Pc, continua la crisi: mercato globale segna altro calo

Con la diffusione dirompente dei dispositivi mobili, il caro vecchio Pc ha fatto registrare un costante calo, confermatosi anche nel terzo trimestre di quest’anno, nel quale sono stati consegnati complessivamente quasi 69 milioni di pc. Ciò significa meno del sei percento rispetto allo stesso periodo 2015 (il 5,7%). Trattasi del periodo più nero della storia dei Pc, visto che si tratta dell’ottavo trimestre consecutivo col segno meno. Analisi confermata anche dalla società Idc, secondo la quale nel terzo trimestre sono stati venduti 68 milioni di pezzi, il 3,9% in meno rispetto all’anno prima.

Crisi Pc: motivi e chi è rimasto leader del mercato

Le ragioni sono quelle enunciate nell’incipit, come conferma anche Mikako Kitagawa, di Gartner: “i Pc non sono più una priorità per la maggior parte dei consumatori, che non sentono la necessità di rinnovare i propri pc con la stessa frequenza di un tempo”. Non vale dunque più la regola “morto un Pc, se ne fa un altro”. Quando un Pc non è più funzionante, molti decidono di non acquistarne uno nuovo.

pcIn questa crisi del Pc, chi resta leader del settore? Secondo Gartner in testa c’è Lenovo (20,9% del mercato nel terzo trimestre 2016), seguito a stretto giro da HP (20,4%), e poi da Dell (14,7%), Asus (7,8%) e Apple (7,2%). Quest’ultima, secondo indiscrezioni, vorrebbe lanciare una nuova linea di Mac; la sua linea di computer. Tra i pochi a vendere ancora.