Petrolio sempre più demonizzato: le major investono nel campo elettrico

petrolio

Dopo la ripresa delle trivellazioni petrolifere e del gas osservate nel 2018, quest’anno il ritmo della crescita delle trivellazioni in tutto il mondo è destinato a intensificarsi. Seppure moderatamente. Lo dicono gli analisti delle previsioni petrolifere mondiali. L’indiscusso leader nelle attività di perforazione lo scorso anno sono stati gli Stati Uniti, con la produzione di scisti in aumento e continuerà a guidare la crescita dell’attività di trivellazione globale anche nel 2019.

Escludendo gli Stati Uniti, l’attività di trivellazione mondiale è destinata ad aumentare del 2,5 percento a 46.909 pozzi che dovrebbero essere perforati nel 2019. A seguito di una ulteriore modesta crescita dell’1,6 per cento nelle perforazioni nel 2018, World Oil ha stimato.

Gli analisti petroliferi mondiali hanno previsto attività di trivellazione in otto regioni principali, in cui hanno incluso paesi selezionati. In genere i maggiori produttori di petrolio e gas in ciascuna di queste regioni. Le otto regioni sono il Nord America, esclusi Stati Uniti, Sud America, Europa occidentale, Europa orientale / ex Unione Sovietica (FSU), Africa, Medio Oriente, Estremo Oriente / Asia meridionale e Sud Pacifico.

Tutte, tranne una di queste otto regioni, ci si aspetta di vedere un maggior numero di pozzi trivellati quest’anno rispetto al 2018. L’unica eccezione potrebbe essere il Medio Oriente, dove l’attività di perforazione è destinata a diminuire leggermente dello 0,5%. Ciononostante, World Oil vede il 2019 come un anno molto forte per i principali produttori del Medio Oriente. Un altro aspetto fondamentale delle previsioni è che la crescita delle trivellazioni offshore di petrolio e gas supererà il mercato globale delle perforazioni.

Mentre l’attività globale di perforazione globale, escludendo gli Stati Uniti, dovrebbe aumentare del 2,5% quest’anno, le perforazioni in mare aperto dovrebbero aumentare di poco più del 6% a 2.204 pozzi. Le aree di perforazione offshore più attive includeranno il Canada orientale, il Brasile, la Norvegia, l’Angola, la Nigeria, l’Arabia Saudita, Abu Dhabi, la Cina e l’India, secondo World Oil.

Il mese scorso, la società di ricerca Rystad Energy ha affermato che la produzione globale di acque profonde è regolata saltare di 700.000 barili al giorno dal 2018 per raggiungere un record di 10,3 milioni di barili nel 2019 grazie ai nuovi giacimenti in arrivo in Brasile e nel Golfo del Messico. Oltre a Brasile e Stati Uniti, gli altri maggiori produttori di acque profonde saranno l’Angola, la Norvegia e la Nigeria, secondo Rystad.

Interrompendo l’attività di perforazione da parte delle otto principali regioni, World Oil rileva che il Nord America, incluso Canada e Messico ed escludendo gli Stati Uniti, vedrà un aumento dell’attività del 5.1% quest’anno. Le trivellazioni in Canada dovrebbero rimanere piatte quest’anno, poiché l’industria petrolifera sta implementando un taglio di produzione imposto dalla provincia di Alberta per far fronte alla saturazione, a causa della capacità limitata del takeaway.

Il numero di rig del Messico è aumentato negli ultimi mesi. E, sebbene il nuovo presidente Andrés Manuel Lopez Obrador stia fermando le gare per nuovi blocchi di petrolio e gas e riesaminando tutti i precedenti contratti con aziende straniere, c’è ancora speranza che non si limiti a tornare indietro sul suo predecessore riforma energetica, l’olio del mondo calcola.

L’America ridurrà le perforazioni di appena l’1,7% quest’anno. Con i punti caldi Brasile e Guyana che compensano un massiccio calo del 15,8% in Venezuela e una Argentina più debole, dove la crisi economica continua.

Ci sarà comunque una crescita del 3,9%, trainata dall’attività offshore in Norvegia e dalla perforazione nel Regno Unito a un ritmo simile all’aumento del 5,7% nel 2018.

L’attività dell’Europa orientale / FSU è in aumento dell’1,4% quest’anno dopo una crescita del 4,3% lo scorso anno, che è stata spinto dalla produzione record russa grazie alle rampe del suo più grande produttore di petrolio Rosneft. La crescita in Africa dovrebbe crescere al ritmo più veloce tra tutti l regioni, l’8,7%, con l’Angola e l’Egitto in testa.

L’attività in Medio Oriente è prevista in un calo dello 0,5%, ma i principali produttori di OPEC Arabia Saudita, Iraq e Emirati Arabi Uniti sono pronti per la crescita del 5,4%.

Il Sud Est asiatico segnerà un aumento del 2,6%, dopo un balzo del 12% nel 2018, con una perforazione cinese prevista del 2,5% in quanto le principali società energetiche mirano a incrementare la produzione nazionale di petrolio e gas Nel Sud del Pacifico, le perforazioni aumenteranno del 3%, con l’attività australiana del 2%, secondo World Oil.

Piattaforme per investire sul petrolio

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

L’industria petrolifera è in sofferenza e potrebbe andare peggio

L’industria petrolifera è un po’ bloccata. Gli investitori stanno diventando impazienti persino con le maggiori compagnie petrolifere. Nel breve periodo, i bassi prezzi del petrolio e la minaccia di una più alta fornitura di shale negli Stati Uniti, sottraggono completamente l’entusiasmo degli investitori al settore petrolifero. Ma a lungo termine, la prospettiva del picco della domanda di petrolio è un problema ancora più grande. Una decelerazione della crescita della domanda e, in definitiva, un calo su base assoluta, mette in discussione le valutazioni delle compagnie multinazionali di petrolio e gas.

In ogni caso, le major potrebbero non essere in grado di produrre tutte le riserve di petrolio e gas sui loro libri e la quantità di “beni bloccati” potrebbe aumentare se i governi alla fine si impegneranno seriamente ad affrontare i cambiamenti climatici. Tutto ciò significa che gli investitori stanno perdendo fiducia nel caso delle compagnie petrolifere grandi e piccole. Il settore energetico ha seguito male la S&P 500 l’anno scorso, e in modo lampante, persino l’indice è rimasto indietro quando i prezzi del petrolio stavano salendo vertiginosamente.

“C’è proprio questo odio per questo bene adesso”, ha detto l’analista di Bernstein, Bob Bracket. “Non lo vogliono nel breve periodo a causa delle oscillazioni dei prezzi osservate negli ultimi anni. E nel lungo periodo ci sono timori su come queste aziende guardino tra un decennio, se la transizione energetica raduna.

“Gli azionisti stanno facendo la loro parte. L’industria sta per entrare nella stagione delle riunioni annuali degli azionisti e il numero di risoluzioni relative ai cambiamenti climatici in aumento per un voto è salito a 75. Un livello record, secondo il Wall Street Journal. Questo è il risultato di appena 17 nel 2013.

Negli anni passati, i dirigenti petroliferi hanno rinunciato a queste proposte degli azionisti, eliminandole come distrazioni, inutili o cattive per gli affari o una combinazione di tutte e tre le . Ma gli azionisti sono sempre più irrequieti mentre la crisi climatica si fa più profonda e il futuro dell’industria petrolifera sembra più duro che mai. Non sono più solo i gruppi ambientalisti o di difesa degli azionisti. Il gigante del private equity BlackRock Inc. e la società di investimento Vanguard Group, tra gli altri in Big Finance, stanno ora sostenendo gli standard di reporting sui cambiamenti climatici.

Per essere sicuri, queste sono richieste minori. Come riferisce il WSJ, DowDuPont si trova di fronte a una proposta alla sua riunione del 2019. Che richiederebbe maggiori informazioni sulla vulnerabilità ai disastri naturali nel suo impianto chimico nel Golfo del Messico.

Ma le rivelazioni sul rischio climatico stanno diventando molto più di routine. È stato solo due anni fa che una risoluzione degli azionisti approvata dagli azionisti di Occidental Petroleum, che chiedeva alla compagnia di valutare la sua vulnerabilità ai cambiamenti climatici, era considerata una pietra miliare per gli investitori attivisti.

Ora quelle risoluzioni sono probabilmente considerate come passi modesti, il minimo che i giganti del carburante fossile possono fare. Ora, gli investitori stanno aumentando la loro pressione. Royal Dutch Shell è stata costretta a modificare il modo in cui compensa l’alta direzione. Il principale petrolifero anglo-olandese ha fissato obiettivi di riduzione dei gas a effetto serra, con l’obiettivo di ridurre le emissioni a metà entro il 2050, collegando anche i compensi dei dirigenti per raggiungere tali obiettivi.

Per un petrolio e gas che siano rilevanti, questo è uno sviluppo notevole e potrebbe forzare l’accelerazione del perno di Shell in energia rinnovabile, veicoli elettrici e altre forme di energia.

La decisione è arrivata dopo un’intensa pressione da Climate Action 100, una coalizione guidata dagli investitori che rappresenta 32 trilioni di dollari di asset in gestione. Una coalizione che rappresenta quel tanto di capitale è destinata a postare più vittorie nei mesi e negli anni a venire. Nel frattempo, il gigante minerario Glencore ha anche annunciato un berretto duro sulla sua produzione di carbone, citando le preoccupazioni sul cambiamento climatico.

Va notato che, in qualità di spedizioniere marittimo di carbone più grande del mondo, le riduzioni delle forniture potrebbero effettivamente rafforzare il mercato e aumentare i prezzi, cosa che andrebbe a vantaggio di Glencore. Ciò nonostante, un tetto alla produzione di carbone e il segnale che il carbone alla fine sarebbe stato eliminato gradualmente, ha provocato onde d’urto attraverso il mercato.

Precedentemente, l’attivismo degli azionisti era finalizzato semplicemente a costringere le compagnie petrolifere, del gas e del carbone a rivelare i rischi climatici. Essenzialmente per ammettere di avere un problema. Ma ora, lo scrutinio degli investitori sta avendo un impatto reale sul mondo delle operazioni aziendali. In breve, altri combustibili fossili saranno lasciati nel terreno.

Petrolio messo a rischio da energia green

 

Le case automobilistiche stanno sempre più rendendo plateali le loro intenzioni a lungo termine di abbandonare i motori a benzina per i motori elettrici. Big Oil ascolta il messaggio e sta prendendo provvedimenti per aggiustare il suo modello di business per sopravvivere in un’epoca in cui le vendite di benzina potrebbero iniziare a prosciugarsi.

Veicoli ibridi elettrici e plug-in sono progettati per rappresentare più della metà delle vendite di veicoli globali, o più di 60 milioni di veicoli, entro il 2040, secondo Bloomberg New Energy Finance. Ciò rappresenta una minaccia esistenziale agli odierni fornitori di carburante per veicoli. Come una siepe, l’industria petrolifera sta facendo investimenti precoci e relativamente poco costosi in infrastrutture e tecnologie di ricarica per veicoli elettrificati per superare potenziali problemi. Royal Shell a gennaio ha dichiarato di aver accettato di acquistare Greenlots, una società di gestione dell’energia e carica energetica di Los Angeles.

L’acquisizione di Greenlots “indica chiaramente l’ingresso di Shell nel mercato di ricarica degli Stati Uniti”, ha affermato il conglomerato energetico nelle risposte inviate via e-mail alle domande di Automotive News. “Gli Stati Uniti sono un mercato principale” ha detto Shell. “Offre il potenziale per una catena del valore completamente integrata – dalla generazione, al power marketing e all’uso finale.”

Il colosso petrolifero probabilmente realizzerà più di tali accordi. Il business Shell New Energies, che sta gestendo l’acquisizione di Greenlots, ha dichiarato che prevede di spendere da 1 miliardo a 2 miliardi di dollari l’anno fino al 2020 in opportunità commerciali, compresa l’infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici.

“Un mosaico di diversi combustibili sarà necessario per soddisfare la crescente domanda di trasporto in un futuro energetico a basse emissioni di carbonio”, ha detto Shell.

Quest’ultima non è la sola ad avere nelle sue ambizioni di infrastruttura EV. Concorrente Chevron investe in ChargePoint, un importante fornitore di reti di ricarica negli Stati Uniti. Nel frattempo, BP sta divorando reti di ricarica in Europa. Morsy: costi più competitivi Per le compagnie petrolifere, gli investimenti in infrastrutture di ricarica EV sono come una “opzione di chiamata”, ha affermato Salim Morsy, analista dei trasporti avanzato con Bloomberg New Energy Finance.

“È un modo abbastanza economico per proteggere il loro business downstream”, ha detto Morsy. “Se i veicoli elettrici diventeranno realtà nel medio termine, [le compagnie energetiche] avranno un punto di accesso che è conveniente e li proteggerà da potenziali erosioni nel loro core business per il marketing e la distribuzione di combustibili fossili.”

Il passaggio dell’industria verso l’elettrificazione è una strada a senso unico, ha detto John Gartner, direttore dei trasporti di Navigant Research. “Non è come tra 25 anni, il petrolio tornerà in auge”, ha detto Gartner. “Quindi, perché non essere coinvolti ed essere consapevoli della nuova tecnologia?” Gli investimenti in infrastrutture EV sono anche un gioco immobiliare. Le maggiori compagnie petrolifere hanno reti nazionali di stazioni di servizio lungo corridoi di trasporto che potrebbero facilmente ospitare caricabatterie elettrici.

“Crediamo che l’acquisizione di Greenlots è un passo avanti per garantire che i clienti possano accedere a una serie di scelte di rifornimento nei prossimi decenni, in quanto le nuove tecnologie evolvono per coesistere con i tradizionali carburanti per il trasporto “, ha affermato Shell.

Dunque, i colossi petroliferi stanno correndo ai ripari.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY