Paypal o Postepay: guida utile all’utente, quali sono le differenze e come risparmiare?

Come ricaricare la postepay con paypal

Carte di credito, carte di debito, prepagate: una vasta pletora di strumenti elettronici, gli utenti possono davvero optare per tanti prodotti creditizi e di gestione del risparmio e mezzi di pagamento.

Quale scegliere? Tra i più famosi Postepay e Paypal ma, c’è una differenza? Non sempre i consumatori del credito sono in grado di percepire e di capire il corretto funzionamento tra i due strumenti di pagamento elettronico, eppure, hanno anche degli elementi che li accomuna.

La domanda che i risparmiatori si pongono: quale conviene di più? Cerchiamo in questa guida di capire le differenze che intercorrono tra Postepay e Paypal, quali sono i vantaggi nell’utilizzo dell’una o dell’altra carta prepagata e quale tra i due strumenti di pagamento elettronico è preferibile.

Sommario

Carte Revolving: cosa sono e quali sono

Fin dal momento della loro introduzione sul mercato, le carte prepagate o carte Revolving hanno riscontrato un largo successo da parte dei consumatori creditizi di tutto il mondo.

Sia la clientela privata che quella business, per fare i loro acquisti online con tutta sicurezza continuano a preferire tale strumento di pagamento elettronico rispetto alla fruizione delle più costose soluzioni di pagamento con carte di credito o bancomat.

I punti di forza delle Carte Prepagate? Sicurezza, velocità nel concludere l’acquisto online e costi esigui, oltre la possibilità di compiere numerose operazioni e transazioni.

Una carta Revolving è sicuramente un mezzo di pagamento elettronico davvero interessante concesso da un istituto emittente (banca o società di credito) a fronte di un esborso iniziale da parte del cliente, di importo davvero esiguo e, non minimamente comparabile con gli oneri gravanti su carte di credito o Bancomat.

La peculiarità fondamentale è che il consumatore creditizio che opta per l’utilizzo della carta Revolving, potrà spendere solo il contante precedentemente ricaricato sulla carta. Da qui si capisce perchè venga denominata Carta prepagata o ricaricabile: oltre l’importo caricato dal titolare non è possibile spendere e non si può andare in rosso.

Carta Prepagata: quali sono i vantaggi?
I vantaggi accomunabili derivanti dall’utilizzo sia della Postepay che della Paypal è:

  • la facilità nell’utilizzo,
  • la documentazione richiesta per aprire le carte prepagate è davvero minima: basterà fornire un documento d’identità e versare un minimo di importo da caricare,
  • non si applicano interessi, il denaro disponibile sulla carta è caricato dall’utente mediante ricarica,
  • ottima soluzione per chi non dispone di un conto corrente bancario o postale,
  • strumento ideale per giovani, studenti o più in generale dei bacini di utenza che hanno difficoltà nell’utilizzo di una carta di credito o Bancomat,
  • utilizzabile sia per acquisti tradizionali che online,
  • accesso ai contenuti esclusivi senza abbonamento.

Paypal o Postepay: la differenza

Che differenza intercorre tra PayPal e Postepay base?

Come già messo in evidenza i due strumenti di pagamento elettronici rientrano nella categoria delle carte prepagate.

Le differenze tra l’una e l’altra vengono ad evidenziarsi per quanto concerne l’applicazione delle commissioni.

Prelevare con Postepay in Italia comporta l’applicazione di una commissione di 1 euro presso ogni ufficio postale e ATM. Prelevare con Postepay presso gli sportelli di qualsiasi altro istituto bancario e presso ogni filiale sul territorio europeo, comporta una commissione di 1,75 euro. Prelevare fuori dai confini extraeuropei comporta l’applicazione di una commissione di 5 euro.

Per quanto concerne Paypal, le commissioni applicate sono: 1,50 euro presso Lottomaticard, 1,75 euro presso qualsiasi banca ubicata in Comunità europea e 3 euro + fee del 2% fuori dai confini extra europei. Presso il Gruppo Banca Sella è possibile prelevare gratuitamente.

Altra differenza che intercorre tra le due prepagate riguarda i costi di attivazione? Il costo di attivazione della Postepay è di 5 euro, mentre è di 9,90 euro per quanto concerne Paypal.

La documentazione necessaria per procedere con l’attivazione della Carta Prepagata da presentare: Carta d’identità e Codice fiscale dell’intestatario.

Per attivare la Postepay, è necessario recarsi presso un qualsiasi ufficio postale ubicato sul territorio nazionale, mentre nel caso di Paypay ci si deve presentare in una qualsiasi ricevitoria Lottomatica abilitata oppure mediante il canale telematico e riceverla a casa.

Altra differenza tra le due Carte Prepagate riguarda i costi di ricarica: ricaricare la Postepay costa 1 euro presso gli uffici postali e 2 euro presso punti vendita Sisal. Ricaricare la carta Paypal comporta il sostenimento di una commissione 1,50 euro nei punti vendita LIS CARD di Lottomatica o gratis nel caso di conto Paypal.

Altra differenza è il massimo importo ricaricabile: la carta Paypal consente di ricaricare al massimo 10.000 euro mentre la Postepay base 3.000 euro.

A voi la risposta se vi conviene optare per l’apertura della Postepay o della Paypal.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY