Petrolio, Opec valuta aumento produzione: possibile calo prezzo?

Martedì i prezzi del petrolio sono scivolati in volatili condizioni di mercato, in vista di un incontro tra i maggiori produttori a fine settimana per discutere di pompare più oro nero. Il greggio grezzo, il benchmark globale del petrolio, è sceso dello 0,6% a $ 74,92 al barile della Borsa dei Futures ICE di Londra. Sul New York Mercantile Exchange, i futures del West Texas Intermediate sono scesi dell’1,3% a 64,97 dollari al barile.

I prezzi petroliferi sono saliti alle ultime sessioni sui titoli delle notizie che prevedono l’esito dell’incontro di venerdì a Vienna tra l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio e i suoi alleati . Le aspettative sono aumentate tra un aumento di 300.000 barili al giorno di produzione di petrolio, fino a 1,5 milioni di barili al giorno, in risposta al mercato petrolifero più stretto.

Secondo Staunovo, commodities analyst presso UBS Wealth Management, ritiene che l’Arabia Saudita, quasi leader tra i produttori di greggio, cercherà di raggiungere un consenso all’interno del gruppo per aumentare la produzione. Ci sono solo pochi produttori in grado di aumentare la produzione tra cui Arabia Saudita, Russia, Emirati Arabi Uniti e Kuwait, il che potrebbe significare che altri produttori resistono a qualsiasi aumento di produzione per timore che mandino i prezzi più in basso. “Potrebbero esserci discussioni più intense, ma suppongo che alla fine prenderanno una decisione consensuale per un piccolo aumento della produzione nel breve termine “, ha detto Staunovo.

I prezzi corretti sono diminuiti di circa il 7% dal picco di oltre $ 80 al barile a maggio dopo che i tagli guidati dall’OPEC hanno aiutato a svuotare gli inventari globali, spingendo il presidente degli Stati Uniti Donald Trump a incolpare l’intesa per aver reso i prezzi del petrolio” artificialmente molto alti”. “Gli investitori stanno ancora cercando di capire se la caduta delle ultime settimane potrebbe essere considerata come un’inversione o – come sembra più probabile – proprio come una correzione”, ha detto Carlo Alberto De Casa, Chief Analyst di ActivTrades.

Un attacco ribelle ai porti libici ha bloccato quasi la metà della produzione del paese. L’attacco ribelle sui porti libici ha portato la riduzione di oltre un terzo della produzione del paese rispetto ai livelli medi di maggio, ha detto martedì Mustafa Sanallah, a capo della National Oil Corp del paese. Le interruzioni delle forniture stanno aiutando a sostenere i prezzi, hanno detto gli analisti. Il gasolio della benzina riformulato, il contratto di riferimento della benzina, è sceso dell’1,1% a $ 2,03 al gallone. L’olio di gas ICE è passato di mano a $ 649,50 a tonnellata, in rialzo di $ 1,50 rispetto al precedente accordo.

Petrolio, i trader attendono sviluppi sulla guerra commerciale Cina-Usa

Lunedì il prezzo del petrolio è salito più in alto per recuperare alcune delle loro recenti perdite, in quanto i trader hanno valutato le crescenti tensioni commerciali tra gli Stati Uniti e la Cina. CLN8 intermedio medio del West West Texas, -1,43% è aumentato di 79 centesimi, o 1,2%, per attestarsi a 65,85 dollari al barile sulla borsa mercantile di New York, dopo aver perso il 2,7% il venerdì e aver registrato una perdita dell’1% la scorsa settimana.

Il benchmark globale Brent grezzo per consegna di agosto LCOQ8, -0,42% ha aggiunto $ 1,90, o 2,6%, a $ 75,34 al barile su ICE Futures Europe, dopo un calo del 3,3% venerdì e una perdita di circa il 4% la scorsa settimana. Gli investitori sono stati concentrati su come negoziare i disaccordi tra gli Stati Uniti e la Cina. Disaccordi che peraltro sono in aumento. Il presidente Donald Trump ha annunciato tariffe doganali per $ 50 miliardi sulle importazioni cinesi, e Pechino si è vendicata prendendo di mira le esportazioni americane di alto valore.

Il governo cinese ha annunciato piani per imporre tariffe sulle importazioni petrolifere degli Stati Uniti e altri prodotti energetici, quindi i timori di guerra commerciale riguardano lo “Spaventare gli operatori del petrolio a credere che potremmo vedere questo commercio spingere la crescita economica e ridurre la domanda di petrolio”, ha detto Phil Flynn, analista di mercato presso Price Futures Group, in una email giornaliera.

Gli analisti di Commerzbank hanno detto in una nota che “una possibile tariffa punitiva del 25% significa che il greggio statunitense non sarebbe più un’alternativa a basso costo nonostante l’attuale sconto sui prezzi”, aggiungendo che “si aspettano quindi che l’alto divario di prezzo tra Brent e WTI rimanga in vigore durante i mesi estivi.” Flynn, tuttavia, ha detto: “negli Stati Uniti le esportazioni di greggio verso la Cina sono state circa 380.000 barili al giorno a marzo, una grande quantità ma non abbastanza da rompere l’offerta globale di petrolio e l’equilibrio della domanda.”

Crede che l’annuncio della Casa Bianca delle tariffe pianificate contro le merci cinesi e una uguale rappresaglia da parte dei cinesi” non rallenterà davvero l’economia globale di così tanto. “Le tariffe commerciali inoltre non inizieranno fino all’inizio di luglio, ha detto, quindi c’è “un sacco di tempo per tagliare un altro accordo”.

Intanto si attendono le decisioni delle big del petrolio

Venerdì, sia il WTI che il Brent hanno incassato bene sia per la sessione che per la settimana, soppesati dalle aspettative che l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) e i suoi alleati accetteranno di aumentare la produzione in una riunione di questo venerdì.

In una nota di lunedì 18 giugno, Michael Wittner e Mark Kogel di Société Générale hanno affermato di aspettarsi che l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e il Kuwait decidano di aumentare la produzione di 500.000 barili al giorno a partire da luglio. “L’attenzione si concentrerà sulla sostituzione delle perdite venezuelane, non sulla compensazione dell’impatto delle sanzioni iraniane”, hanno detto. “Prevediamo inoltre che la Russia aumenterà gradualmente, di 200 mila barili al giorno entro due o tre mesi”. “Il fatto che questi siano gli unici quattro paesi con capacità inutilizzata potrebbe portare a un incontro difficile”, hanno affermato Wittner e Kogel.

“Il risultato sarà un greggio totale dell’OPEC sostanzialmente stabile, piuttosto che continui declini.” Ci sono rapporti, tuttavia, secondo i quali Iraq, Iran e Venezuela stanno “cercando di porre il veto a un aumento della produzione” e questo sta facendo comprendere al mercato la recente svendita di cui Flynn ha parlato a MarketWatch. Goldman Sachs, nel frattempo, ha detto in una nota lunedì, che continua ad aspettarsi che i prezzi del greggio Brent raggiungano un picco di $ 82,50 al barile quest’estate, anche dopo aver ipotizzato che l’OPEC presto accetterà di sollevare la produzione.

Continua inoltre a vedere “rischi al rialzo” per la sua previsione di Brent a fine anno di $ 75. Sicuramente, un rapporto dell’Amministrazione dell’Information Energy lunedì ha confermato le aspettative per ulteriori guadagni nella produzione USA, prevedendo un aumento mensile di 141.000 barili al giorno nella produzione di greggio da sette principali shale statunitensi giocano a 7,339 milioni di barili al giorno. Da qualche parte nel commercio di energia, la benzina di luglio RBN8, -0,45% è aumentata di circa l’1,6% a $ 2,055 a gallone e l’olio di riscaldamento di luglio HON8, -0,22% è salito del 2,1% a $ 2,132 al gallone.

Il gas naturale NGN18, -1,39% si è assestato a $ 2,951 per milione di unità termiche britanniche, in calo di quasi il 2,4%, dopo essersi stabilito venerdì sopra $ 3 per la prima volta dalla fine di gennaio.

Migliori broker per fare trading CFD sul petrolio

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Il peso dei dazi di Trump sul petrolio

Importanti compagnie energetiche statunitensi tra cui Plains All American Pipeline (PAA.N), Hess Corp (HES.N) e Kinder Morgan Inc (KMI.N) sono tra le tante in cerca di esenzioni dalle tariffe sulla importazione di acciaio, mentre gli Stati Uniti aumentano le tensioni commerciali con esportatori tra cui Cina, Canada e Messico.

Ci sono state quasi 21.000 richieste complessive per le esclusioni presentate al Dipartimento del commercio degli Stati Uniti da quando l’amministrazione Trump ha imposto prelievi quest’anno. Di queste, più di 500 petizioni riguardano pipe e materiali correlati. Le decisioni iniziali sono previste per questo mese, offrendo i primi indizi su come l’amministrazione bilancerà un’agenda che favorisca le esportazioni di petrolio e gas, supportando anche le industrie statunitensi dell’acciaio e dell’alluminio.

Il settore energetico, il potenziale di assistenza ha assunto ulteriore importanza dopo che la Cina ha sorpreso i mercati la scorsa settimana proponendo prelievi del 25% su circa $ 1 miliardo al mese di importazioni di petrolio dagli Stati Uniti in rappresaglia per le tariffe statunitensi.

L’industria dei gasdotti potrebbe affrontare costi più elevati dalle tariffe, poiché circa il 77% dell’acciaio utilizzato negli Stati Uniti viene importato, secondo uno studio del 2017 per l’industria dei gasdotti. I prezzi dei coil in acciaio laminati a caldo di riferimento USA sono aumentati di oltre il 50% rispetto a un anno fa, secondo S&P Global Platts. Pipelines dal più grande giacimento petrolifero della nazione nel Texas occidentale fino alla costa del Golfo sono quasi pieni, deprimendo i prezzi del greggio in quanto la produzione dovrebbe aumentare di circa 850.000 barili al giorno quest’anno e non si prevede che i progetti significativi vengano completati fino a almeno l’anno prossimo.

Plains ha cercato un’esclusione tariffaria per il suo oleodotto Cactus II di 500 miglia, che collegherà i giacimenti petroliferi del Texas occidentale alle banchine di esportazione vicino a Corpus Christi, in Texas. Questo mese, si aspetta di ricevere il suo primo materiale da Corinth Pipeworks SA, un produttore greco, secondo un deposito del Dipartimento del Commercio. “Pensiamo che le tariffe sarebbero ingiuste, ma possiamo tollerarle”, Greg Armstrong, amministratore delegato di Plains All American Pipeline (PAA.N), ha detto agli investitori questo mese, aggiungendo che le tariffe e le quote di importazione potrebbero danneggiare la crescita della produzione negli Stati Uniti.

Non ci sono fabbriche statunitensi in grado di produrre pipe con le specifiche necessarie per la linea di Plains. Solo tre mulini al mondo fabbricano questa pipe, e i ritardi nelle consegne potrebbero esacerbare i vincoli, incidendo sul prezzo del petrolio proveniente dal più grande giacimento petrolifero statunitense. La linea da 585.000 barili al giorno inizierà a fluire l’anno prossimo, proprio come gli analisti avvertono che un “collo di bottiglia” di greggio potrebbe costringere alcuni produttori a chiudere la produzione.

La capacità totale del gasdotto, ferroviario e di raffinazione locale dal giacimento del bacino del Permian a marzo è stata di 3,175 milioni di barili al giorno (bpd), secondo il servizio di informazione sull’energia Genscape, poco meno della produzione del giacimento petrolifero pari a circa 3,3 milioni di bpd a giugno. vuole anche un’esclusione per il suo gasdotto Gulf Coast Express da $ 1,75 miliardi di dollari dal West Texas alla costa del Golfo degli Stati Uniti. Ha ordinato il 47 percento del pipe specializzata necessaria per il progetto dal produttore turco di acciaio Borusan Mannesmann.

Solo un produttore statunitense ha potuto soddisfare le esigenze di Kinder Morgan, ma non ha potuto soddisfare il volume richiesto entro il tempo necessario, ha detto Kinder in un deposito. si impegna ad agire su richieste di esclusione entro 90 giorni dalla pubblicazione di una petizione per i commenti, ha detto un portavoce del Dipartimento del Commercio. Gli Stati Uniti potrebbero offrire rimborsi sulle tariffe pagate da quando una petizione è diventata attiva. Per le società che non vogliono correre il rischio di avere una richiesta negata, “potrebbe significare tagliare o spingere la timeline più lontano” per alcuni progetti, ha dichiarato Brigham McCown, ex Responsabile dell’ente normativo per la sicurezza delle tubazioni e dei materiali pericolosi. Hess ha citato problemi di sicurezza in una richiesta di utilizzo di tubi giapponesi per il suo progetto offshore Stampede nel Golfo del Messico.

“Senza la possibilità di utilizzare questo prodotto, non essere in grado di garantire la resistenza alla corrosione nelle operazioni in acque profonde utilizzando altri prodotti in acciaio attualmente disponibili – potenzialmente compromettendo sia la sicurezza che la protezione ambientale”, ha scritto la società nel suo archivio. Tra il 2015 e il 2016, gli Stati Uniti hanno importato tra circa $ 5 miliardi e $ 8 miliardi nella linea dei tubi di acciaio, valvole e raccordi per l’industria del gasdotto, secondo uno studio della società di consulenza ICF per l’American Petroleum Institute.

“C’è un sacco di preoccupazione sul fatto che l’aumento del costo della pipline aumenterà i costi per il nostro petrolio “, ha detto il senatore del Nord Dakota Heidi Heitkamp, che vuole che il Congresso voti sulle tariffe imposte per motivi di sicurezza nazionale. “Si tira su una corda nel commercio internazionale e si snoda in modi che non si potevano prevedere”.

I dazi sulla Cina si potrebbero rivelare un boomerang per petrolio americano

L’intensificarsi della guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti minaccia di frenare le esportazioni statunitensi di greggio in Cina, che è diventato il più grande mercato asiatico per le società estrattive americane negli ultimi 2 anni e mezzo. Pechino ha annunciato piani per imporre un dazio del 25% al petrolio degli Stati Uniti in risposta alla decisione del presidente Donald Trump di colpire $ 50 miliardi di beni cinesi con una tariffa equivalente.

L’impatto sulle esportazioni complessive di petrolio greggio degli Stati Uniti potrebbe essere attenuato nel breve termine, a condizione che gli addetti alla trivellazione siano in grado di trovare altri acquirenti. Ma se persiste la situazione, potrebbe distruggere un’enorme fonte di crescita futura della domanda, ridurre il costo del greggio statunitense e pesare sui bilanci dei trivellatori americani. La Cina sta superando il Canada come il più grande acquirente di greggio statunitense in alcuni mesi. Poco dopo che gli Stati Uniti hanno revocato il divieto di 40 anni di esportazione del greggio nel 2015, la Cina è passata dal non acquistare un solo barile di greggio americano a consumare un record di 448.000 barili al giorno lo scorso ottobre.

Le società cinesi hanno speso quasi $ 2 miliardi per importare petrolio greggio americano nel primo trimestre dell’anno, secondo S&P Global Platts. Mentre il Canada ha a lungo fornito un mercato stabile per il greggio degli Stati Uniti, gli acquisti della Cina sono cresciuti e il paese ha la capacità di acquistare ancora di più, ha detto Matt Smith, direttore della ricerca sulle materie prime presso la ditta cisterna ClipperData. “Le sanzioni vengono applicate, quindi significa che vedremo tagliare le forniture statunitensi al suo più grande mercato”, ha detto Smith alla CNBC.

La Cina, l’Europa e altre regioni hanno acquistato così tanto petrolio americano in gran parte perché è stato scambiato a un forte sconto rispetto ai benchmark internazionali come il greggio Brent. Le spedizioni settimanali superano regolarmente i 2 milioni di barili al giorno. Ma con il trading del greggio degli Stati Uniti West Texas a quasi $ 66 al barile, le tariffe cinesi peserebbero un costo aggiuntivo da $ 16 a $ 17, ha detto Suresh Sivanandam, senior manager per la raffinazione dell’Asia a società di ricerca sull’energia Wood Mackenzie.

Ciò significherebbe più che spazzare via l’attuale sconto di $ 9,50 sul greggio Brent, quindi il petrolio americano non sarebbe più competitivo. “Una tariffa del 25% è una cifra enorme”, ha detto Sivanandam. “Lo sconto deve essere quasi il doppio per avere senso per la Cina” per importare greggio negli Stati Uniti, tenendo conto dei costi di spedizione. È possibile che le esportazioni globali di greggio negli Stati Uniti potrebbero rimanere stabili immediatamente dopo che la domanda cinese si è asciugata”, ha detto Sivanandam.

Questo perché i compratori cinesi si rivolgono ad altri paesi per il tipo di qualità medio aspro e leggero che hanno precedentemente acquistato dagli Stati Uniti. Le società americane avrebbero quindi l’opportunità di rifornire i mercati che hanno perso i barili ai compratori cinesi.

Tuttavia, i trivellatori americani rischiano di perdere la crescente domanda cinese se le tariffe rimarranno in vigore. Wood Mackenzie sostiene che le esportazioni di greggio statunitensi verso la Cina potrebbero raddoppiare fino al 2023 in un ambiente di libero scambio, ma le tariffe indicano che le spedizioni potrebbero non essere all’altezza delle previsioni. “Mentre la Cina potrebbe garantire il greggio da fonti alternative come l’Africa occidentale, che ha una qualità simile al greggio americano, gli Stati Uniti troverebbero difficile trovare un mercato alternativo che sia grande come la Cina”, ha detto Wood Mackenzie in un briefing lunedì.

Altri gradi produttori americani del Texas stanno scambiando Brent anche con sconti più alti rispetto al West Texas Intermediate , poiché i perforatori affrontano una carenza di capacità del gasdotto per accogliere un boom di produzione dal bacino del Permian. Ma le tariffe porterebbero anche a un vantaggio tale, lasciando potenzialmente che il petrolio si arenasse proprio come i trivellatori lavoreranno attraverso i colli di bottiglia l’anno prossimo, secondo Smith a ClipperData.

Questo lascia due risultati probabili per i trivellatori americani, nessuno dei quali è buono per loro. I prezzi degli Stati Uniti dovrebbero scendere ancora più in basso rispetto al greggio straniero per renderlo attraente per i compratori cinesi, o il petrolio americano dovrebbe vendere a prezzi scontati in altri mercati. “Vedresti altri operatori del mercato arrivare a scegliere quel greggio a prezzi di seminterrato affare “, ha detto Smith.

Che potrebbe includere India, Corea del Sud, Taiwan e Thailandia, che stanno emergendo come acquirenti stabili. Trump potrebbe beneficiare di ciò perché i prezzi del petrolio più bassi manterrebbero un coperchio sul costo della benzina sotto la sua convenienza. Ma le tariffe cinesi avrebbero danneggiato la crescente industria petrolifera statunitense, una parte fondamentale della sua base, e minato il suo obiettivo di restringere il deficit commerciale con la Cina.

Libia, scontri tra ribelli ed esercito nazionale comportano riduzione di 400.000 barili

I continui scontri tra l’esercito nazionale libico e gruppi rivali hanno ridotto di 400.000 barili la capacità di stoccaggio del terminal delle esportazioni petrolifere di Ras Lanuf, dopo che un secondo serbatoio è stato incendiato, riferisce la Reuters, citando la National Oil Corporation. Potrebbero diffondersi ad altri tre serbatoi di stoccaggio, che chiuderebbero completamente lo stoccaggio a Ras Lanuf e porteranno ad una sospensione delle esportazioni.

Ciò avrebbe avuto un effetto devastante sull’industria petrolifera libica, che stava recuperando bene, spingendo 1,1 milioni di barili prima che gli attacchi a campi e infrastrutture diventassero sempre più frequenti. L’espansione della produzione divenne possibile dopo che l’LNA prese il controllo della Oil Crescent con i suoi quattro terminali di esportazione dalla Petroleum Facilities Guard nel settembre 2016. L’esercito ha poi passato questo controllo nelle mani del NOC.Ora, è stato sfidato dalle Brigate di Difesa Bengasi, un gruppo che l’LNA ha cacciato da Bengasi e ora sta provando a riconquistare le forze di terra e le forze della Guardia di Petrolio condotte da Ibrahim Jathran.

Gli scontri sono iniziati lo scorso giovedì e il giorno dopo, fonti militari hanno detto che l’LNA era stata cacciata da Ras Lanuf e dal più grande terminale di esportazione di Es Sider. A partire da venerdì, il calo della produzione di petrolio derivante dai combattimenti nei porti si è attestato a 240.000 barili al giorno.

Ora, con l’ultimo incendio del serbatoio, la capacità di stoccaggio di Ras Lanuf è crollata a 550.000 barili a causa dei due carri armati che sono stati incendiati. La probabilità che il fuoco si diffonda è considerevole, in quanto, secondo le fonti della lotta antincendio, stavano pure esaurendo la schiuma.

Le fonti dell’LNA hanno detto a Reuters che stavano preparando una controffensiva. Nel frattempo, il CNO ha chiesto a Jathran di lasciare i due porti prima che vengano fatti ulteriori danni all’infrastruttura. La compagnia ha stimato che il blocco del PFG dei quattro porti del Crescent costa alla Libia miliardi di entrate perse dalle esportazioni di petrolio.

La battaglia per controllare le maggiori riserve petrolifere in Africa ha preso una nuova svolta, che sta spegnendo la linfa vitale dell’economia libica. I nuovi combattimenti hanno bloccato i terminal petroliferi e bloccato le petroliere di circa un quarto dal caricamento di milione di barili di esportazioni giornaliere. Il generale Khalifa Haftar ha lanciato un’offensiva per riconquistare la cosiddetta “mezzaluna petrolifera”.

Le forze di Kaftar vogliono riconquistare il territorio petrolifero sequestrato due anni fa, inclusi i due maggiori porti petroliferi. Haftar è determinato a cacciare i caccia che hanno attaccato Ras Lanuf e Al-Sidra giovedì. Come la lotta per le entrate petrolifere influenzerà il futuro della Libia?

La crisi del Venezuela ha ridotto la produzione di petrolio

Il vicino collasso economico del Venezuela ha penalizzato la produzione petrolifera del paese, causando cambiamenti nei flussi petroliferi mentre gli acquirenti cercano di garantire forniture alternative. Come i lavoratori sono fuggiti dal paese, la compagnia petrolifera statale PDVSA ha avuto difficoltà a mantenere la produzione grezza da solo aumentando la produzione. Il settore della raffinazione della PDVSA si è inoltre deteriorato a causa della mancanza di fondi e di risorse umane.

PDVSA ha avuto difficoltà a strappare il greggio dallo stoccaggio perché le sue forniture sono soggette al sequestro dei creditori. In particolare, il 26 aprile il Tribunale Internazionale del Commercio ordinò alla PDVSA di pagare $ 1,04 miliardi a ConocoPhillips per l’espropriazione del 2007 del 50,1% di ConocoPhillips nella sua joint venture Petrozuata in PDVSA, e del 40% nel progetto Hamaca, entrambi erano installazioni petrolifere pesanti nella cintura dell’Orinoco del Venezuela orientale. E gli Stati Uniti hanno sanzionato le persone in Venezuela, incluso il presidente Nicolas Maduro, vietando l’acquisto e la vendita di qualsiasi debito del governo venezuelano, comprese obbligazioni emesse dalla PDVSA, e ha vietato l’uso della valuta digitale venezuela conosciuta come il Petro.

La produzione grezza del Venezuela potrebbe essere sul punto di sprofondare a 1 milione di barili al giorno, e un calo delle esportazioni di greggio sta causando uno spostamento dei flussi commerciali. La produzione grezza del Venezuela ha raggiunto in media 1,36 milioni di barili al giorno a maggio, in calo da 1,41 milioni di barili al giorno in aprile e 1,9 milioni di barili al giorno nel maggio 2017, secondo S&P Global Platts. L’Agenzia internazionale per l’energia ha affermato che potrebbe scendere a 800.000 barili al giorno o addirittura diminuire l’anno prossimo.

S&P Global Platts Analytics prevede che la produzione venezuelana rimanga superiore a 1 milione di barili al giorno nel 2019. “Hanno una certa quantità di produzione che possono continuare, anche se i gradi più pesanti si ripercuoterebbero se non fossero più in grado di acquistare diluenti”, ha detto Chris Midgley, head of Platts Analytics. All’inizio di giugno, PDVSA ha notificato a 11 clienti internazionali che non sarebbe stata in grado di soddisfare pienamente i propri impegni di fornitura grezza, ha detto un funzionario PDVSA.

È contrattualmente obbligato a fornire 1.495 milioni di barili al giorno a questi clienti a giugno, ma ha solo 694.000 b / g disponibili. I clienti non commenterebbero, o non potrebbero essere raggiunti per un commento. * Il numero di impianti di perforazione del Venezuela è sceso a 28 a maggio da 36 ad aprile e 49 a gennaio, secondo Baker Hughes International Rig Counts.

PDVSA ha subito un calo simile il passato. Negli anni ’80, il numero di impianti è sceso a meno di 30, causando una riduzione della produzione di petrolio a 1,3 milioni di barili al giorno. La produzione è rallentata in gran parte a causa della mancanza di manutenzione e di dipendenti qualificati che sono fuggiti dal paese. Ad esempio, PDVSA Friday ha messo in funzione il suo upgrading di petrolio extra pesante pesante di 202.000 barili / giorno Petrocedeno a solo il 39,6% della capacità, a causa di manutenzione ritardata, mancanza di pezzi di ricambio e guasti elettrici, secondo un operatore della struttura.

Gli upgrader – i 120.000 b / d Petrosanfelix, 120.000 b / d Petromonagas e 190.000 b / d potenziatori Petropiar – dovrebbero funzionare al di sotto della capacità a giugno. PDVSA ha pianificato di costruire un upgrader da 200.000 b / d ad un costo stimato di $ 5 miliardi – $ 6 miliardi nel progetto PetroCarabobo. Tuttavia, l’ONGC Videsh in India ha messo in attesa di investire nell’upgrade fino a quando non avrà ricevuto il pagamento completo per le sue vendite di petrolio azionario.

LEAVE A REPLY