Paypal, in arrivo Bitcoin e partnership con Barclays e Samsung

come fare carta paypal

Paypal è ormai una realtà consolidata per i pagamenti online, grazie ad una serie di partnership sempre in evoluzione. Un sistema sicuro e che cura la privacy, visto che l’unico dato che dobbiamo dare per ricevere o inviare denaro, è la mail con cui ci siamo registrati alla piattaforma. Infatti, la carta che alleghiamo all’account resta anonima.

Paypal ha assunto una certa rilevanza al punto da non rendere inosservate le accuse del suo ex CEO al Bitcoin, dato che ha bollato la prima criptovaluta della storia lanciata dal misterioso Satoshi Nakamoto, senza giri di parole quale truffa. Ma le ultime news che riguardano Paypal sono anche di altra natura: sono infatti previste all’orizzonte tante partnership importanti.

Paypal Ceo Bill Harris bolla Bitcoin come “truffa”

L’ex Ceo di Paypal Holdings Inc. Bill Harris, si è unito a una lista sempre crescente di critici sui bitcoin recentemente con un post che descriveva la criptovaluta come una “truffa” e un “colossale schema pump-and-dump”.

“Sono stanco di dire, ‘Stai attento, è un sistema speculativo.’ O ‘Stai attento, è un gioco d’azzardo.’ E ancora, ‘Stai attento, è una bolla.’ Okay, lo dirò: Bitcoin è una truffa” ha scritto Harris. Nel post di Harris, che è stato pubblicato sul sito online Recode, ha affermato che il bitcoin non ha alcun valore intrinseco.

Si è concentrato in particolare su tre attributi – mezzi di pagamento, riserva di valore e mancanza di valore intrinseco – che i suoi appassionati usano per giustificare la sua capitalizzazione di mercato complessiva. Secondo Harris, la tremenda volatilità e le oscillazioni dei prezzi di bitcoin hanno assicurato che non può essere utilizzato come riserva di valore o mezzo di pagamento da parte delle imprese. La mancanza di visibilità sul funzionamento degli scambi di criptovalute ha ulteriormente eroso il suo utilizzo.

Egli scrive che il bitcoin non ha valore intrinseco e, quindi, non è una cosa in sé. “Ha valore solo se la gente pensa che le altre persone lo comprino a un prezzo più alto, la teoria del Grande Sciocco”, scrive. “In quale universo razionale qualcuno potrebbe semplicemente emettere script elettronici – o semplicemente annunciare che intendono farlo – e creare, all’improvviso, miliardi di dollari di valore?! Non ha senso”.

Le dichiarazioni di Harris con cui critica il bitcoin arrivano dopo che l’importante economista del New York Nouriel Roubini, ha definito il bitcoin “la più grande bolla della storia umana” all’inizio di quest’anno. Roubini ha usato una serie di argomenti simili a quelli di Harris nel suo massacro contro il bitcoin.

Paypal non ascolta Harris e usa criptovalute per transazioni veloci

Ma l’ormai ex azienda di Harris non sembra condividere le sue opinioni. Secondo quanto riferito, Paypal ha depositato un brevetto che riduce i tempi di transazione che coinvolgono le criptovalute. Nel suo brevetto, Paypal ha proposto la creazione di un portafoglio secondario con chiavi private univoche che possono essere scambiate durante le transazioni.

La società di elaborazione dei pagamenti è una delle tante società che cercano di presentare nuovi brevetti correlati a bitcoin e altre valute digitali. La sua applicazione, depositata presso l’ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti, punta ad un “sistema di transazioni di valuta virtuale accelerato”. L’ultima volta che PayPal ha depositato un brevetto relativo a bitcoin, litecoin e dogecoin è stato due anni fa, quando voleva una piattaforma che accettasse le criptovalute.

PayPal dice che vuole migliorare l’esperienza utente e competere meglio contro i pagamenti con carta di credito fiat. Al momento, i suoi utenti riscontrano un ritardo tra l’inizio della transazione e quando viene confermato, con un periodo di attesa di circa 10 minuti.

“In molte situazioni di transazione, un tempo di attesa di 10 minuti sarà troppo lungo per i pagatori e / o i beneficiari, e quei pagatori e / o beneficiari sceglieranno invece di eseguire la transazione utilizzando i metodi di pagamento tradizionali piuttosto che la valuta virtuale”, ha detto PayPal nel suo brevetto. “Problemi come questo hanno rallentato l’adozione di valute virtuali nonostante i loro vantaggi. Pertanto, vi è la necessità di un sistema di transazioni di valuta virtuale accelerato.”

Tramite il sistema descritto nel brevetto depositato, viene effettuata una transazione con il portafoglio principale chiave privata per passare a diversi portafogli secondari. Con un trasferimento, il secondo utente ottiene un sottoinsieme delle chiavi private secondarie del primo utente.

Le condivisioni di PayPal sono aumentate di oltre l’84 percento nell’ultimo anno, compreso un aumento del 6 percento nell’ultimo mese.

Paypal, in arrivo partnership con Verge?

Verge e PayPal insieme? È una questione da non ignorare, poiché Verge è ufficialmente accettata da numerosi siti legati al settore dell’intrattenimento per adulti. Per ora però no nc’è niente di ufficiale.

Mentre nulla suggerisce al momento che una cosa del genere potrebbe accadere, ignorandola sarebbe come ignorare alcuni segnali evidenti. Perché non è difficile immaginare una sorta di accordo tra Verge (XVG) e PayPal (PYPL). Certo, Paypal per ora non ha adottato le criptovalute, ma come detto in precedenza, ci potrebbero essere novità in arrivo su questo senso. Anzi, in passato Paypal ha messo pure in guardia dalle criptovalute.

Eppure, Paypal non dovrebbe dare troppe lezioni sulla trasparenza, dato che non poche volte sono arrivate mail phishing ai suoi tanti utenti iscritti.

Oltre alle risposte fornite agli utenti interessati, non è emersa alcuna dichiarazione ufficiale, forse alludendo a una sorta di addolcimento nei confronti delle criptovalute. Ciò offre a PayPal la possibilità di esplorare le funzionalità di privacy offerte dalla valuta di Verge. I dati degli utenti rubati potrebbero non essere disponibili dai server di dati dell’azienda, ma sicuramente mostrano che le informazioni personali degli utenti continuano a essere vulnerabili.

Coinvolgendo il protocollo Wraith, Tor e i2p potrebbero portare ad un maggiore senso di sicurezza per gli utenti. L’esclusivo opt-out e il passaggio senza interruzioni tra un livello pubblico e privato è qualcosa su cui gli sviluppatori possono lavorare per rendere possibile l’integrazione.

Questo episodio illustra la necessità di soluzioni di privacy e per ora, XVG è la soluzione più calda sul mercato, utilizzata e affidabile da milioni di utenti.

Potrebbe XVG / PAL essere una partnership in attesa di realizzazione, una sorta di matrimonio per convenienza? La partnership con Pornhub potrebbe rivelarsi il catalizzatore di un accordo con Paypal. 100 milioni di persone visitano quotidianamente Pornhub e siti correlati, una grande occasione per commercializzare XVG e disegnare in una base di utenti.

Molti di questi utenti apprezzano la privacy e hanno account con PayPal. Verge rende più facile per questi clienti pagare in modo anonimo per fruire di materiale pornografico, ma non possono acquistare XVG direttamente utilizzando i loro account PayPal. Cosa accadrebbe se fosse stato raggiunto un qualche tipo di accordo che permettesse l’acquisto di servizi XVG tramite PayPal direttamente? Aumenterebbe automaticamente la base di clienti per i due, potenzialmente aprendo l’intero mercato crittografico. Ha senso?

Un’altra cosa è che PayPal (PYPL) ha bisogno di rinnovare le sue tariffe per continuare a mantenere il vantaggio e il predominio sul resto. La loro recente separazione da eBay significa che un altro fornitore di pagamenti per eBay potrebbe spingerlo e mangiare in una fetta considerevole della sua posizione dominante. Vi sono già numerosi dubbi sul fatto che le sue tariffe siano sempre più costose e che alcune persone vogliano ritirarsi.

Verge offre una soluzione che ben si adatta alle tendenze, poiché le aziende tradizionali cercano soluzioni basate su blockchain. Tariffe basse, transazioni più veloci e una vasta comunità di utenti sono vantaggi che qualsiasi azienda seria vorrebbe avere. Nel frattempo, Verge (XVG) ha continuato a riprendersi dalla crisi che lo ha travolto la scorsa settimana.

Intanto, Bitcoin sembra aver beneficiato di queste voci. E’ infatti aumentata di oltre il 12% a $ 0,069 contro il dollaro USA. Si evince come le crypto sono solo al -5% in rosso, in crescita da un minimo del -30% di un paio di giorni fa. Se il trend dovesse continuare, potremmo vederlo spingere per $ 0.1 prima del weekend, una posizione che porterebbe avanti la prossima settimana. Il sentimento positivo creato da una serie di buone notizie è dunque responsabile di questa spinta e potremmo dimenticare il fiasco che seguì il “Vergeday”.

Paypal in arrivo partnership con Barclays

Più concreta e sicuramente più prestigiosa la partnership tra Paypal e la banca britannica Barclays. Che li vedrà esplorare modi per combinare i loro servizi per i clienti. La coppia punta a consentire ai clienti Barclays negli Stati Uniti e in Gran Bretagna di utilizzare i loro conti PayPal sulle piattaforme online e mobili della banca mentre i prodotti Barclays saranno utilizzati nei conti PayPal.

La mossa arriva tra le crescenti preoccupazioni dei dirigenti del settore bancario che le grandi aziende tecnologiche come Amazon e Apple negli Stati Uniti o la cinese Alibaba potrebbero arrivare a dominare i 1.800 miliardi di dollari (£ 1.29 trilioni) nel settore dei pagamenti globali. Con le loro basi di clienti in continua espansione e le piattaforme più agili, le società tecnologiche potrebbero soppiantare le banche come il volto di un settore che rappresenta il 34% di tutti i ricavi bancari, secondo la società di consulenza McKinsey.

Ad esempio, potrebbe includere l’aggiunta di carte di credito e debito Barclays su un portafoglio PayPal, un aggiornamento automatico delle carte su PayPal quando scadono e la possibilità di visualizzare l’immagine Barclays nel portafoglio PayPal per consentire ai consumatori di sceglierlo facilmente come modalità preferita di pagamento. In quelle che le società hanno detto essere una partnership unica nel suo genere, Barclays e PayPal cercheranno modi per collegare Pingit e PayPal per migliorare il modo in cui i clienti possono spostare e gestire i soldi.

Esamineranno inoltre i modi per i consumatori statunitensi di riscattare i punti premio Barclays presso le aziende che accettano PayPal in tutto il mondo. Come per le piccole imprese, Barclays e PayPal hanno dichiarato che i clienti di piccole imprese di PayPal potranno vedere un’istantanea del loro saldo PayPal, transazioni recenti, e vendite su Barclays SmartBusiness Dashboard, che consente alle piccole imprese nel Regno Unito di vedere le loro informazioni aziendali da app di terze parti insieme alle loro informazioni sul conto Barclays.

Barclays dice che è la prima banca del Regno Unito a collaborare con PayPal in questo modo. “I nostri clienti vivono in un mondo sempre più connesso, ed è per questo che stiamo lavorando con PayPal per rendere i servizi più aderenti e convenienti per loro. Unendo le forze, possiamo rendere molto più facile per le persone gestire i loro soldi e pagamenti “, ha dichiarato Ashok Vaswani, CEO di Barclays U.K., nel comunicato stampa.

“Ognuna di queste nuove funzionalità – come rimuovere la seccatura di aggiornare una carta scaduta, connettersi con Pingit, o essere in grado di vedere tutte le tue finanze in un unico posto – significa progettare la migliore esperienza del cliente. Barclays sta diventando un’azienda digitale e credo che questa partnership strategica con PayPal fornirà il primo di molti nuovi sviluppi in cui ci uniamo ai partner per migliorare i viaggi digitali” ha concluso Vaswani.

Samsung Pay finalmente funziona col conto Paypal

Il supporto Samsung Pay per PayPal è stato presentato a luglio dello scorso anno con le promesse che sarebbe stato pronto “presto”, ma chiaramente non è successo. Costringendo così gli utenti ad usare le normali carte di pagamento nei mesi successivi. Qualunque cosa abbia spinto il ritardo, ormai ci siamo.

PayPal ha iniziato ad abilitare il supporto tramite la funzione Tap-to-pay di Samsung, permettendoti di prelevare dai fondi del tuo Wallet invece di una carta di credito o di debito. La funzione PayPal dovrebbe funzionare ovunque su Samsung Pay e guadagnerai punti premio allo stesso modo di prima. Dovrai comunque collegare un conto bancario o una carta di debito per le volte in cui hai bisogno di una ricarica, quindi non eviterai le carte convenzionali. Ciononostante, potrebbe facilmente tornare utile se i fondi PayPal dovessero essere altrimenti sprecati.

Paypal e i numeri in crescita

PayPal ha consegnato un altro solido rapporto finanziario sostenuto dalla crescita della sua base di utenti attivi. La società di pagamenti di San Jose, in California, ha registrato un reddito netto di 511 milioni di dollari, ossia 50 centesimi per azione. I guadagni sono stati di 57 centesimi per azione su un fatturato di $ 3,69 miliardi, in crescita del 24% su base annua. Wall Street era alla ricerca di guadagni di 54 centesimi per azione sui ricavi di $ 3,59 miliardi.

Da qualche parte sul bilancio, la società ha aumentato la sua base di conto attiva di 8,1 milioni durante il primo trimestre. Paypal dice di aver elaborato 132 miliardi di dollari nel volume totale dei pagamenti durante il primo trimestre 2018. Annullando ulteriormente i numeri, PayPal ha elaborato circa 34,7 transazioni di pagamento per ciascun account attivo.

La piattaforma di pagamenti social di Paypal, Venmo, ha elaborato oltre 12 miliardi di dollari di TPV, in aumento dell’80% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. La società ha dichiarato che il volume dei pagamenti P2P è aumentato del 50% a $ 30 miliardi e ha rappresentato circa il 23% del TPV.

Anche i pagamenti mobili sono stati sostenuti, poiché la società ha dichiarato di aver elaborato circa 49 miliardi di dollari in volume di pagamenti mobili durante il trimestre, con una crescita di circa il 52% anno su anno.

In termini di prospettive, PayPal prevede ricavi per Q2 nell’intervallo da $ 3,78 miliardi a $ 3,83 miliardi, con guadagni tra i 54 centesimi e i 56 centesimi per azione. Gli analisti si aspettano un fatturato di $ 3,75 miliardi con utili di 56 centesimi per azione.

Paypal cos’è

PayPal Holdings, Inc. è una società americana che opera con un sistema di pagamenti online in tutto il mondo. I trasferimenti di denaro online servono come alternativa elettronica ai metodi di carta tradizionale che controllano gli ordini di pagamento. PayPal è anzi diventata la più importante tra le compagnie di pagamento su Internet. La società opera come un processore di pagamento per i venditori online, mentre funge anche da utente commerciale, per il quale prevede una commissione.

Utilizzare PayPal è un gioco da ragazzi. Quasi tutti hanno un account PayPal in questi giorni. Ad oggi, PayPal vanta 218 milioni di account di utenti attivi e oltre 17 milioni di commercianti. È incredibilmente facile da configurare e utilizzare, e si installa e funziona in brevissimo tempo (cioè, immediatamente).

Paypal è estremamente trasparente con i suoi termini di servizio e prezzi, e non ti blocca in un contratto con una commissione di estinzione anticipata. Il numero di integrazioni offerte è irreale, quindi puoi essere certo che PayPal si sincronizzerà con il tuo carrello della spesa, con l’applicazione di contabilità o con il software di spedizione. PayPal offre ovviamente anche un’app. A differenza di qualsiasi tipo di account commerciante o processore di pagamenti, puoi implementare PayPal come mezzo esclusivo per accettare pagamenti o come opzione supplementare.

Ma la domanda rimane: PayPal può diventare la tua piattaforma principale di elaborazione dei pagamenti? PayPal è impostato in modo tale da crescere con la tua attività dal primo giorno fino a quando non raggiungi traguardi più importanti. Senza contratto, senza canoni mensili e una solida suite di strumenti per i commercianti da vendere praticamente ovunque, in qualsiasi momento. Quando raggiungi un punto in cui fai costantemente più di10.000 o 20.000 euro di elaborazione della carta al mese, un account commerciante tradizionale può diventare più conveniente.

Un account commerciante ti fornirà il servizio personalizzato e l’attenzione che PayPal non offre per un account semplice. Se esegui operazioni solo sporadicamente, hai un volume basso, sei appena agli inizi o hai problemi nell’apertura di un account commerciante (per un motivo diverso “Gestisco un’attività ad alto rischio”), PayPal dovrebbe essere in cima alla lista dei candidati per le opzioni di pagamento. È difficile battere quel valore, specialmente per i nuovi commercianti. Ma dovresti anche chiedere se PayPal ha tutte le funzionalità che ti servono.

Paypal e la legge italiana

In Italia PayPal e’ assoggettata alle norme del T.U.B. ( Testo Unico Bancario ) in quanto rende i propri servizi a soggetti allocati in Italia. La Banca di Italia, con provvedimento pubblicato in Gazzetta Ufficiale numero 247/16, ha definitivamente sancito e chiarito che i servizi finanziari resi online, da Società quali la PayPal, a soggetti allocati sul territorio italiano, indifferentemente siano essi persone fisiche o giuridiche, sono servizi assoggettati alle norme del T.U.B. in particolare all’art. 115 del Testo Unico Bancario, in quanto da intendersi quali servizi integralmente resi da e verso il territorio italiano.

In virtù di ciò, PayPal viene equiparata in tutto e per tutto ad un Istituto di Credito italiano e in quanto tale soggetto completamente alla sorveglianza della Banca di Italia e a tutte le leggi italiane di settore. Cio’ in quanto le prestazioni erogate dalla Società PayPal, sono sempre intese come integralmente svolte dal e sul territorio italiano quando il destinatario è un soggetto, persona fisica o giuridica, allocato sul territorio italiano.

La disposizione normativa emessa nel 2016 dalla Banca di Italia è stata volta a far fronte ai fenomeni elusivi di allocazione di molte Società in Lussemburgo sebbene operanti sul territorio italiano. Tale norma ha avuto risvolti anche a carattere europeo sul piano fiscale creando il substrato normativo per la cosiddetta WebTax tanto invisa alle Societa’ elusivamente allocate in Lussemburgo ma operanti al di fuori del Granducato.

Paypal origini

Paypal è stata fondata nel 1998 da Peter Thiel e Max Levchin e ben presto si diffuse in molti paesi del mondo, affermandosi rapidamente soprattutto come mezzo per effettuare pagamenti on-line, insieme alle carte di credito e prepagate (es. Postepay). Ciò spinse il gruppo eBay (eBay Inc.) ad acquistare la società nel 2002.

Nel 2004 il valore totale delle transazioni effettuate attraverso PayPal era di 18,9 miliardi di dollari, aumentando ulteriormente nel 2005 a 27,5 miliardi di dollari; una crescita costante, che ha portato ad arrivare nel 2009 a 71 miliardi di dollari.

Nel 2007, PayPal arriva anche nel vecchio continente, nelle vesti di istituto di credito dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF), con sede in Lussemburgo.

Quattro anni dopo, la piattaforma vantava 250 milioni di conti attivi, utilizzata in 190 paesi e territori.

Il 30 settembre 2014 viene scorporata da eBay e creata una società a sé stante, quotata anche in Borsa. L’operazione si è conclusa nel luglio 2015, allorché PayPal ha debuttato sul listino NASDAQ.

PayPal ha fatto il suo debutto nel gennaio 2005, con sede a Milano. L’emissione delle carte prepagate è stata appaltata alla CartaLis Imel S.p.A. una joint venture tra Banca Sella e Lottomaticard.

Paypal vantaggi

Quali sono i vantaggi di utilizzare Paypal?

  • Molto diffusa in rete
  • Tariffe convenienti
  • Condizioni comprensibili e trasparenti
  • Sono disponibili piani tariffari multipli per ogni tipo di esigenza
  • Ideale per i commercianti a basso volume
  • Integrazioni estese
  • Strumenti di sviluppo validi
  • Tutti i sistemi di pagamento sono all-in-one

Paypal svantaggi

Quali sono gli vantaggi di utilizzare Paypal?

  • Problemi di stabilità dell’account
  • Assistenza clienti inefficiente
  • Non adatto per le attività ad alto rischio

Paypal servizi

La maggior parte delle persone pensa a PayPal principalmente come app di pagamento P2P o come metodo di pagamento predefinito per eBay. Sono entrambe le cose, ma PayPal offre molte più funzionalità. In effetti, si sta espandendo e diversificando molto ora che è una società quotata in borsa a pieno titolo. PayPal è al passo con i tempi.

La società suddivide le sue opzioni di elaborazione in tre categorie:

  • PayPal Express Checkout
  • PayPal Pagamenti Standard
  • PayPal Pagamenti ProPayPal Express

Checkout è un semplice add-on per le aziende che accettano già carte di credito e voglio solo lasciare che i consumatori paghino con PayPal come alternativa o supplemento. È un investimento molto basso e facile da implementare. Pagherete le stesse tariffe delle altre opzioni PayPal. Questo è fantastico se si desidera aggiungere PayPal come opzione supplementare per la configurazione esistente.

Standard è un piano di elaborazione dei pagamenti di base per i commercianti che non hanno ancora un modo per accettare pagamenti sul proprio sito web. È solo una percentuale più una tariffa fissa per transazione, senza abbonamento mensile. I clienti vengono indirizzati al sito di PayPal per inserire i propri dati di pagamento prima di concludere la transazione, ma di conseguenza sono conformi al 100% PCI.

Con la versione Pro, puoi gestire l’intera procedura di checkout sul tuo sito, senza necessità di reindirizzare a Il sito di PayPal Per alcuni imprenditori, quella pagina di pagamento ospitata potrebbe essere un vantaggio enorme. Ci sono altri vantaggi che ottieni con il piano Pro, vale a dire il terminale virtuale. Tuttavia, questo significa che dovrai gestire la conformità PCI. PayPal lo semplifica offrendo uno strumento di reindirizzamento trasparente gratuito.

Dovrai anche gestire le scansioni trimestrali e le verifiche periodiche. I servizi aggiuntivi offerti da PayPal sono:

Payflow Payment Gateway: se hai già un account commerciante ma hai bisogno di un gateway di pagamento, puoi utilizzare il gateway Payflow standalone di PayPal. Il gateway supporta quasi tutti i principali processori e una miriade di altre applicazioni tra cui i carrelli della spesa, accounting & billing software, shipping & labeling software, etc. Inoltre, addebita solo una tariffa forfettaria per transazione, non un abbonamento mensile.

  • Virtual terminal: se è necessario elaborare gli ordini di posta / telefono, è possibile farlo tramite il terminale virtuale di PayPal. Costa $ 30 al mese da solo o incluso gratuitamente nel piano Pro (che è anche $ 30 al mese). Fatturazione online: i consulenti e gli appaltatori possono utilizzare le funzionalità di fatturazione di PayPal per fatturare i propri clienti allo stesso tasso delle normali transazioni web.
  • Bill Me Later: questa offerta di credito ti dà la possibilità di offrire finanziamenti senza interessi ai tuoi clienti. PayPal gestisce tutto per te. Devi solo renderlo disponibile sul tuo sito.
  • Recurring Billing: se offri un servizio basato su abbonamento, puoi impostare pagamenti mensili per i tuoi clienti. La fatturazione ricorrente costa $ 10 al mese, ma devi avere Payments Pro o il terminale virtuale aggiunto al tuo piano (altri $ 30 al mese).
  • Pre-auth: puoi acquisire i fondi sulla carta di un cliente e ricaricarli in un secondo momento. Questo è ottimo per l’impostazione degli appuntamenti e altri servizi che richiedono prenotazioni. Il 100% dei fondi è garantito per soli tre giorni, ma è possibile eseguire una pre-autorizzazione con 30 giorni di anticipo. Merci digitali: se si è nel business della vendita di beni o contenuti digitali, è possibile accettare micropagamenti, abbonamento pagamenti “pay-to-you-go”.
  • “One Touch” Payment: originariamente lanciato come funzionalità mobile in modo che gli utenti di smartphone non dovessero accedere continuamente a PayPal per effettuare acquisti sui loro telefoni, ora è disponibile anche per i siti Web . One Touch consente agli utenti di saltare l’inserimento dei dettagli di pagamento e spedizione, il che significa un passo in meno per i tuoi clienti. E avere un comodo processo di checkout è un grosso problema per le aziende in quanto può ridurre l’abbandono del carrello.
  • Mass Payment: PayPal ha anche aggiunto una funzione di pagamento di massa per semplificare l’invio di pagamenti in blocco a un prezzo ragionevole – 2%, limitato a $ 1 per transazione negli Stati Uniti. Puoi inviare pagamenti tramite un foglio di calcolo Excel o tramite l’API.

PayPal ha anche la propria carta di debito per le imprese. La carta ti dà un rapido accesso al contante dal tuo conto PayPal, nessun motivo per aspettare un trasferimento ACH. Invece, è possibile prelevare denaro da qualsiasi bancomat con un marchio di accettazione MasterCard, Maestro o Cirrus. Rende anche più semplice la contabilità perché non devi usare i tuoi account personali per fare acquisti commerciali o mescolare costantemente fondi in giro.

C’è un’altra caratteristica molto interessante, ma è ancora in versione beta, da febbraio 2016: Commerce. Il nome potrebbe essere un po’ ampio, ma si tratta in particolare di un insieme di strumenti di commercio contestuale in modo che i commercianti possano incorporare checkout nelle newsletter via email, nei post dei blog e altro ancora.

Questa è una caratteristica che si spera possa essere disponibile per tutti, ma siamo ancora tutti in attesa.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY