Oro, i fattori che fanno credere che trend rialzista proseguirà

L’oro è salito al livello più alto in più di una settimana martedì. Mentre il dollaro e le azioni si sono indebolite dopo che il Fondo Monetario Internazionale ha ridotto le previsioni di crescita economica globale dell’anno, con maggiori acquisti da parte delle banche centrali che hanno prestato ulteriore sostegno.

L’oro è salito dello 0,5% a $ 1.303,98 per oncia, avendo raggiunto il massimo dal 28 marzo a $ 1,306.09. I futures su oro USA si sono attestati a $ 6,40 in rialzo a $ 1,308,30.

“La ragione principale è il fatto che il FMI ha declassato la crescita economica globale dal 3,5 al 3,3 percento; che insieme alle notizie del fine settimana che la Cina stava aumentando le loro scorte d’oro, il trading dell’oro è più alto al momento”, ha detto Bob Haberkorn, senior strategist del mercato di RJO Futures.

Il quale poi ha aggiunto: “Le previsioni del FMI hanno dei piccoli problemi nei mercati, alcuni volo in sicurezza acquistando solo basato su quello. Vedremo un ritorno a $ 1325 nelle prossime due settimane circa.”

Il Fondo monetario internazionale ha tagliato le previsioni di crescita globale per il 2019 e ha avvertito che la crescita potrebbe rallentare ulteriormente se le tensioni commerciali persistessero e se la Gran Bretagna dovesse uscire disordinatamente dall’Unione Europea. , il più grande consumatore di oro al mondo, ha aumentato le sue riserve auree per un quarto mese consecutivo a marzo.

Anche la Turchia ha aumentato le partecipazioni. L’indice del dollaro è sceso al livello più basso in più di una settimana, mentre i principali indici di Wall Street sono scesi. I dati deboli degli Stati Uniti hanno aumentato la domanda di lingotti. Le aperture di lavoro sono diminuite a febbraio e vi è stato un calo dei nuovi ordini di beni prodotti dagli Stati Uniti. I dati sui libri paga non agricoli della settimana scorsa segnalano un rallentamento della crescita dei salari.

“Con alcuni dati discutibili qui negli Stati Uniti e all’estero, ci sarebbe una maggiore necessità di beni rifugio e l’oro sarebbe certamente responsabile di tale accusa”, ha detto David Meger, direttore del trading di metalli presso High Ridge Futures.

“Nel breve termine, riteniamo che l’oro continui a rallentare lentamente verso l’alto.” Gli investitori attendono i verbali della riunione della Federal Reserve degli Stati Uniti di marzo, prevista per mercoledì. Al fine di riflettere sul lato degli investimenti, con le partecipazioni del più grande fondo al mondo quotato in oro, SPDR Gold Trust, rientrando per la sesta seduta consecutiva di lunedì.

Tra gli altri metalli preziosi, il platino spot è scivolato dell’1,5 percento a $ 891,75 l’oncia. Il metallo ha toccato il massimo da maggio 2018 nella sessione precedente. Il palladio ha guadagnato lo 0,2 percento a $ 1,386,01 l’oncia, mentre l’argento è sceso dello 0,1 percento a $ 15,23.

La domanda costante nei mercati tradizionali dell’oro fisico sta inaugurando una nuova fase di spinta verso l’alto, ha detto Trey Reik, senior portfolio manager di Sprott US Holdings. In un rapporto pubblicato lunedì, Reik ha detto che la debolezza dei mercati dei future sull’oro come COMEX, altrimenti noto come “Mercati dell’oro cartaceo”, sono stati storicamente invertiti con la forza nei mercati fisici.

“Dopo lo sforzo non indifferente nei mercati COMEX per raggiungere una chiusura di fine mese per l’oro spot inferiore a $ 1.300, il commercio di oro fisico si è rivelato particolarmente robusto durante la prima settimana di aprile. Per noi, questo suggerisce che il prezzo spot del sotto-$ 1.300 dell’oro è destinato ad essere di breve durata”, ha detto il rapporto.

L’oro prezioso è stato venduto in serie dopo la fine di marzo, oscillando intorno ai $ 1,290 al livello dell’oncia e poi salendo a $ 1,303,50 oncia Martedì. Reik ha notato che la debolezza dei prezzi dell’oro ha tradizionalmente guadagnato slancio nel contesto altamente convinto del COMEX, per poi essere invertita dalla forte domanda nei tradizionali mercati fisici, di cui i due più grandi sono l’India e la Cina.

“In questo modo, globale i mercati fisici fissano i minimi per le correzioni nei mercati dell’oro cartaceo. In effetti, nel valutare il ruolo dei futures e delle opzioni di tipo occidentale nei mercati globali dell’oro, è istruttivo evidenziare quanto lontano sia effettivamente rimosso il trading COMEX da qualsiasi cosa abbia a che fare con i lingotti fisici “. – i premi del dazio, che misurano il premio pagato dagli importatori d’oro indiani in eccesso rispetto alla somma della fascia aurea globale più i dazi doganali indiani, come un barometro per la forza della domanda di oro fisico.

Nei sei giorni chiusi il 29 marzo l’Indian ex-duty premium era in media di $ 5,12 e raddoppiato a $ 10,05, che Reik descriveva come un “segno inequivocabilmente rialzista.”

“Per mettere questo in prospettiva, è come se gli acquirenti di oro indiano, che importano più lingotti di qualsiasi altro paese al mondo, mandassero un segnale a Orsi d’oro COMEX: ‘Ehi, aggiungi solo $ 172 (in dazi, tasse e premi) al prezzo a pronti di qualunque cosa tu voglia vendere e invialo a noi. Prenderemo tutto!’”, afferma il rapporto.

Migliori piattaforme per investire in Oro

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Oro, i tanti fattori che fanno propendere per un mercato rialzista

Vi è un solido supporto per l’oro in quanto fattori multipli influenzano il sentimento del mercato, risultando in un sottotono molto più rialzista. Per il secondo giorno consecutivo l’oro è scambiato moderatamente più alto, guadagnando più di sei dollari oggi corrispondenti ai suoi guadagni di ieri.

Questo sta seguendo l’azione tiepida della scorsa settimana, che ha prodotto un range di negoziazione definito e stretto che tecnicamente, ha formato una base e un livello di supporto appena sotto i $ 1300 l’oncia.

La mossa di ieri e vicino al livello di supporto psicologico chiave di $ 1300 è significativa, e la continuazione di oggi indica non solo un solido sostegno ma un sentimento rialzista rivitalizzato del mercato.

Questo rinnovato vigore è il risultato di molteplici fattori. Innanzitutto c’è il perno di 180 gradi della Federal Reserve, iniziato a gennaio di quest’anno. La dichiarazione del FOMC di gennaio era priva del loro “dot plot”. Questo fu il primo vero segno che la Fed stava per cambiare sostanzialmente la sua politica monetaria. Ciò è stato confermato nella dichiarazione del FOMC dello scorso mese che ha dichiarato che la Fed lascerà i tassi di interesse al livello attuale per tutto il 2019, con un rialzo dei tassi nel 2020. In secondo luogo, si teme che l’attuale disputa commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina abbia avuto la rete effetto del rallentamento dell’economia globale. Ciò è stato confermato oggi quando il Fondo monetario internazionale ha tagliato le prospettive di crescita globale per il 2019. Questo rapporto ha suggerito che tutte le principali economie e la maggior parte delle grandi economie emergenti si stanno deteriorando.

Come riportato oggi sul Wall Street Journal, “la crescita economica globale nel 2019 è iniziata in modo peggiore di quanto era apparso all’inizio dell’anno, con quasi il l’intera economia mondiale inciampa, secondo le nuove previsioni del Fondo Monetario Internazionale. Le ultime previsioni economiche del FMI hanno ridotto le prospettive di crescita nel 2019 al 3,3% da stime del 3,5% a gennaio e del 3,7% ad ottobre. Il declino è stato ampiamente avvertito, con tutte le principali economie avanzate, compresi gli Stati Uniti, e la maggior parte delle principali economie emergenti che vedono un deterioramento delle loro prospettive.”

Questo rallentamento globale potrebbe certamente essere esacerbato dall’annuncio di Donald Trump che imporrà nuove tariffe sui beni europei in risposta a circa $ 11 miliardi di sussidi erogati ad Airbus. Come riportato da MarketWatch, “L’ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha minacciato di imporre tariffe su molte merci europee lunedì pomeriggio come rappresaglia contro le sovvenzioni delle compagnie europee per il costruttore di aerei Airbus , Gli Stati Uniti e l’Unione europea stanno combattendo per i sussidi da oltre un decennio, con gli Stati Uniti che affermano che le sovvenzioni europee non sono corretti nei confronti del produttore americano Boeing Co.”

Infine, l’azione delle banche centrali di tutto il mondo ha accumulato lingotti e aumentato le loro riserve auree. Secondo Kitco News, “Gli analisti hanno notato che la domanda di oro della banca centrale ha fornito un supporto importante per il metallo giallo mentre continua ad affrontare la crescente concorrenza da parte dei mercati azionari in crescita e la forza resiliente nel dollaro USA. Alcuni analisti hanno anche detto che non si aspettano che le banche centrali smettano di comprare oro non appena i paesi ridurranno la loro dipendenza dal dollaro USA.”

È la combinazione di questi tre fattori che hanno riacceso il sentimento rialzista per l’oro. Questi fattori potrebbero continuare a spostare il prezzo dell’oro su una base a lungo termine e comportare prezzi dell’oro sostanzialmente più alti nel prossimo anno.

Oro rimane invariato al cospetto dei dati allarmanti del Fondo Monetario Internazionale

I prezzi dell’oro si stanno avvicinando ai recenti, ma hanno visto poche reazioni dopo che il Fondo Monetario Internazionale ha abbassato le previsioni economiche per l’economia globale.

Nelle sue ultime previsioni di crescita, il FMI ha dichiarato che l’economia mondiale crescerà del 3,3% nel 2019, in ribasso rispetto al precedente stima del 3,5%. Per la più grande economia del mondo, il Fondo monetario internazionale ha detto che vede gli Stati Uniti crescere del 2,3% quest’anno, in ribasso rispetto alle previsioni precedenti del 2,5%.

Gli analisti si aspettavano per lo più il downgrade, quindi c’è stata una reazione muta nei mercati finanziari. I prezzi dell’oro mantengono guadagni modesti, scambiando vicino a un massimo di una settimana nella risposta iniziale ai dati economici.

I future sull’oro di giugno hanno scambiato a $ 1,308,80 l’oncia, in rialzo dello 0,53% sul giorno.

Il FMI ha detto che, sebbene le prospettive di crescita si aspettino di riprendere nella seconda metà dell’anno, i rischi sono inclinati al ribasso a causa della crescente incertezza geopolitica e delle dispute commerciali in corso.

“Mentre le prospettive generali rimangono favorevoli, ci sono molti rischi al ribasso. C’è una tregua difficile sulla politica commerciale, dal momento che le tensioni potrebbero risorgere e giocare in altre aree (come l’industria automobilistica) con grandi disagi alle catene di approvvigionamento globali “, ha detto il FMI nel suo rapporto.

il debito pubblico e privato potrebbe esacerbare i rischi al ribasso. Le prospettive potrebbero essere positive per i prezzi dell’oro. Il FMI ha avvertito che un’ulteriore debolezza economica potrebbe pesare sul sentiment del mercato.

Guardando le altre previsioni nazionali, il Fondo monetario internazionale ha detto che vede l’economia dell’Eurozona crescere dell’1,3% quest’anno, in calo rispetto alla precedente stima dell’1,6%. Si prevede che l’economia del Canada crescerà dell’1,5%, in calo rispetto alla previsione precedente dell’1,9%.

L’unico punto luminoso nel rapporto del FMI è in Cina; il fondo ha aumentato la previsione del 2019 al 6,3%, in rialzo rispetto alla precedente proiezione del 6,2%.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY