Paypal: come funziona, tariffe, vantaggi e svantaggi

PayPal è il metodo di pagamento che ha rivoluzionato gli acquisti sul web

Le transazioni online si stanno diffondendo sempre più anche in Italia, sebbene in misura ancora nettamente minore rispetto ad altre realtà come gli Usa, la Gran Bretagna, la Germania e la Francia. Di fatti, nel nostro Paese pesano solo il 4% sul totale delle attività commerciali. Un metodo di pagamento che ha sicuramente rivoluzionato gli acquisti sul web è Paypal, diventato nel giro di poco tempo il metodo più utilizzato per effettuare acquisti e lo è tutt’oggi. Vediamo di seguito cos’è, come funziona, le tariffe e gli eventuali svantaggi.

paypal cos'è
Lo logo di Paypal

Cos’è Paypal?

PayPal consente a chi effettua acquisti sul web di farlo in breve tempo, con la somma che arriva in modo immediato al venditore. E’ vantaggioso sia per un semplice privato che vende sul web sia a un’azienda o professionista che possiede partita Iva. I dati inseriti su PayPal sono protetti da un sistema che crittografa automaticamente quando si fanno transazioni on line ed ha un sistema antifrode sempre attivo. Tutela inoltre i privati che acquistano beni sui tanti portali esistenti (si pensi ad Amazon, eBay, Subito, ecc.), giacché, sebbene siano costretti a pagare in anticipo la merce, qualora essa non arrivi, Paypal blocca la transazione, sottrae il denaro al venditore e lo rimborsa al compratore. Comprese le spese di spedizione, ove previste. Il vantaggio di Paypal è anche la tutela della propria privacy. Infatti, compratore e venditore renderanno note solo le proprie mail associate all’account con cui si sono registrati al sito.

Come funziona Paypal

Utilizzare Paypal è molto semplice e alla portata di tutti. Basta andare sul sito Paypal.com, registrarsi inserendo i propri dati e associare al proprio conto una carta di credito, prepagata, un bonifico bancario o postale. Come detto, al soggetto con cui abbiamo intrapreso una transazione, apparirà solo la nostra mail di registrazione al sito. Una volta che abbiamo scelto cosa acquistare, in genere sui siti e-commerce c’è un tasto con la scritta Paypal. Una volta cliccatoci su, si apre un’altra pagina con il riassunto del nostro acquisto. Bisognerà solo accertarsi che sulla carta da noi scelta per gli addebiti ci sia l’importo occorrente per eseguire l’acquisto. Ricordiamo poi che Paypal è utile anche per trasferire denaro ad un’altra persona, magari amici che ne hanno bisogno o quando dobbiamo ricevere o dare pagamenti per l’esecuzione di piccoli lavori on line.

Paypal per privati e business

Nell’incipit abbiamo detto che Paypal è molto adatto sia per privati che per aziende con tanto di partita Iva. Basterà dirlo in fase di registrazione. Quanto ai secondi, non è previsto il pagamento di alcun canone fisso. L’utilizzo poi è molto semplice e simile per entrambi, con la possibilità di aggiungere o rimuovere nuove carte dove ricevere i pagamenti. Si ricorda anche che Paypal è anche un conto a se stante, con tanto di carta prepagata introdotta in tempi recenti. Pertanto si possono anche effettuare pagamenti tramite esso se ovviamente il conto è dotato di soldi.

paypal come funziona
Paypal utilizza più carte

Le tariffe

Veniamo alle tariffe, ove presenti. Il servizio è gratuito in questi casi: il pagamento di un acquisto; per inviare soldi a parenti e amici senza cambio di valuta; trasferimento di denaro mediante bonifico bancario o sul conto corrente bancario o postale. E’ prevista invece una tariffa se si riceve un pagamento, corrispondente a 0,35 euro, più  un’altra commissione che invece è proporzionata alla somma ricevuta. La quale dunque può andare dall’1,8% al 3,4%. Se si ricevono soldi da amici o familiari è di 0,35 euro più il 3,4% sull’importo e può essere pagata a scelta da chi invia o riceve denaro; per trasferimenti di denaro dal tuo conto Paypal alla tua carta di credito o prepagata, pari a un euro per somme inferiori ai 100 euro.

Vantaggi e svantaggi

Come tutte le cose, anche Paypal presenta un bilancio di vantaggi e svantaggi. Quanto ai primi, abbiamo già parlato della sua facilità e rapidità di utilizzo, oltre che la tutela della privacy. e ciò vale sia per persone che sporadicamente vendono qualcosa online, sia per vere e proprie aziende. E’ altresì un metodo sicuro per trasferire denaro a parenti o amici che ne abbisognano.

Quanto agli svantaggi, essi riguardano chi riceve soldi, giacché è prevista comunque una commissione, tra fisso di 35 centesimi e percentuale sulla somma che si riceve. Pertanto, chi vende spesso su internet pagherà varie commissioni, che graveranno sui propri guadagni. Un altro svantaggio riguarda chi vende, è il fatto che il compratore ha 45 giorni di tempo per aprire eventuali controversie riguardo all’oggetto pagato e ottenere così il rimborso totale di quanto pagato. Paypal infatti si riserva il diritto di fare da arbitro, ma spesso senza grosse prove tende sempre di dare ragione a chi ha pagato (il compratore). In taluni casi, con un po’ di furbizia da parte del compratore, il venditore rischia di subire una frode.