Pericolo doppio massimo in area 13.000 per il cambio bitcoin-dollaro

Pericolosa figura di doppio massimo per la coppia BTC-USD, che dopo aver momentaneamente sfondato area 13.000, spingendosi fino ad un top intraday a quota 13.173 ha innestato la marcia indietro, scendendo pericolosamente sotto area 12.000, toccando un minimo a ridosso di area 11.000.

Sullo stop dell’ascesa del rapporto di cambio tra il Bitcoin ed il biglietto verde hanno pesato le dichiarazioni del presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, che ha sollevato non pochi dubbi su “Libra“ la nuova criptovaluta targate Facebook. Difronte alla Commissione sui Servizi Finanziari del Congresso, Powell si è detto molto preoccupato principalmente per il rischio privacy, considerato i precedenti della società guidata da Zuckemberg, ma ha inoltre espresso dei timori che la nuova valuta digitale possa essere utilizzata per riciclare danaro sporco. Tuttavia, il numero uno della FED ha chiarito di non voler ostacolare l’innovazione finanziaria, ma le priorità rimangono la protezione dei consumatori e la legalità. Critiche alla criptovaluta di Facebook sono arrivate anche dalla Cina, dove l’ex governatore della Banca Popolare Cinese, ha affermato di aspettarsi che il governo prenda le dovute precauzioni su Libra.

Un’altra spallata alle quotazioni del Bitcon è arrivata dal Regno Unito, dove la Financial Conduct Authority (FCA) potrebbe vietare il trading di contratti derivati con sottostante il BTC e lealtre valute digitali. La FCA è fermamente preoccupata della volatilità delle criptovalute, dopo che da una ricerca si è appreso che sarebbe di ben quattro volte superiore a quella di alcuni asset come le materie prime, già di per sé molto volatili.

Gli estimatori del Bitcoin, come il CEO di Morgan Creek, Mark Yusko, vedono nei possibili cali della coppia BTC-USD, delle occasioni per rientrare a valori più bassi, lanciando previsioni di ulteriori rialzi fino a quota 30.000.Durante un’intervista alla CNBC il CEO di Morgan Creek, Mark Yusko, ha avanzato una previsione sul prezzo di bitcoin, che sarebbe in fase parabolica, diretto verso quota 30.000 dollari.

Da una recente ricerca elaborata da Bitinfocharts.com è emerso che il numero di indirizzi con almeno 1 dollaro in BTC è di 20.070.750; quelli con almeno 100 dollari sono 8 milioni; quelli con almeno 1.000 dollari sono 3 milioni, mentre sono 2.381 milioni gli indirizzi con almeno 10 milioni di dollari in Bitcoin.

Le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo di Bitcoin. Ad esempio 24option (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori critptovalute in circolazione, non solo su Bitcoin. Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Andamento cambio bitcoin-dollaro sul breve-medio periodo


Al momento della scrittura, il rapporto di cambio tra il Bitcoin ed il biglietto verde vale 11.415, evidenziando un modesto ribasso dello 0,10%. Come evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, le quotazioni sono scese sotto il primo supporto di brevissimo rappresentato dalla media mobile a 10 giorni, la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico con time-frame giornaliero, in alto.

A rischio anche il primo sostegno multiday che passa sulla media mobile a 25 giorni (la linea mediana sul grafico) , che transita in area 11.000. L’eventuale perdita, in chiusura giornaliera o peggio ancora settimanale, dell’EMA 25 potrebbe provocare un‘ ulteriore accelerazione ribassista con target sulla media mobile a 50 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che si colloca poco sotto area 10.000. Lo scenario ribassista appena evidenziato potrebbe invece venir meno in caso di pronto recupero oltre area 12.000

Modello di trading cambio BTC-USD valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista si attiva in caso di allungo oltre quota 11.521 in chiusura di candela oraria o daily e consiglia di prendere profitto in area 11.675 e 11.864; stop loss in caso di ritorno sotto quota 11.306 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori estensioni oltre quota 11.864 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 12.056 e successivamente a quota 12.251; stop loss in caso di close orario minore di quota 11.675.

Suggeriti ulteriori Long in caso di nuovi acquisti oltre quota 12.251 in close orario o daily, per tentare di prendere profitto in area 12.449 e 12.775, estesa a quota 13.100; stop loss in caso di ritorno sotto quota 12.056 in chiusura giornaliera. Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 9.983, per cercare di approfittare di eventuali rimbalzi in prima battuta a quota 10.251 ed in un secondo momento a quota 10.420, estesi a quota 10.592; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 9.720 in chiusura giornaliera.

Il modello di trading ribassista, invece, necessita di una flessione sotto quota 11.306 in chiusura di candela oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 11.123 e 10.943; stop loss in caso di recupero oltre 11.521 quota in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 10.943, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 10.766 ed in seconda battuta a quota 10.592; stop loss in caso di ritorno sopra quota 11.306 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 10.592 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in area 10.420 e 10.251, estesa a quota 9.983 stop loss in caso di recupero sopra quota 11.028 in close daily. Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 13.100, per sfruttare eventuali storni, in primo luogo verso quota 12.775 e successivamente a quota 12.449, estesi a quota 12.251; stop loss in caso di ulteriori strappi oltre quota 13.455 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY