Outlook Forex 6 – 10 gennaio 2014

settimana-forex

La settimana del nuovo anno vedrà il dollaro e lo yen fare una rimonta contro l’euro e la sterlina. Il FOMC – Federal Open Market Committee – Meeting Minutes, il più importante evento sui dati per l’occupazione, si concluderà venerdì con il NFP che presenterà le decisioni sui tassi nella zona euro e nel Regno Unito. Questi sono i principali market mover della lista per la seconda settimana del 2014. Ecco la nostra prospettiva sui principali eventi che possono influenzare il forex trading.

La settimana scorsa la prima relazione sui reclami settimanali dei senza lavoro statunitensi nel 2014 ha registrato un aumento del numero di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, 339.000. Il dato è sostanzialmente in linea con il consensus di mercato ed è sceso di 2.000 richieste dalla settimana precedente. L’altra buona notizia è arrivata con la fiducia dei consumatori degli Stati Uniti, che salgono a 78,1 nel mese di dicembre dopo la pubblicazione di 72 punti nel mese precedente. La crescita soddisfacente della produzione manifatturiera sostiene il trend di crescita raggiungendo il 57,0 dopo il 56,4 del mese precedente. Tutto sommato l’economia statunitense continua ad espandersi, un buon auspicio per il 2014.

Il Senato degli Stati Uniti voterà per approvare la nomina di Janet Yellen come presidente della Federal Reserve per il periodo che va da Febbraio 2014 a gennaio 2018. Eventuali ritardi potrebbero pesare sul dollaro.

Il deficit commerciale degli Stati Uniti si è ridotto a 40,6 miliardi dollari nel mese di ottobre dal gap di settembre di 43 miliardi dollari a causa della elevata esportazione di prodotti energetici. Le esportazioni sono cresciute del 1,8% ad un record di 192,7 miliardi dollari. Le importazioni sono salite dello 0,4 % a 233,3 miliardi dollari, il più alto dal marzo 2012. Le importazioni di petrolio sono aumentate del 1,5% .

La BCE è improbabile che cambi la sua politica a gennaio , ma potrebbe certamente accennare circa la politica looser nel prossimo incontro. Ci sono alcuni segnali incoraggianti nel vecchio continente, ma le condizioni finanziarie restano strette e la deflazione è una minaccia, soprattutto con un forte valore della moneta. Draghi tende a zig- zag tra un messaggio di ottimismo e uno pessimistico.

Foto originale by Simon Cunningham