Petrolio, politiche Trump rendono Russia sempre più strategica per India e Cina

I prezzi del petrolio sono saliti martedì a settembre. Le esportazioni di petrolio iraniano di questo mese sono diminuite da settembre in vista delle sanzioni statunitensi contro Teheran che dovrebbero iniziare a novembre. Il benchmark internazionale Brent con consegna a dicembre è salito di 27 centesimi, 0,33% a $ 81,05 al barile di 0325 GMT.

Il greggio intermedio del West Texas per la consegna di novembre è aumentato di 12 cent a $ 71,90 al barile. L’Iran ha esportato 1,33 milioni di barili al giorno (bpd) in paesi tra cui India, Cina e Turchia nelle prime due settimane di ottobre, secondo i dati di Refinitiv Eikon. I dati mostrano che le esportazioni di ottobre sono in netto calo rispetto ai 2,5 milioni di bpd esportati ad aprile, prima che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si ritirasse da un accordo nucleare multilaterale con l’Iran a maggio e ordinasse il -imposizione di sanzioni economiche sul paese, il terzo maggior produttore tra i membri dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC).

Le sanzioni al settore petrolifero iraniano entreranno in vigore il 4 novembre. “Le incertezze rimarranno fino al 4 novembre quando sarebbe chiaro se gli Stati Uniti vorrebbero tagliare le esportazioni di petrolio dell’Iran a zero o concedere deroghe”, ha detto Vincent Hwang, analista di materie prime presso NH Investment.

Sommario

Petrolio, 100 dollari al barile sono inevitabili?

Il greggio Brent è ora scambiato a $ 82 / bbl, un massimo di quattro anni, e la maggior parte degli analisti ritiene che non si fermerà qui. Il clima geopolitico e finanziario globale è certamente ospitale per l’aumento dei prezzi del petrolio: la crisi di Arabia Saudita Jamal Khashoggi, lo spettro delle sanzioni iraniane, le turbolenze nei paesi petroliferi come il Venezuela e la Libia e la forte crescita economica in Cina e India stanno guidando un 1,5 aumento di milioni di barili al giorno (b / g) nella domanda globale di petrolio.

C’è una possibilità, tuttavia, che l’avidità dell’OPEC e gli ostacoli macroeconomici globali mantengano un freno ai prezzi globali. La speculazione rinnovata di un picco dei prezzi del petrolio coincide con le sanzioni statunitensi contro il settore energetico iraniano, che entrerà in vigore il 4 novembre. Iran ha meno di un mese per trovare rifornimenti alternativi, per timore che le loro banche centrali incorrano nell’ira del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. Le esportazioni iraniane di petrolio hanno raggiunto il picco nell’aprile di quest’anno a 2,8 milioni di barili al giorno, giorni prima che il presidente Donald Trump ritirasse gli Stati Uniti dall’Iran Deal. Le esportazioni di petrolio iraniano sono ora scese a 1,72 milioni di barili al giorno e continueranno a scendere.

Non solo Iran: la situazione critica in Venezuela, Iraq e Libia

Mentre il dramma dell’Iran si dispiega, le crisi geopolitiche e geoeconomiche tra gli altri petro-stati contribuiranno al restringimento del mercato. In Venezuela, la produzione di petrolio greggio nel paese è diminuita da 2,3 milioni di barili a 1,6 milioni in due anni. Dopo 30 mesi consecutivi di cattiva gestione che hanno causato cali produttivi, non c’è spazio per l’ottimismo nel settore energetico assediato del paese, una volta più grande in America Latina.

Anche Iraq e Libia, altri due importanti membri dell’OPEC, affrontano crisi di sicurezza che mettono a repentaglio la produzione di petrolio. Bassora, sede della maggior parte delle infrastrutture petrolifere irachene, ha visto le proteste mortali il mese scorso. Il paese esporta quasi 4 milioni di barili al giorno, ma la perdita di un solo impianto di produzione potrebbe riportare l’Iraq indietro di 800.000 barili al giorno.

La Libia, uno stato fallito, ha subito attacchi diretti alle sue infrastrutture petrolifere. Gruppi di insorti armati hanno attaccato il quartier generale della National Oil Company, bloccato con successo i porti, chiuso gli aeroporti e fatto esplodere i gasdotti. La produzione è ora di circa 1 milione di barili al giorno, ma il governo libico sta mirando ottimisticamente a 2 milioni di barili al giorno entro il 2022.

Un alto consigliere occidentale del governo di Accordo nazionale – l’organo governativo provvisorio della Libia – ha detto questo sulla produzione della Libia obiettivo: ritengo che le proiezioni siano altamente realistiche data l’infrastruttura esistente e funzionante. Più difficile da valutare è il problema del “bersaglio attraente”: la mezzaluna petrolifera è l’obiettivo primario per ogni aspirante governante del paese, da al Qaeda, all’ISIS, al Generalissimo Haftar, a qualsiasi numero di gruppi di miliziani. Ciò comporta un alto rischio di interruzione e chiusura. Questo rischio è bilanciato dalle strutture statali unitarie che Gheddafi ha messo in atto, tra cui NOC e CBL, che rendono molto difficile per gli aspiranti opportunisti trarre beneficio dal petrolio esportato. La proiezione è quindi realistica in assenza di nuove violenze importanti che chiudono i giacimenti di petrolio e gas o le strutture di esportazione.”

Anche la domanda globale di greggio dovrebbe aumentare, aggiungendo ulteriori pressioni al rialzo sui prezzi del petrolio. Secondo le stime dell’OPEC, dovremmo assistere a una crescita della domanda di 1,4 milioni di barili al giorno quest’anno, portando la domanda totale a oltre 100 milioni di barili al giorno per la prima volta nella storia. Cina e India stanno guidando questa tendenza. Tra gennaio e agosto di quest’anno, il consumo cinese di petrolio è aumentato del 5,8% rispetto al 2017.

L’India dovrebbe superare la Cina come leader mondiale della crescita della domanda mondiale di petrolio entro il 2024. Gli analisti ritengono che l’economia indiana dovrà aggiungere circa 10 milioni b / d entro il 2040 per soddisfare le esigenze della sua economia. Riduzione dei prezzi La marcia costante del petrolio a $ 100 può essere ostacolata solo da due fattori: un calo della domanda e / o un aumento della produzione. Dal lato della domanda, vi è consenso sul fatto che il consumo globale di petrolio aumenterà fino al 2020, ma il tasso di questa crescita sta effettivamente rallentando.

L’OPEC e l’IEA hanno rivisto la crescita della domanda petrolifera del prossimo anno a 1,41 milioni di barili al giorno, un calo di 110.000 dall’inizio dell’anno. Un rapporto dell’OPEC di settembre spiega il ragionamento alla base di questo aggiustamento: le crescenti sfide in alcune economie emergenti e in via di sviluppo stanno distorcendo l’attuale rischio di crescita economica globale verso il basso.

Aumento delle tensioni commerciali e le conseguenze di un ulteriore potenziale restringimento monetario da parte delle banche centrali del G4 , in combinazione con l’aumento dei livelli del debito globale, sono ulteriori preoccupazioni. “Un’altra forza al ribasso sui prezzi? Produzione in aumento. I paesi non-OPEC come gli Stati Uniti sono una di queste fonti di crescita del prodotto. La scia degli Stati Uniti è fino a 7 milioni di barili al giorno produzione, spingendo la produzione nazionale vicino a 11 milioni di barili al giorno. Secondo l’AIE, l’offerta non-OPEC è aumentata di 2,6 milioni di barili al giorno, e dovrebbe aumentare di 1,8 milioni di barili al giorno nel 2019.

Ciò dovrebbe soddisfare la domanda prevista aumentata nello stesso periodo e, per non parlare delle aggiunte, Oper (ora OPEC-Plus), ospita le maggiori riserve mondiali di capacità inutilizzata, ufficialmente il gruppo può produrre ulteriori 2,7 milioni di b / d se richiesto, e più vicino a 3,2 milioni se sono inclusi altri membri OPEC-Plus come il Kazakistan e il Brasile. Questo è più che sufficiente per compensare la perdita delle esportazioni iraniane e venezuelane se decidessero di farlo.

Alcuni potrebbero pensare che sia un grande “se”, ma nel complesso gli interessi dell’OPEC-Plus si allineano con i prezzi sotto i $ 100 / bbl. Perché? Perché quando i prezzi sono troppo alti, la domanda diminuisce: i produttori di petrolio perdono quote di mercato rispetto a tecnologie alternative. Inoltre, la maggior parte dei membri dell’OPEC (ad eccezione dell’Iran e del Venezuela) è in grado di soddisfare i propri bilanci fiscali sotto $ 100 / bbl.

Secondo il FMI, il punto di pareggio fiscale dell’Arabia Saudita è di circa $ 84 / bbl, mentre quello della Russia è inferiore a $ 70 / barile. Facendo pompare barili extra ai prezzi forti di oggi, questi paesi generano entrate aggiuntive. Come bonus, coloro che portano la propria capacità inutilizzata online spiazzano i concorrenti che stanno già pompando a pieno regime. È quindi nell’interesse personale dei membri del cartello aumentare la produzione.

Equilibrio globale del carburante liquido sta impedendo all’Arabia Saudita di approfittare di questa dinamica data la notevole capacità inutilizzata. Lanciati nel timore di ritorsioni dal presidente Trump, che ha minacciato l’OPEC con la legislazione NOPEC il mese scorso sui suoi ‘alti prezzi ingegnerizzati’ e gli aumenti di offerta da OPEC-Plus sono diventati quasi garantiti.

Quindi, sono turbolenze geopolitiche e scricchiolii di approvvigionamento sufficienti per inviare i prezzi del petrolio alle stelle? Abbastanza possibile. Eppure c’è abbastanza capacità di riserva e interesse personale in gioco per mantenere l’offerta in equilibrio con la domanda, almeno per i prossimi sei mesi.

Petrolio, importante accordo tra Russia e India per eludere Usa

Sia gli indiani che i russi nutrivano grandi speranze per la recente visita del presidente Vladimir Putin a Delhi. Sorprendentemente, non si trattava del tanto pubblicizzato accordo S400 sul sistema di difesa aerea firmato tra i paesi per 5,1 miliardi di dollari. La sfacciata riguardava un’altra risorsa strategica, che stava derubando la storia indiana della crescita e minacciando di trafiggere la sua stabilità macroeconomica. Nessuna congettura qui, poiché tutti gli occhi erano puntati sui beni petroliferi russi, in quanto l’incontro di ottobre si è concluso con una spinta strategica relativa allo sviluppo congiunto indo-russo del gas naturale liquefatto siberiano (LNG) e dei giacimenti petroliferi.

La Russia avrebbe anche offerto l’accesso strategico dell’India ai suoi beni artici e alla sua rotta marittima settentrionale (attraverso lo stretto di Kara). Nonostante questi annunci siano comunque buoni, non è stato discusso nulla sulle linee di fornitura ininterrotte. Forse, l’accordo che è stato esteso ai cinesi sotto forma di oleodotto della Siberia Orientale-Oceano Pacifico (ESPO), ad esempio, potrebbe aver notevolmente addolcito l’accordo.

L’India è stata influenzata negativamente dal rialzo dei prezzi del greggio, dal momento che gli iraniani, che sono il terzo maggiore fornitore dell’India, sono costretti a lasciare il sistema. Le sanzioni condotte dagli Stati Uniti sulla Repubblica islamica dell’Iran stanno rendendo difficile agli indiani persino fare qualsiasi tipo di transazione finanziaria con i loro partner commerciali. Questo sta lasciando l’India vulnerabile ai capricci di un dollaro in espansione mentre cerca di stabilizzare le sue forniture da altre parti. Dopo tutto, con oltre il 55%, le importazioni di petrolio costituiscono una grossa fetta del deficit commerciale dell’India e l’acquisto di petrolio da altri paesi OPEC accentua il problema.

La Russia potrebbe forse essere l’ultima speranza del paese poiché le due nazioni commerciano principalmente nelle loro valute domestiche. I paesi accettano anche pagamenti sotto forma di altri articoli commerciabili come prodotti alimentari, prodotti farmaceutici e prodotti in pelle, come opzione di pagamento alternativa. Questo rende gli obblighi di pagamento per questi paesi molto meno ingombranti e onerosi.

Come oggi, l’India consuma quasi 4,38 milioni di barili al giorno di petrolio e dato il suo PIL medio di oltre il 7%, questa cifra salirà solo. A 0,46 milioni di barili al giorno, le forniture iraniane sono fondamentali per la dinamica di crescita dell’India. Poiché le forniture di petrolio iraniane hanno colpito un posto di blocco, la Russia può essere vista come un’alternativa.

L’unico problema è l’accesso, in assenza di una connessione geografica diretta tra i due giganti economici. Poiché tutte le importazioni di petrolio dall’India sono per lo più provenienti da petroliere, la vicinanza favorisce storicamente i fornitori del Medio Oriente. Ma come le importazioni da fonti più lontane (soprattutto Paesi del Sud America e Nigeria), la Russia come fonte alternativa sta diventando una proposta interessante. La soluzione coinvolge la Cina, il catalizzatore Una soluzione a questo problema si presenta sotto forma di un “gasdotto”, che può fornire rifornimenti ininterrotti agli indiani e la Cina, spesso definita un rivale regionale per l’India, può essere il catalizzatore in questo senso.

Questo perché il Regno di Mezzo, la seconda economia più grande del mondo sta già importando circa 1,3 milioni di barili al giorno (rispetto al fabbisogno giornaliero totale di 12,7 milioni di barili) dalla Russia attraverso condotte dedicate. Anche la Cina, geograficamente, collega sia la Russia che India. Il progetto ESPO, che è una delle principali fonti di questa offerta, è un canale di transito di quasi 0,6 milioni di barili al giorno in Cina.

Ciò a sua volta mette in evidenza il fatto che questa rete di pipeline dedicata ha reso il petrolio russo indispensabile per la Cina, che paga annualmente per la risorsa oltre $ 30 miliardi (sotto forma di pagamenti e prestiti). La volatilità dei prezzi del petrolio ha colpito anche la Cina, poiché la risorsa comprende quasi l’8% delle importazioni cinesi e le forniture russe aiutano sicuramente la stabilità interna per ora. Se il gasdotto ESPO da 4.857 km può essere esteso all’India, le tre potenze asiatiche potrebbero essere legate in un accordo strategico di condivisione delle risorse, rafforzando le loro relazioni.

Ciò può essere vantaggioso per entrambi, visti gli investimenti strategici esistenti in India, tra cui una partecipazione del 15% nelle attività di Vankorneft in Siberia. Il gasdotto Power of Siberia LNG, noto anche come gasdotto Yakutia-Khabarovsk-Vladivostok, che corre quasi parallelo all’ESPO, può essere esteso anche all’India come parte della partnership. Potenzialmente, la Russia può aspettarsi più di $ 20 miliardi di ricavi incrementali vendendo petrolio e GNL in India attraverso una pipeline dedicata, come caso di business di base.

Col tempo, con l’aumento di appetito dell’India e l’infrastruttura di supporto, l’attività aumenterà ulteriormente. La Cina da parte sua potrebbe guadagnare una tassa di transito per l’uso del suo territorio nell’ambito della partnership. Il vantaggio per l’India riguarderà principalmente la possibilità di utilizzare la sua valuta nazionale (e altre voci negoziabili) per i pagamenti, evitando così la volatilità del dollaro. Inoltre, l’India diventerà parte di un accordo tripartito con i suoi contemporanei regionali, che sono anche membri di altri membri del BRICS.

Broker per fare trading sul Petrolio

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY