Pensioni: aumento spesa dei dipendenti pubblici dell’82%

Sono stati comunicati nella relazione del Ministero dell’Economia i dati sugli andamenti della spesa pensionistica, dai quali è emerso che la spesa per le pensioni dei dipendenti pubblici negli ultimi 15 anni è quasi raddoppiata.

Nel 1999 le uscite furono di 37 miliardi e nel 2015 sono arrivate a toccare i 67,4 miliardi di euro, con un incremento quindi dell’82%.

Entrate contributive

Per quanto riguarda le entrate contributive e relativi trasferimenti, la crescita ha raggiunto, sempre tra il 1999 ed il 2015, il 67,8%.

Le prestazioni pensionistiche nel 2001 avevano avuto un costo di 39,9 miliardi rispetto alle entrate pari a 40,8 miliardi, l’anno seguente le entrate erano pari a 42,1 miliardi a fronte dei 41,8 miliardi di uscite.

Il 2006 ha segnato l’ultimo anno in cui le entrare sono risultate essere maggiori rispetto alle uscite con 48,9 miliardi a fronte dei 48,6, nell’ultimo decennio i versamenti non sono più riusciti a tenere il passo.

Crescita costante spesa pensionistica

Nel 2012 la crescita costante della spesa pensionistica ha subito una battuta d’arresto importante, mentre dal 2015 non è stata più superata la soglia del 2,6%.

L’incremento più sostanziale è stato registrato invece nel 2009, anno in cui la spesa pensionistica è aumentata di 3,1 miliardi rispetto al 2008.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY