Padoan: “eventi come terremoto e migranti richiedono sforzi in termini di investimenti”

Pier Carlo Padoan, ministro dell’economia, ha commentato oggi in diretta dalla “Giornata del Risparmio“, riguardo la manovra 2017 in particolare sui punti che affrontano “eventi eccezionali con misure per il terremoto e i migranti: su quest’ultimo aspetto lo sforzo in termini di investimenti è ingente e va a beneficio dell’Italia ma anche e soprattutto dell’Europa”.

Sempre secondo il ministro, questo è un momento in cui l’Ue attraversa una fase di “crisi di credibilità”, motivo per cui sarà, a suo dire, ancora più portata ad intraprendere un’azione coordinata col governo italiano evitando quindi bocciature della suddetta manovra. padoan

Ancora di più poi in questo particolare e delicato momento, serviranno ulteriori aiuti da parte dell’Ue per risolvere o comunque sostenere il nostro Paese vista la situazione dei terremotati. Situazione che si è estesa ulteriormente proprio ieri a causa dei nuovi sismi nel centro dell’Italia.

Sempre per lo stesso motivo poi della “crisi di credibilità” europea, l’Ue sarà anche più portata a supportare le spese dell’Italia per i migranti.

Resteremo a vedere se le previsioni e le parole di Padoan saranno davvero profetiche o se l’Ue, boccerà la manovra.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY