Pensionati residente all’estero sotto controllo: inizia la caccia del fisco!

pensionati

Anche i pensionati residenti all’estero saranno sottoposti a controllo. Il fisco inizia la caccia a possibili evasori. Tutti i Comuni dovranno comunicare il numero esatto dei 4,5 milioni di italiani che ormai vivo da tempo stabili all’estero. L’obiettivo è chiaramente quello di individuare possibili evasori di tasse e tributi italiani. La lente di ingrandimento sarà puntata allora su chi è andato all’estero per lavoro o per altri motivi personali.

Pensionati sotto la lente del fisco

In particolare però, recenti provvedimenti fanno notare come i controlli saranno estesi con maggiore minuzia anche sui pensionati residenti all’estero che risultano essere circa 500 mila e vivono in paesi come Spagna (soprattutto alle Canarie), Portogallo e Bulgaria. Basta pensare che solo nel 2014 i pensionati andati a vivere fuori dall’Italia, sono aumentati del 40%. pensionatiPrincipalmente hanno fatto questa scelta perché la pensione lorda è uguale a quella che percepiscono qui in Italia, ma essendo in quei paesi il costo della vita veramente inferiore, risulta più conveniente vivere lì. Quindi teoricamente, i redditi come le pensioni, devono essere tassati sulla base del regime fiscale italiano e non di quello del paese di residenza. Alcuni di questi stessi paesi hanno però abbassato l’aliquota sulle pensioni per fare concorrenza all’Italia e attirare così un maggior numero di pensionati. Una sorta di macro operazione di marketing istituzionale.

Quale accusa possono ricevere i pensionati?

Non si possono accusare di evasione fiscale, ma di elusione forse sì. Bisognerebbe effettuare maggiori controlli sui punti residenza e di dimora, perché se la residenza è all’estero ma la dimora continua ad essere in Italia, allora potrebbe benissimo trattarsi di un modo per eludere il pagamento delle tasse qui.

Con questo nuovo provvedimento si potrà creare una vera e propria banca dati dove immagazzinare le informazioni delle singolo pensioni di tutti gli italiani emigrati, così da monitorarli con la dovuta attenzione.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY