di dosso un approssimativo 2018 che ha visto un dollaro forte, tassi di interesse in rialzo e alti prezzi del petrolio.

Nel frattempo, anche altri analisti sono fiduciosi. “Poiché le attività rischiose si concentravano su problemi macroeconomici, i mercati petroliferi hanno in gran parte trascurato la tensione dal lato dell’offerta nel 1trim19 che ha aiutato i mercati petroliferi globali a riequilibrarsi dalla fine del 2018”, ha detto JPMorgan Chase in un rapporto.

“Con l’emergere di una possibilità di una risoluzione di scambi commerciali tra Stati Uniti e Cina, i prezzi del petrolio dovrebbero finalmente uscire dalla ristretta fascia di scambi e dovrebbero essere sostenuti nel prossimo futuro a causa della tensione sul fronte dell’offerta basata sulla politica.”

Un deficit di offerta potrebbe diventare piuttosto significativo, secondo la banca, con una domanda di prodotti petroliferi in crescita a 1,03 mb / g contro una crescita dell’offerta di soli 0,3mbd. Il secondo trimestre è particolarmente stretto.

“Mentre i tagli all’OPEC iniziano a mordere e l’offerta non OPEC si restringe nel 1H19, a causa delle riduzioni canadesi, un temporaneo rallentamento della crescita della produzione americana e il mantenimento in alcuni dei principali giacimenti petroliferi mondiali (Kashagan in particolare), ci aspettiamo che il 2Q19 abbia un valore teorico un deficit di offerta di 1,2 mb / d è piuttosto notevole dato l’eccesso di circa 1,5 mb / d nel quarto trimestre dello scorso anno, la banca ha detto che Goldman Sachs e JPMorgan vedono il deficit di offerta svanire nella seconda metà dell’anno, a meno che l’OPEC non continui a rispettare eccessivamente i tagli alla produzione.

Lo shale statunitense potrebbe riprendersi dalla pausa attuale, mentre il destino della conformità dell’OPEC è nell’aria. “Quindi pensiamo che i tagli all’OPEC dovranno essere estesi non solo alla fine del 2019, ma anche nel 2020 se vogliono evitare un altro crollo del prezzo del petrolio”, ha scritto JPMorgan.

In particolare, l’amministrazione Trump avrà molta influenza su ciò che si svolge quest’anno nel mercato petrolifero. Trump ha contribuito ad esacerbare la crisi in Venezuela, dove il calo delle uscite si è in qualche modo stabilizzato alla fine dello scorso anno. La produzione del Venezuela è scesa di 142.000 barili al mese di febbraio, mentre le perdite di questo mese potrebbero addirittura peggiorare.

Gli Stati Uniti stanno anche ponderando la scadenza delle deroghe per sanzioni all’Iran e il mercato del petrolio potrebbe costringere Trump a estenderne alcune.

Il Dipartimento dell’Energia potrebbe anche liberare petrolio dalla riserva strategica del petrolio, mentre il Congresso degli Stati Uniti sta lavorando sulla legislazione NOPEC, che potrebbe minacciare il coordinamento dell’OPEC. Inoltre, non è chiaro in che modo l’OPEC potrebbe rispondere a nessuna di quelle azioni. Ad esempio, l’Arabia Saudita potrebbe accelerare l’offerta a prezzi in crash in risposta alla firma della legge NOPEC.

Oppure, potrebbero continuare a rispettare i tagli alla produzione dopo aver commesso l’errore di abbandonarli troppo presto l’anno scorso. Le permutazioni sono infinite, quindi prendi ogni previsione di prezzo con le molle.

Migliori piattaforme per negoziare sul petrolio WTI

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY