Padoan ridimensiona la natura del vertice: “nessuna urgenza, una riunione come tante”

piercarlo-padoan

Al seguito del vertice anticrisi tenutosi nella giornata di ieri, il Ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ha chiarito la natura dell’incontro durante un’intervista organizzata con “Il Foglio”. Secondo le dichiarazioni di Padoan, l’incontro con Ignazio Visco Governatore della Banca d’Italia, i rappresentati di Unicredit, UBI ed Intesa non è stato altro se non una riunione come tante priva di urgenza.

Risanamento Montepaschi

Pier Carlo Padoan nel corso dell’intervista ha fatto un po’ di chiarezza sulla questione Montepaschi, ribadendo che il governo non avrà nessun ruolo intrusivo nella risoluzione del problema. Oltre alla ricapitolazione dei 5 miliardi che verranno offerti al mercato previsti dal piano elaborato dal management di Mps, coadiuvato da un gruppo di operatori finanziari non sono previste soluzioni alternative, mettendo così a tacere i dubbi di una futura nazionalizzazione delle banche italiane.

Def e Conti Pubblici

Il Def – Documento di Economia e Finanza (con cui si informa gli Stati dell’UE quale sia il  programma di intervento economico nei successivi mesi) nella parte relativa ai conti pubblici, prevede una diminuzione del debito dall’anno prossimo ed avrà un andamento graduale e costante. Il debito pubblico avrebbe già dovuto diminuire durante il 2016, Padoan ha spiegato che per via della dinamica nominale tale diminuzione non è stata favorevole. A partire dal 2017 il debito calerà al 132,5% rispetto al 132,8% di questo anno. Lo stesso rallentamento ha toccato il programma di privatizzazioni previsto nel Def che nella nota di aggiornamento sono state rivalutate dall’ 0,5% allo 0,1% del Prodotto Interno Lordo.

Referendum Costituzionale

Infine l’intervista ha affrontato la questione del Referendum Costituzionale, il quale a parere del Ministro dell’Economia la vittoria del NO potrebbe causare una crisi di sfiducia. La vittoria del SÌ è fondamentale per poter portare avanti l’intero processo delle riforme, le quali al momento sembrano dare una spinta notevole all’economia nazionale. L’opinione di Pier Carlo Padoan sul Referendum non lascia spazio all’interpretazione, con questa riforma l’iter legislativo sarà semplificato e la riduzione delle spese permetterà inoltre di far crescere più rapidamente il nostro paese.