Paul Tudor Jones sconsiglia le obbligazioni: ecco perché

Chi è Paul Tudor Jones? Perché Paul Tudor Jones di “no” alle obbligazioni? Quando un guru del trader parla, tutto il mondo della finanza finisce per ascoltarlo attentamente. Perché ogni trader cerca di prendere esempio da lui, capirne le tattiche, “rubare” qualche strategia.

Paul Tudor Jones è un miliardario, e viene considerato un mito nel mondo delle finanze. Uno in grado di totalizzare il 100% annuo. La sua strategia è più difensivista che offensivista. In gergo calcistico, potremmo paragonarlo più a un Mondonico che a uno Zeman.

Un esempio su tutti: il 19 Ottobre 1987 Wall Street aveva solo buchi neri, ed era praticamente crollata. E in quel marasma generale, fatto di pessimismo e paura, Paul Tudor Jones riusciva a far crescere il suo fondo d’investimento, Tudor Investment Corporation, del 62%. Insomma, più che raddoppiato.

Dunque, quando parla lui, è meglio starlo ad ascoltare. Paul Tudor Jones non tiene tutta la conoscenza per sé. Bensì, sta intensificando i suoi moniti circa un imminente scoppio della bolla finanziaria. Ecco cosa ha detto di recente in una intervista a Goldman Sachs.

Paul Tudor Jones prevede un crollo delle obbligazioni

In una intervista a Goldman Sachs, Paul Tudor Jones ha avvertito circa un possibile crollo imminente del mercato obbligazionario. Queste le sue parole eloquenti: “Io mi terrei decisamente alla larga dalle obbligazioni”.

Perchè? Paul Tudor Jones prevede che i tassi a 10 anni possano raggiungere il 3,75% entro il 2018. Poco tempo fa hanno segnato il livello più alto degli ultimi 4 anni: il 2,95%.

Durante l’intervista realizzata da Goldman Sachs, Jones ha poi dato i suoi pronostici futuri: “Con i tassi così bassi non ci si può fidare oggi dei prezzi degli asset. E casomai non l’abbiate già capito, io mi terrei decisamente alla larga dalle obbligazioni.”

Cosa sta succedendo alle obbligazioni

I titoli di Stato americani hanno fatto registrare un aumento dei tassi a partire da inizio 2018, passando dal 2,46% al 2,95% lo scorso 21 febbraio. Vale a dire il livello più alto dell’ultimo quadriennio. La previsione è che l’inflazione continui a risalire e che la Fed imponga un programma di incremento dei tassi d’interesse. Forse fino a 4 volte entro tutto l’arco dell’anno.

Queste le osservazioni di Paul Tudor Jones: “Le obbligazioni sono più care che mai, in pratica in base a qualsiasi indicatore. Sono sopravvalutate e ‘sovrapossedute’. La valutazioni non hanno avuto tanta valenza negli ultimi anni a causadelle misure manipolatorie delle banche centrali al di fuori degli Stati Uniti, ma ora che la Fed si sta muovendo e che l’economia americana ha preso il volo, iniziano a contare molto. Io sono convinto che siamo sul punto di andare al di sopra di quella soglia critica in questo preciso momento.”

Il Guru prevede che il tasso di rendimento decennale giunga al 3,75% entro la fine di questo anno. E aggiunge perfino che questa è pure una previsione ottimistica.

Il precedente avvertimento di Paul Tudor Jones agli investitori del suo fondo

Paul Tudor Jones aveva già inviato nel mese di febbraio una lettera agli investitori del suo hedge fund, che ricordiamo, possiede un patrimonio di 7 miliardi di dollari.

In quella occasione, aveva utilizzato una frase di Shakespeare: «Andrà gridando ‘Distruzione!’, sguinzagliandovi i cani della guerra». La metafora riguarda la tragedia di Giulio Cesare, quando Marco Antonio fa una previsione circa il possibile scoppio di una guerra quando l’imperatore romano fu assassinato brutalmente.

Secondo Paul Tudor Jones, per fortuna, un rallentamento del mercato obbligazionario potrebbe rimanere tutto sommato un fenomeno isolato. nonché marginale in confronto a quanto accade in seno all’andamento di tutto il mercato azionario.

Sempre nell’intervista, ritiene quanto segue: “La Storia porta a pensare che i mercati finanziari possano avvalersi di una discreta performance nelle fasi ribassiste dei mercati obbligazionari se la crescita appare consistente, ma è comunque probabile che le obbligazioni possano frenare di gran lunga i rendimenti dei portafogli di investimento e inoltre possano offrire una copertura meno efficace nei riguardi delle flessioni dei titoli azionari.”

Paul Tudor Jones strategia

Qual è la strategia di Paul Tudor Jones? Il suo fondo quest’anno è cresciuto del 4,8% a gennaio. Mentre lo scorso anno era sceso al di sotto della soglia del 2,2%.

Il segreto del suo successo non è del resto tale. La strategia di Paul Tudor Jones è nota a tutti i suoi fans. Il fatto che non vuole acquistare o vendere nei punti cosiddetti “pivot”.

Egli persegue nel provare una posizione unica fino a quando non carpisce che è giunto il momento di cambiare posizione. Altrimenti, continua a dimezzare la dimensione della sua posizione. Il suo trading è svolto tramite un quantitativo più basso qualora il trade dovesse andare male.

Paul Tudor Jones si auto-proclama un opportunista del mercato. Preferisce entrare in una posizione tramite un rischio molto basso. Può essere definito uno swing trader, cioè uno che i soldi migliori li fa se il mercato si gira.

Esce dalle posizioni che lo convincono per tentarne di nuove, senza alcuno stress. Come detto, è un trader che persegue una strategia di difesa, anziché una di attacco.

E’ come se avesse degli stop loss mentali: se tocca un determinato numero prefissato nella sua mente, decide di tirarsi dalla posizione. Ma non utilizza solo Non usa soltanto degli stop loss riguardanti il prezzo, bensì anche riguardanti il lasso di tempo.

Come riportato in Market Wizards e dalla stampa, lo stile e le convinzioni del trading sui future di Jones sono riassunti come segue:

  • Strategia contrarian di acquistare e vendere punti di svolta. Continua a provare l’idea del trader unico finché non cambia idea, fondamentalmente. Altrimenti, continua a ridurre le dimensioni della sua posizione. Poi scambia la più piccola quantità quando il suo trading è al peggio.
  • Si considera un importante opportunista del mercato. Quando sviluppa un’idea, la persegue da un punto di vista a rischio molto basso fino a quando non si è dimostrato sbagliato ripetutamente, o fino a quando non cambia il suo punto di vista.
  • Per quanto riguarda i trader, i migliori guadagni vengono fatti al mercato. Ha mancato un sacco di carne nel mezzo, ma prende un sacco di cime e bottini.
  • Trascorre la sua giornata rendendosi felice e rilassato. Diventa fuori da una posizione perdente che lo sta mettendo a disagio. Niente è meglio di un nuovo inizio. La chiave è giocare una grande difesa, non una grande offesa.
  • Niente perdenti medi. Diminuisce le sue dimensioni di trading quando sta facendo male, aumenta quando sta facendo trading bene.
  • Ha degli stop loss mentali. Se colpisce quel numero, è fuori qualunque cosa.
  • Usa non solo le fermate di prezzo, ma il tempo si ferma.Monitora l’intero portafoglio azionario (rischio) in tempo reale.
  • Crede che i prezzi si muovano prima e che i fondamentali arrivino secondi. Non si preoccupa degli errori fatti tre secondi fa, ma di cosa sta andando da fare dal momento successivo in poi.
  • Non essere un eroe. Non avere un ego. Metti sempre in discussione te stesso e la tua abilità. Non sentirti mai molto bravo. Il secondo che fai, sei morto.

Lo stile di trading macro globale di Jones si basa principalmente sull’analisi tecnica, piuttosto che sull’investimento in valore, con fattori di spinta enfatizzati che guidano i mercati. In un’intervista del 2000, suggerì tuttavia di rimpiangere di non essere più coinvolto negli investimenti di venture capital nelle aziende tecnologiche durante gli anni ’90.

Paul Tudor Jones chi è

Paul Tudor Jones II è nato il 28 settembre 1954, nella mitica Memphis, Tennessee. E’ un investitore americano, gestore di hedge fund e filantropo. Nel 1980, ha fondato il suo hedge fund, Tudor Investment Corporation, una società di gestione patrimoniale con sede a Greenwich, nel Connecticut. Poco dopo, ha creato il Gruppo Tudor, una holding di fondi hedge specializzata in reddito fisso, valute, azioni e materie prime.

A febbraio 2017, Forbes Magazine stimava il suo patrimonio netto di 4,7 miliardi di dollari, rendendolo la 120esima persona più ricca su Forbes 400 e il 22esimo gestore di hedge fund a più alto guadagno. È noto per la sua grande filantropia e, otto anni dopo aver fondato il suo hedge fund, ha fondato la Robin Hood Foundation, che si concentra sulla riduzione della povertà.

Elevarsi nel senso di crescere e raggiungere un livello mai visto e che possa essere spettacolare. Un livello che sia simile a quello di Paul Tudor Jones, un trader che a marzo 2015 ha raggiunto un valore di mercato di ben 4.6 miliardi di dollari.

Paul Tudor Jones origini

Paul Tudor Jones è nato a Memphis, nel Tennessee. Si è laureato alla Presbyterian Day School, una scuola elementare di tutti i ragazzi, prima di frequentare la Memphis University School per il liceo. Jones andò poi all’Università della Virginia, conseguendo una laurea in economia nel 1976 e nel campionato di pugilato dei pesi welter. Nel 1976, iniziò a lavorare sui piani di trading come impiegato e divenne un broker per E. F Hutton & Co.

Nel 1980, andò rigorosamente da solo per due anni e mezzo di profitto, prima che, come disse egli stesso, “si annoiava davvero”. Poi ha fatto domanda alla Harvard Business School, è stato accettato, e preparato per andare quando l’idea gli è venuta in mente che: “questo è pazzesco, perché per quello che sto facendo qui, non mi insegneranno nulla. Non è qualcosa che insegnano nella business school”.

Paul Tudor Jones carriera

William Dunavant, Jr., cugino di Jones e CEO di Dunavant Enterprises, uno dei più grandi commercianti di cotone del mondo, introdusse Jones nel broker di materie prime Eli Tullis. Tullis assunse Jones e lo istruì a negoziare futures sul cotone alla Borsa di New York. Jones in seguito disse di Tullis: era il figlio più duro di una cagna che io abbia mai conosciuto.

“Mi ha insegnato che il trading è molto competitivo e devi essere in grado di gestire il tuo calcio. Non importa come lo tagli, ci sono enormi alti e bassi emotivi coinvolti” disse Jones ricordando quella esperienza.

Nel 1980, Jones ha fondato la Tudor Investment Corporation, una società di gestione patrimoniale con sede a Greenwich, nel Connecticut. Il Gruppo Tudor, costituito da Tudor Investment Corporation e le sue affiliate, è coinvolto nel trading attivo, nell’investimento e nella ricerca di attivi in classi di attivi a reddito fisso, valute, azioni e materie prime e derivati correlati e altri strumenti nei mercati globali per un mercato internazionale clientela.

Le strategie di investimento del Gruppo Tudor comprendono, tra le altre, macro globale discrezionale, macro globale quantitativa (futures gestiti), equity discrezionale long / short, mercato azionario quantitativo neutrale e equity di crescita.

Uno dei primi e maggiori successi di Jones è stato prevedendo il Black Monday nel 1987, triplicando i suoi soldi durante l’evento a causa di ampie posizioni corte. Peter Borish era il secondo in comando di Jones alla Tudor Investment Corporation. Jones ha detto che Borish ha anticipato il crollo nel 1987 perché Borish aveva mappato il mercato del 1987 contro il mercato precedente all’incidente del 1929 e notato la somiglianza tra i due mercati.

Jones in precedenza è stato direttore della Futures Industry Association ed è stato determinante nel la creazione e lo sviluppo di un braccio educativo per l’associazione – l’allora Futures Industry Institute, un istituto di ricerca in seguito ribattezzato Istituto per i mercati finanziari con sede a Washington DC. Jones è stato anche un sostenitore per la progettazione e l’attuazione del primo corso di formazione etica Ovviamente questo è diventato lo standard per l’adesione allo scambio su tutte le borse a termine negli Stati Uniti.

Nel febbraio 2013, Forbes Magazine lo ha indicato come uno dei 40 gestori di hedge fund di più alto reddito. Sebbene lo standard del settore degli hedge fund sia il 2% annuo del patrimonio gestito e il venti percento dei profitti, Tudor Investment Corp. addebita il quattro percento annuo di asset in gestione e il ventitré percento dei profitti. L’azienda di Jones gestisce attualmente $ 17,7 miliardi (al 1 giugno 2007). Le loro capacità di investimento sono ampie e diversificate, tra cui macro trading globale, investimenti azionari fondamentali negli Stati Uniti e in Europa, mercati emergenti, capitale di rischio, materie prime, strategie basate sugli eventi e sistemi di trading tecnici.

Jones, con la sua collega Hunt Taylor, è stato determinante nella creazione di FINEX, la divisione dei future finanziari del Board of Trade di New York, e nello sviluppo del contratto future su indici in dollari USA che opera sul mercato. È stato anche presidente del New York Cotton Exchange dall’agosto 1992 al giugno 1995.

Paul Tudor Jones altre attività

Nel 1990, Jones si è dichiarato colpevole di aver riempito illegalmente zone umide protette nel suo terreno e ha pagato un accordo di $ 2 milioni Nel 1987, PBS ha prodotto un documentario intitolato “Trader” che si concentrava sulle attività di Jones. Il film mostra Jones come un giovane uomo che predice il disastro del 1987, usando metodi simili a quelli del predicatore del mercato Robert Prechter. Sebbene il video sia stato mostrato in televisione pubblica nel novembre 1987, esistono poche copie. Quando copia le superfici, Jones cerca di comprarle.

Secondo Michael Glyn, il direttore del video, Jones ha richiesto negli anni ’90 che il documentario fosse rimosso dalla circolazione. Il video è emerso di volta in volta su diversi siti di condivisione video e torrent, ma è stato spesso rimosso poco dopo a causa di richieste di copyright. Esistono varie teorie sul motivo per cui Jones non supporta il film. Nonostante mostri un approccio positivo al rischio e alla cura del cliente, oltre a mostrare il lavoro di beneficenza di Jones, è stato suggerito che potrebbe essere a causa dei segreti commerciali rivelati al suo interno.

Nel 2009, Jones ha tenuto un discorso Buckley School sulle sue esperienze con fallimenti e ritorni. Ha parlato di non aver ottenuto un singolo punto come giocatore di basket di 6 ° grado, di un fidanzamento fallito e di essere stato licenziato da un lavoro precoce. Ha spiegato che non riuscendo ad ottenere 86 studenti al college nonostante le spese e lo sforzo in seguito lo ha aiutato a iniziare una delle scuole charter di maggior successo a New York

Paul Tudor Jones attività politica

Un indipendente politico, Jones ha donato soldi a numerosi candidati democratici e repubblicani. Nel 2012 ha donato $ 200.000 a Mitt Romney. Durante le elezioni presidenziali del 2008, Jones ha ospitato una raccolta fondi di 500 persone nella sua casa di Greenwich per l’allora candidato Barack Obama.

Jones ha anche fatto donazioni a John McCain e Rudy Giuliani per le loro campagne presidenziali.

Paul Tudor Jones e la filantropia

Tudor Jones ha dato quasi $ 50 milioni alla sua alma mater, l’Università della Virginia, in seguito all’arena del basket del college intitolata a suo padre.

A partire da febbraio 2017, Forbes Magazine stimava che il suo patrimonio netto valesse $ 4,7 miliardi di USD, rendendolo la 120esima persona più ricca di Forbes 400 e il 22esimo più alto gestore di hedge fund.

Jones è il fondatore della Robin Hood Foundation, un’organizzazione filantropica sostenuta principalmente da operatori di hedge fund. Ha fondato ed è stato presidente del consiglio di amministrazione della Excellence Charter School, la prima scuola charter di tutti i ragazzi del paese, situata nel quartiere di Bedford-Stuyvesant a Brooklyn, New York. Ha fondato e presieduto la Bedford Stuyvesant I Have A Dream Foundation, che inserisce gli studenti locali nei college.

Nel 1993, Jones ha co-fondato la Everglades Foundation, che sostiene la conservazione delle Everglades, zone umide tropicali della Florida. Egli presiede il consiglio dell’organizzazione, che comprende Jimmy Buffett, Jack Nicklaus, David Lawrence Jr., Jon L. Mills e William Wrigley Jr. II, tra gli altri.

Nel 1986, ha adottato una sesta classe in una scuola pubblica poco performante, garantendo borse di studio agli studenti universitari. La sua idea era che questo sarebbe stato un incentivo per gli studenti a impegnarsi in accademici con il suo obiettivo: il 90% di quegli studenti completava con successo la scuola superiore. Tuttavia, solo il 33% degli studenti della classe alla fine si diplomò alla scuola superiore. Jones credeva di aver “sottovalutato enormemente sia le sfide accademiche che quelle sociali che affrontano e il suo programma era “completamente mal equipaggiato per aiutarli in modo efficiente.”

Nel suo discorso del 2009 , Jones ha spiegato che questo grave fallimento da parte sua gli ha insegnato le lezioni che ha applicato negli sforzi educativi successivi.

È proprietario delle riserve di Grumeti nel Serengeti occidentale della Tanzania ed è stato recentemente elogiato dal parlamento del paese dei Grandi laghi africani per non aver permesso la caccia nella sua riserva. L’hotel di punta, Sasaskwa, è stato nominato l’hotel n. 1 al mondo da Travel & Leisure Magazine nel 2011 e nel 2012.

Jones ha lavorato con la Tanzania e Paul Milton di Hart Howerton, uno studio di architettura londinese specializzato in uso di terreni su vasta scala, per sviluppare piani regionali per la sostenibilità dell’area, la sua fauna selvatica e le sue comunità locali. Ha creato una riserva per Pamushana, una riserva privata, gestita dal gruppo Singita del Sud Africa, la riserva si trova a circa 300 miglia a sud-est di Harare, vicino al confine con il Mozambico nello Zimbabwe.

Jones ha fatto grandi donazioni alla sua alma mater, l’Università della Virginia, tra cui una donazione di 35 milioni di dollari, che è andato alla costruzione di una nuova arena di basket, chiamata John Paul Jones Arena, in onore di suo padre, un avvocato che ha anche partecipato l’Università della Virginia. Nell’aprile 2012, UVA ha annunciato la creazione di un nuovo Centro per le scienze contemplative attraverso un regalo da 12 milioni di dollari di Jones e sua moglie Sonia.

Nel giugno 2012, secondo quanto riferito, è stato un personaggio chiave nella controversa estromissione della presidente della University of Virginia, Teresa A. Sullivan. Ha scritto un editoriale a sostegno delle sue dimissioni. Il 26 giugno 2012, il Board of Visitors della University of Virginia ha votato all’unanimità per reintegrare Sullivan.

Nell’aprile 2013, Jones è stato coinvolto in un’altra controversia all’Università della Virginia dopo aver raccontato a un pubblico di studenti e alunni: “Non appena le labbra di quel bambino toccano il seno di quella ragazza, dimentica la tua donazione. Ogni singolo investimento che ho fatto, ogni desiderio di capire cos’è andando a fare questo su e giù sarà sopraffatto dalla più bella esperienza che un uomo non condividerà mai, una connessione emotiva tra quella madre e quel bambino. L’ho visto succedere più e più volte.”

Nel 2013, Jones è entrato nel consiglio di amministrazione dell’Apollo Theater Foundation per volere dell’investitore Ron Perelman.

Jones ha moderato il panel di formazione al Forbes 400 Philanthropy Summit 2014, che ha portato alla leadership dei leader del lavoro e dei riformatori nel campo dell’educazione, negli Stati Uniti. Il Segretario all’Educazione Arne Duncan, il Governatore di New York Andrew Cuomo, il Presidente della Federazione Americana degli Insegnanti Randi Weingarten e il Cancelliere di Washington, DC Kaya Henderson, insieme per una discussione su cinque idee per migliorare le scuole negli Stati Uniti e aggiungere fino a $ 225 trilioni al PIL degli Stati Uniti nei prossimi 80 anni.

Estratti dal panel sono stati pubblicati nel numero di Philanthropy del dicembre 2014 di Forbes Magazine.

Ha creato Just Capital, un’organizzazione senza scopo di lucro, per aiutare gli americani a conoscere aziende considerate “giuste”. L’organizzazione utilizza i dati per scoprire quali aziende sono maggiormente coinvolte nelle priorità che gli americani ritengono più importanti. L’organizzazione non profit utilizza un sondaggio annuale a più fasi per scoprire quali sono queste priorità

Paul Tudor Jones riconoscimenti

Nel 2008, fu inserito nella Institutional Investors Alpha’s Hedge Fund Manager Hall of Fame insieme a David Swensen, Louis Bacon, Steven Cohen, Kenneth Griffin, Seth Klarman, George Soros, Michael Steinhardt, Jack Nash, James Simons, Alfred Jones, Leon Levy, Julian Roberston e Bruce Kovner.

LEAVE A REPLY