Pagamenti digitali: funzionamento e vantaggi di Bitcoin

I vantaggi di Bitcoin, la nuova moneta virtuale ormai conosciuta in 40 Paesi

pagamenti digitali
pagamenti digitali

L’era dei pagamenti digitali assiste all’entrata in scena di Bitcoin, definita in gergo tecnico crittomoneta, ovvero una valuta virtuale ormai conosciuta in ben 40 Paesi, fra cui il nostro, che consente di effettuare e ricevere pagamenti senza più servirsi degli ormai “obsoleti” bonifici online, carte ricaricabili o cambi valuta.

pagamenti digitali
pagamenti digitali

Pagamenti digitali: come nasce ed in cosa consiste Bitcoin

La nuova moneta virtuale, creata nel 2009 da un anonimo conosciuto come Satoshi Nakamoto, si differenzia da quelle attualmente conosciute per due caratteristiche innovative:

  • Può essere usata per acquistare ogni tipo di bene reale
  • Non è emessa da alcuna Banca.

Chiunque la utilizzi, può farlo direttamente ed in qualsiasi parte del mondo senza servirsi di intermediari.

Per poter utilizzare i Bitcoin è necessario prima acquistarli ed il loro prezzo varia a seconda delle oscillazioni della moneta in rete; una volta acquistati, essi si accumulano in un portafoglio virtuale che ha le stesse funzioni di un account bancario.

Pagamenti digitali: come trasferire Bitcoin e fare acquisti

Per trasferire tale valuta è molto semplice, basta un click, mentre è possibile acquistare beni e servizi di ogni genere il cui costo sia espresso anche in Bitcoin.

Pagamenti digitali: come acquistare Bitcoin

Wirex Limited, gruppo londinese già appassionato di moneta virtuale, ha introdotto sul mercato una carta di debito, denominata E-coin, che consente di pagare in Bitcoin sfruttando i noti circuiti internazionali di Visa e Mastercard e creando un collegamento tra il proprio ecosistema, la carta virtuale e la piattaforma PayPal.

Per procedere all’acquisto della moneta virtuale tramite PayPal, dunque, è necessario possedere un account attivo, a cui aggiungere una carta E-coin in cui vi siano disponibili almeno 3 dollari ed un account Wirex.

All’interno della piattaforma PayPal è sufficiente cliccare sulla voce “aggiungi carta”, compilando tutti i dati richiesti; una volta effettuate le dovute verifiche, verrà richiesto un codice a 4 cifre presente nella pagina del proprio profilo, che una volta aggiunto permette il collegamento di PayPal con la E-coin.

Si accede poi al profilo Wirex e si prende nota di un altro codice a 4 cifre (inviato sempre dalla piattaforma di pagamento); ultimo passaggio da compiere è il trasferimento dei fondi alla carta di debito virtuale, ricordando che il trasferimento minimo è pari a 10 dollari e che PayPal ne trattiene 5.

Dopo circa una settimana, tempo necessario affinchè il denaro venga trasferito alla E-coin, sarà possibile iniziare ad acquistare Bitcoin, scegliendone la quantità, per poi utilizzarli per fare acquisti od altre operazioni.

Pagamenti digitali: i Bitcoin sono sicuri?

Per quanto riguarda la sicurezza, i Bitcoin sono garantiti per mezzo del controllo sulle transazioni da parte di un database distribuito tra i nodi peer-to.peer della rete; a ciò si aggiunge la certezza che soltanto l’effettivo titolare può spendere quelli accumulati sul proprio conto ed una sola volta, scongiurando il pericolo di eventuali transazioni false.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY