Pensioni: sempre più coloro che percepiscono meno di 1000 euro

pensioni

L’Inps in un suo comunicato stampa ha annunciato come il 64,6% delle pensioni ha un importo inferiore ai 1000 euro. La spesa pensionistica sostenuta per l’erogazione delle pensioni sotto i 1000 euro è il 32% del totale.

Quali sono le pensioni che rientrano tra quelle sotto i 1000 euro?

Tra queste pensioni troviamo quelle assistenzialistiche, cioè quelle ricevute da chi è disagiato a livello psico-fisico, a livello economico e/o sociale. pensioni

Invece chi percepisce un reddito pensionistico compreso tra 1000 e 2000 euro espresso in valore percentuale rappresenta il 38,9%.  Va sottolineato però come gli stessi redditi variano a seconda della locazione geografica. Com’è infatti facilmente intuibile, nel sud dell’Italia, la percentuale di persone che percepiscono una pensione inferiore ai 1000 euro aumenta e arriva a superare il 48%. Stesso discorso per la fascia totalmente opposta, ossia coloro che percepiscono un reddito pensionistico superiore ai 2000 euro al mese, nel Mezzogiorno corrisponde al 18% della popolazione, rispetto ad un 24-25% nel nord Italia.

Per concludere, un ulteriore dato denota come in generale in Italia, tra le pensioni che superano i 1500 euro al mese, i pensionati maschi siano maggiori rispetto alle pensionate femmine.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY